Sir David Attenborough: «Senza una forte azione per il clima, il mondo rischia il collasso totale»

Drammatico intervento al Consiglio di sicurezza dell’Onu: «Sono le persone che vivono oggi e, in particolare, i giovani, che vivranno con le conseguenze delle nostre azioni» Aprendo un dibattito di alto livello al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, inil segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha sottolineato che «E’ necessaria un’azione più collettiva per affrontare i rischi che i cambiamenti […]

» Read more

Progetto di rimboschimento globale delle foreste

Gli scienziati propongono un metodo in tre fasi per ripristinare le foreste pluviali tropicali estremamente degradate in ogni parte del mondo. La deforestazione continua ad essere estesa ai tropici, con conseguente riduzione del contenuto di acqua del suolo. Il rimboschimento è un modo efficace per recuperare il contenuto di acqua del suolo, ma il recupero dipende dal tipo di sforzi […]

» Read more

Scopri questi 8 consigli per risparmiare energia a casa e prenderti cura del pianeta

Ti diamo questi trucchi per ridurre il costo dell’elettricità nella tua casa in modo semplice. Inoltre, contribuirai alla cura del pianeta! Risparmiare energia non solo ci consente di risparmiare denaro, ma anche di risparmiare risorse. Oltre ad avere un impatto positivo sulla nostra economia, è benefico per il pianeta. Pertanto, è importante acquisire abitudini di consumo responsabile a casa. Queste sono alcune di loro, […]

» Read more

Vita marina compromessa dal riscaldamento globale

Una ricerca evidenzia che il riscaldamento globale sta provocando un effetto diretto e drammatico sugli ambienti marini di tutto il nostro pianeta. Man mano che le ondate di calore dovute al clima diventano più frequenti e intense, aumenta l’urgenza di capire come stanno rispondendo le specie termicamente sensibili. Eventi di riscaldamento acuti che durano da giorni a mesi possono suscitare […]

» Read more

Quando muore un grande scienziato. La scomparsa del premio Nobel Paul J. Crutzen, l’inventore dell’Antropocene

Ha studiato le cause del buco nello strato di ozono e l’impatto dell’umanità sul pianeta e il clima A 87 anni, è deceduto, dopo diversi anni di malattia, Paul J. Crutzen. Nato nei Paesi Bassi, è stato direttore dal 1980 al 2000 del dipartimento di chimica atmosferica del Max-Planck-Institut für Chemie. Insieme a Mario J. Molina e F. Sherwood Rowland ha ricevuto […]

» Read more

I leader indigeni denunciano Bolsonaro alla Corte dell’Aia per crimini contro l’umanità ed ecocidio

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro potrebbe finire sul banco degli imputati del Tribunale penale internazionale dell’Aia per crimini contro l’umanità. A muovere le pesanti accuse due dei più influenti leader indigeni insieme ad alcune associazioni impegnate nella tutela dei diritti umani, che hanno chiesto al tribunale con sede nei Paesi Bassi di indagare sulle sue politiche ambientali disastrose e le persecuzioni […]

» Read more

Forte riduzione della biodiversità delle api in tutto il mondo

A causa di pesticidi, specie invasive e cambiamenti climatici, dagli anni ’90 potrebbero essere scomparse un quarto delle specie di Api Esistono più di 20.000 specie di api selvatiche che forniscono servizi di impollinazione essenziali per la riproduzione di centinaia di migliaia di specie vegetali e sono anche fondamentali per la produttività di circa l’85% delle colture. Questi preziosi impollinatori […]

» Read more

Il fondale marino dello Stretto di Messina è il più sporco del mondo. Nel Mediterraneo è emergenza rifiuti marini (VIDEO)

Oltre i 1.000 metri di profondità, spesso la biomassa pescata con lo strascico (pesci, crostacei, molluschi) è uguale o inferiore a quella dei rifiuti. Indagati dai ricercatori anche i fondali del canyon di Nora e delle Bocche di Bonifacio Lo studio “The quest for seafloor macrolitter: a critical review of background knowledge, current methods and future prospects”, pubblicato su Environmental Research Letters  da un […]

» Read more

Il manto nevoso brilla nel deserto del Sahara solo per la quarta volta in 42 anni

Il Sahara è notoriamente caldo, secco e generalmente inospitale. Sì, piove, e sì, è punteggiato di oasi verdi occasionali, ma è un’occasione molto rara vedere scintillare la luce del sole a causa della formazione del manto nevoso. In effetti, la scorsa settimana questo evento raro si è ripresentato per la quarta volta negli ultimi 42 anni. Fortunatamente, il fotografo locale Karim Bouchetata era lì […]

» Read more

Le praterie di Posidonia possono catturare ed estrarre la plastica che finisce nel Mar Mediterraneo

Le piante marine raccolgono la plastica nelle palle di Poseidone che poi si spiaggiano Secondo lo studio “Seagrasses provide a novel ecosystem service by trapping marine plastics”, pubblicato su  Scientific Reports da un team di ricercatori dell’Universitat de Barcelona (UB), «Le praterie di Posidonia oceanica – una fanerogama marina endemica del Mediterraneo che svolge un importante ruolo ecologico nell’ambiente marino – possono catturare le materie […]

» Read more
1 2 3 83