Scoperta una stella “al contrario” che gira in direzione diversa rispetto ai suoi pianeti

Il sistema planetario K2-290 ospita due esopianeti in orbita retrograda rispetto al senso di rotazione della stella madre. Alla scoperta, pubblicata su Pnas, hanno contribuito i dati acquisiti al Telescopio nazionale Galileo dell’Inaf con lo spettrografo Harps-N, protagonista delle prime osservazioni del sistema È un sistema alquanto contorto, K2-290: è formato da tre stelle, attorno a una delle quali – […]

» Read more

Questo radiotelescopio è così potente da poter vedere la superficie di altri pianeti

Grazie a un nuovo aggiornamento del Green Bank Telescope (GBT) nel West Virginia (USA), il più grande radiotelescopio direzionale al mondo, gli scienziati saranno in grado di avere una visione senza precedenti della superficie degli oggetti nel Sistema Solare. In un test, gli scienziati sono stati in grado di utilizzare il telescopio per ottenere immagini del sito di atterraggio sulla […]

» Read more

Koi-5Ab, il pianeta con tre Soli

Dopo una lunga caccia durata molti anni, che ha visto coinvolti due telescopi spaziali – Kepler e Tess – e diversi telescopi terrestri, finalmente è stata confermata l’esistenza di Koi-5Ab, un pianeta simile a uno dei nostri giganti gassosi, come Giove o Saturno, e appartenente a un sistema triplo piuttosto insolito Poco dopo l’inizio delle operazioni della missione Kepler della Nasa, nel […]

» Read more

Forse abbiamo rilevato per la prima volta un segnale radio da un esopianeta. Cosa significa?

Grazie a una nuova tecnica basata sul rilevamento delle emissioni radio, un team di astronomi ha scoperto un debole segnale radio proveniente da un esopianeta La caccia a nuovi mondi continua senza sosta. E ora, sembrerebbe proprio che un team di astronomi internazionale, coordinato dalla Cornell University, sia riuscito a identificare un segnale radio proveniente da un esopianeta, nella costellazione di Boötis. Un debole e […]

» Read more

I nuovi mega-incendi stanno minacciando più di 4.400 specie in tutto il mondo

Le tre cause principali: cambiamento climatico globale, utilizzo del suolo e invasioni biotiche Lo studio “Fire and biodiversity in the Anthropocene”, pubblicato su Science da un team internazionale di 27 ricercatori guidati da . Luke Kelly della School of ecosystem and forest sciences dell’università di Melbourne, rivela che «I cambiamenti nell’attività degli incendi stanno mettendo a rischio più di 4.400 specie in tutto il […]

» Read more

Cerere è un pianeta nano con un ocenano affermano gli scienziati

Il pianeta nano Cerere – a lungo considerato una roccia spaziale sterile – è un mondo oceanico con serbatoi di acqua di mare sotto la sua superficie, lo ha scoperto un’importante missione di esplorazione spaziale. Cerere è l’oggetto più grande nella  fascia di asteroidi  tra Marte e Giove, che ha permesso alla sonda spaziale Dawn della NASA di acquisire immagini ad alta […]

» Read more

RIFLESSIONI STORICHE DELLA FISICA: da Archimede, …, Newton, …, Einstein a oggi.

Io ing. Santo Armenia, nato a Ispica il 20/04/1954 e residente a Pozzallo via G. Ungaretti n.25 (cell.: 3348933394; sito web: www.armeniasanto.it;  email: ing.santoarmenia@tiscali.it), ingegnere libero professionista, dal 2015 in pensione, tre anni fa, osservando possibili contraddizioni nella Fisica, ho iniziato il mio percorso di libero ricercatore scientifico. Durante questo mio percorso, ancora non concluso, approfondendo il paradigma della teoria […]

» Read more

Proxima c sarebbe il secondo pianeta di Proxima centauri l’esopianeta a noi più vicino

Un secondo possibile pianeta attorno a Proxima Centauri è stato individuato da un team coordinato da Mario Damasso dell’Inaf e Fabio Del Sordo dell’università di Creta. Ha un segnale con periodo di 5.2 anni compatibile con l’esistenza di un secondo pianeta con massa minima circa sei volte la massa della Terra e con orbita pari a circa la distanza media […]

» Read more

Ecco la foto della prima cometa interstellare

Nella notte tra il 9 e il 10 settembre, il Gemini North Telescope a Maunakea ha immortalato la prima cometa interstellare che sta entrando nel Sistema solare interno, C/2019 Q4 (Borisov). Attualmente, data la sua posizione in cielo, è di difficile osservazione, ma il suo percorso iperbolico la porterà a condizioni di osservazione più favorevoli nei prossimi mesi

» Read more

Sembra che Giove si sia scontrato con (e inghiottito) un enorme pianeta

Un nuovo studio della Rice University (USA) e della Sun Yat-sem University (Cina) suggerisce che Giove si è scontrato con un pianeta embrionale all’inizio del nostro sistema solare, circa 4,5 miliardi di anni fa. Questo impatto si adatta perfettamente a un modello che tenta di spiegare le scoperte fatte dal veicolo spaziale Juno della NASA.

» Read more
1 2