Tracce di supernove negli anelli degli alberi

L’abitabilità planetaria può essere influenzata dall’esposizione alle radiazioni gamma emesse dalle supernove. Le registrazioni impresse nei tronchi degli alberi, che testimoniamo la storia della Terra fino a 40mila anni fa, sono compatibili con l’esplosione di supernove vicine in otto casi, almeno quattro dei quali potrebbero aver innescato perturbazioni del clima terrestre. Tutti i dettagli su International Journal of Astrobiology Un […]

» Read more

Acqua su Marte forse presente già 4,4 miliardi di anni fa

Un meteorite di origine marziana, risalente a miliardi di anni fa, rivela i dettagli di antichi eventi avvenuti sul Pianeta rosso. Alcuni minerali della crosta marziana presenti nel meteorite sono ossidati, suggerendo la presenza di acqua durante l’impatto da cui è stato creato il meteorite stesso. La scoperta aiuta a colmare alcune lacune nella conoscenza del ruolo dell’acqua nella formazione […]

» Read more

Individuato il più piccolo pianeta solitario finora scoperto

Un team internazionale di ricercatori, guidato dagli astrofisici del progetto Ogle dell’Osservatorio astronomico dell’Università di Varsavia, ha individuato il più piccolo pianeta solitario finora scoperto avvalendosi del microlensing gravitazionale. Sono oltre quattromila gli esopianeti scoperti fino ad oggi e, sebbene molti di questi non assomiglino ai pianeti del nostro Sistema solare, hanno tutti una cosa in comune: orbitano attorno alla loro stella madre. […]

» Read more

Sorridi, da queste stelle ti potrebbero guardare

Un nuovo studio pubblicato su Mnras riporta la lista di 1004 stelle di sequenza principale, tutte entro circa 300 anni luce dalla Terra, attorno alle quali potrebbero orbitare pianeti nelle rispettive zone abitabili. La posizione di questi esopianeti è tale per cui un osservatore su di essi sarebbe in grado di rilevare facilmente la Terra – e le tracce chimiche […]

» Read more

Antichi fiumi su un asteroide. La scoperta della NASA

Il 20 ottobre prossimo la sonda preleverà un campione dell’asteroide Bennu con l’obbiettivo di confermare la presenza di carbonato. Tra pochi giorni la sonda OSIRIS-REx effettuerà un prelievo dal suolo della superficie di Bennu, il piccolo asteroide studiato dalla sonda della NASA lanciata nel 2016. Le previsioni degli esperti indicano la presenza di carbonato, una sostanza che sulla Terra viene depositata dall’acqua. […]

» Read more

Ci sarebbero pianeti più ospitali della Terra: i pianeti superabitabili

Da un recente studio della Washington State University, sembrerebbe che ci siano pianeti migliori per sviluppare e sostenere la vita, rispetto alla Terra. Si chiamano pianeti superabitabili e i ricercatori ne hanno identificate due dozzine, tutti a più di 100 anni luce di distanza dalla Terra. Tutti i dettagli sulla rivista Astrobiology Da un recente studio della Washington State University (Wsu), sembra […]

» Read more

La Terra primordiale potrebbe aver perso il 60 per cento della sua atmosfera

Utilizzando un nuovo codice di simulazione e un potente supercomputer, un gruppo di astronomi guidati dall’Università di Durham (Uk) ha studiato gli effetti che le violente collisioni avvenute nel Sistema solare hanno avuto sull’atmosfera dei mondi che oggi lo popolano, compresi quelli sull’atmosfera terrestre a seguito dell’ipotetico impatto gigante tra la proto-Terra e Theia. Tutti i dettagli su Apj Letters […]

» Read more

Marte, nuova scoperta italiana trovata la presenza di laghi sotterranei

Grazie al radar Marsis dell’orbiter Esa Mars Express, un team guidato da Sebastian Emanuel Lauro ed Elena Pettinelli dell’Università di Roma Tre ha confermato la presenza di un complesso sistema di laghi d’acqua salata sotto la calotta del polo sud marziano. Roberto Orosei (Inaf): «Potrebbero conservare ancora oggi le tracce di eventuali forme di vita» A due anni dalla scoperta […]

» Read more

La forza di gravità della Terra sta per catturare una strana “miniluna” che vaga nello spazio

Il telescopio Pan-STARRS1 dell’Osservatorio di Haleakala (isole Hawaii) ha intercettato un misterioso oggetto che entro il 15 ottobre verrà catturato dalla forza di attrazione gravitazionale terrestre. Chiamato 2020 SO, sarà la terza “miniluna” ad essere riconosciuta dagli astronomi. Ma a differenza delle altre due, molto probabilmente ha un’origine artificiale. La Terra ha un solo, grande satellite naturale, la Luna, che […]

» Read more

Scoperta senza precedenti: un pianeta gigante orbita attorno a una stella morente

I ricercatori hanno osservato per la prima volta un pianeta gigante in orbita attorno alla sua stella, una nana bianca . È la prova più forte finora che i pianeti possono sopravvivere alla morte violenta delle loro stelle madri. La nana bianca, nota come WD 1856, fa parte di un sistema ternario (con tre stelle) a circa 80 anni luce da qui. Il possibile esopianeta è […]

» Read more
1 2 3 94