Bagliori d’energia oscura nel cuore del Gran Sasso

La forza misteriosa che costituisce circa il 70 per cento dell’universo, responsabile della sua espansione accelerata, potrebbe essere all’origine di eventi anomali registrati dall’esperimento Xenon1T nei Laboratori nazionali del Gran Sasso, un rivelatore costruito in realtà per catturare materia – non energia – oscura. A guidare lo studio, pubblicato su Physical Review D, Sunny Vagnozzi dell’Università di Cambridge e Luca […]

» Read more

Gli scienziati osservano il primo uragano spaziale sopra la Terra

Gli astrofisici avevano precedentemente rilevato uragani spaziali nelle atmosfere inferiori di Giove, Marte e Saturno e persino sul Sole, ma dubitavano che un evento simile potesse verificarsi nell’atmosfera superiore della nostra Terra. Un team internazionale di scienziati guidato da ricercatori dell’Università di Shandong in Cina ha osservato il primo uragano spaziale mai visto sopra la Terra, una scoperta che hanno […]

» Read more

La pianta carnivora che crea campi magnetici

Per misurare i segnali biomagnetici della Venere acchiappamosche sono stati utilizzati magnetometri atomici La dionea o Venere acchiappamosche (Dionaea muscipula  è una pianta carnivora che intrappola le prede utilizzando le sue foglie modificate, durante questo processo, segnali elettrici noti come potenziali d’azione innescano la chiusura dei lobi fogliari.  Ora lo studio “Action potentials induce biomagnetic fields in carnivorous Venus flytrap plants”, pubblicato […]

» Read more

Razzo a riconnessione magnetica. Sfrutta il meccanismo alla base dei brillamenti solari

Una ricercatrice del Princeton Plasma Physics Laboratory ha proposto un nuovo tipo di propulsore al plasma che sfrutta il fenomeno della riconnessione magnetica per accelerare ed espellere bolle di plasma, ottenendo una spinta efficace del razzo generata da gas di scarico dieci volte più veloci di quelli di altri propulsori. Con un commento di Alessandro Bemporad dell’Inaf di Torino Una […]

» Read more

Forse abbiamo rilevato per la prima volta un segnale radio da un esopianeta. Cosa significa?

Grazie a una nuova tecnica basata sul rilevamento delle emissioni radio, un team di astronomi ha scoperto un debole segnale radio proveniente da un esopianeta La caccia a nuovi mondi continua senza sosta. E ora, sembrerebbe proprio che un team di astronomi internazionale, coordinato dalla Cornell University, sia riuscito a identificare un segnale radio proveniente da un esopianeta, nella costellazione di Boötis. Un debole e […]

» Read more

Marte trasformato in un deserto dalle correnti elettriche dell’atmosfera marziana

Grazie a cinque anni di dati raccolti dalla sonda spaziale Maven della Nasa, è stato possibile creare una mappa delle correnti elettriche che fluiscono nell’atmosfera marziana. Svolgendo un ruolo fondamentale nella perdita dell’atmosfera, queste correnti hanno contribuito a trasformare il Pianeta rosso da mondo potenzialmente adatto alla vita a deserto inospitale. Tutti i dettagli su Nature Atronomy. Si pensa che […]

» Read more

La migliore foto mai scattata del sole annuncia una nuova era

Diffuse le prime, dettagliatissime, immagini della superficie solare ottenute con il nuovo osservatorio statunitense Inouye Solar Telescope, dotato di uno specchio primario da ben quattro metri, nonché di un complesso sistema di raffreddamento per dissipare l’enorme calore prodotto È un periodo d’oro per la fisica solare. Dopo i primi risultati scientifici della sonda Nasa Parker Solar Probe e l’imminente lancio del satellite europeo Solar […]

» Read more

Ora conosciamo per la prima volta l’aspetto di un elettrone

I fisici dell’Università di Basilea, hanno mostrato per la prima volta come appare la geometria di un singolo elettrone. La scoperta è stata effettuata utilizzando un metodo recentemente sviluppato che consente agli scienziati di calcolare la probabilità che un elettrone sia presente in uno spazio. Questo, a sua volta, porta a un migliore controllo dello spin degli elettroni, che potrebbe servire come la […]

» Read more

Mistero in Brasile: trovata una megattera in Amazzonica ma nessuno sa spiegarsi come sia finita lì [FOTO e VIDEO]

L’animale è stato ritrovato nell’isola di Marajó, che si trova alla foce del Rio delle Amazzoni, a circa 15 metri dalla costa oceanica

» Read more
1 2