Acqua su Marte forse presente già 4,4 miliardi di anni fa

Un meteorite di origine marziana, risalente a miliardi di anni fa, rivela i dettagli di antichi eventi avvenuti sul Pianeta rosso. Alcuni minerali della crosta marziana presenti nel meteorite sono ossidati, suggerendo la presenza di acqua durante l’impatto da cui è stato creato il meteorite stesso. La scoperta aiuta a colmare alcune lacune nella conoscenza del ruolo dell’acqua nella formazione […]

» Read more

Il ghiaccio marino artico alla fine di ottobre non si è ancora formato: è la prima volta

ghiaccio marino artico

Nel Mare di Laptev, innanzi alla costa siberiana, il ghiaccio marino artico non ha ancora iniziato a formarsi. È la prima volta nella storia che viene documentato un simile fenomeno, che potrebbe avere conseguenze drammatiche per gli equilibri ecologici. La ragione del mancato congelamento risiede nell’ondata di calore estrema che ha colpito l’area del circolo polare artico nei mesi scorsi. […]

» Read more

Sorridi, da queste stelle ti potrebbero guardare

Un nuovo studio pubblicato su Mnras riporta la lista di 1004 stelle di sequenza principale, tutte entro circa 300 anni luce dalla Terra, attorno alle quali potrebbero orbitare pianeti nelle rispettive zone abitabili. La posizione di questi esopianeti è tale per cui un osservatore su di essi sarebbe in grado di rilevare facilmente la Terra – e le tracce chimiche […]

» Read more

L’Amazzonia si potrebbe trasformare in una savana

Secondo uno studio, il 40% della foresta pluviale dell’Amazzonia rischia di diventare un ecosistema simile a una foreste pluviali o una savana. Le foreste pluviali sono molto sensibili ai cambiamenti che influenzano le precipitazioni per lunghi periodi. Se le precipitazioni scendono al di sotto di una certa soglia, le aree possono trasformarsi in uno stato di savana. «In circa il […]

» Read more

Copernicus: il buco dell’ozono è arrivato alla sua massima estensione e profondità

E’ la conferma che dobbiamo continuare ad applicare il protocollo di Montreal Secondo il Copernicus Climate Change Service (C3S), implementato dall’  European Centre for Medium-Range Weather Forecasts (ECMWF) della Commissione europea, «Il buco dell’ozono di quest’anno ha raggiunto la sua massima estensione e in generale grandi dimensioni a livello di profondità e ampiezza negli ultimi anni. E’ stato osservato che le concentrazioni […]

» Read more

Antartide: scoperta enorme fuga di metano dal fondale oceanico. Il video

Il metano è considerato uno dei gas più dannosi per l’atmosfera. Un’enorme fuga di gas al di sotto dell’Antartide è stata scoperta da un team di esperti e descritta su Proceedings of the Royal Society B. Le fughe di gas rappresentano un fenomeno non raro nelle profondità degli oceani. Colonie di microbi abitano su queste strutture ingurgitando il metano, un gas ad […]

» Read more

L’artico siberiano é di nuovo in fiamme

L’Artico è di nuovo in fiamme. L’Artico siberiano ha dovuto subire temperature record per il secondo anno consecutivo e ora è in fiamme con alcuni dei peggiori incendi che si siano visti nella memoria recente. Il Servizio per i cambiamenti climatici di Copernicus , il programma di osservazione della Terra dell’UE, ha recentemente riferito che ci sono attualmente livelli record di incendi nell’Artico […]

» Read more

Questa mostruosa nuvola di polvere del Sahara sta arrivando verso l’Amazzonia

Ogni anno nel deserto del Sahara, sul lato opposto dell’Oceano Atlantico, si forma una così grande nuvola di polvere che si sposta verso le Americhe ed è stata soprannominata Godzilla. È la più grande nuvola degli ultimi 20 anni registrata dagli scienziati, infatti ha circa il 65% di polvere in più rispetto alle tracce precedenti.  Come si forma la nuvola […]

» Read more

Scoperta una Super-Terra al centro della Via Lattea

Vicino al centro della galassia, a quasi 25mila anni luce da noi, c’è un pianeta chiamato per ora in un modo quasi impronunciabile: OGLE-2018-BLG-0677Lb. In attesa di un nome più semplice, questo mondo alieno ha già ottenuto i suoi 15 minuti di celebrità per due motivi: primo, per le sue caratteristiche che lo rendono potenzialmente adatto ad ospitare la vita; secondo, per l’estrema rarità […]

» Read more

I test atomici della Guerra Fredda hanno modificato i modelli delle piogge nel mondo

Per i due anni successivi ai test atomici con le bombe nucleari effettuati da Stati Uniti ed Unione Sovietica la quantità di precipitazioni ha subito un radicale cambiamento I test nucleari avrebbero influenzato la quantità di precipitazioni sulla terra per i due anni successivi. È quanto emerge dai risultati di una nuova ricerca legata all’impatto dei test sulle bombe nucleari […]

» Read more
1 2 3 10