Bagliori d’energia oscura nel cuore del Gran Sasso

La forza misteriosa che costituisce circa il 70 per cento dell’universo, responsabile della sua espansione accelerata, potrebbe essere all’origine di eventi anomali registrati dall’esperimento Xenon1T nei Laboratori nazionali del Gran Sasso, un rivelatore costruito in realtà per catturare materia – non energia – oscura. A guidare lo studio, pubblicato su Physical Review D, Sunny Vagnozzi dell’Università di Cambridge e Luca […]

» Leggi tutto

Il fisico Michio Kaku:«Colleghi, mente aperta sugli UFO»

Fisici e astrofisici, tenete la mente aperta sugli UFO. L’invito arriva da un loro illustre collega, considerato non solo uno dei ricercatori più brillanti in circolazione, ma anche un saggista di successo, autore di vari libri sul cosmo e sulla tecnologia del futuro, e un ottimo divulgatore scientifico. Lui è Michio Kaku, fisico teorico che ha legato il suo nome alla Teoria […]

» Leggi tutto

L’universo e il cervello umano sono spaventosamente simili: lo studio

Un astrofisico dell’Università di Bologna e un neurochirurgo dell’Università di Verona hanno confrontato la rete di cellule neuronali nel cervello umano con la rete cosmica di galassie … e sono emerse somiglianze sorprendenti Nel loro articolo pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Physics , Franco Vazza (astrofisico presso l’Università di Bologna) e Alberto Feletti (neurochirurgo presso l’Università di Verona) hanno indagato sulle somiglianze tra […]

» Leggi tutto

Tempesta di materia oscura si abbatte contro la Terra: cosa sta succedendo

Gli astrofisici dell’università spagnola di Saragozza hanno calcolato che la Terra in questo momento viene investita da una “tempesta” di materia oscura, una componente di materia dell’Universo che ancora non siamo in grado di rilevare. Il fenomeno origina da un flusso stellare denominato S1, resti di una galassia nana divorata dalla Via Lattea tanto tempo fa.

» Leggi tutto

Potremmo essere vicini alla ricerca di qualcosa di straordinario con LHC

Nella scienza, le ipotesi sono formulate, testate e, in caso di successo, diventano teorie. Si potrebbe anche pensare che siamo giunti alla fine, ma non lo è. Le teorie allora continua ad essere messe in discussione. Il processo non si ferma mai. E ora, sembra che il Large Hadron Collider  ci aiuterà a riscrivere la scienza ancora una volta. Nuovi test inizieranno […]

» Leggi tutto

L’energia oscura è un falso problema?Dalla relatività una risposta alternativa

L’energia oscura rappresenta il mistero più profondo della moderna cosmologia. Gli astronomi ritengono che si tratti di una forma sconosciuta di energia che sembra responsabile dell’espansione accelerata dell’Universo. Oggi, in un nuovo studio condotto dal professor Edward Kipreos della University of Georgia, viene suggerito un nuovo approccio secondo cui se si cambia il modo di pensare alla dilatazione dei tempi, […]

» Leggi tutto

E se la materia oscura si consumasse?

È difficile immaginarselo visto che di essa nulla si conosce, ma la materia oscura starebbe consumandosi a favore dell’energia oscura. È quanto afferma uno studio condotto da un gruppo di ricercatori delle Università di Roma “La Sapienza” e Portsmouth, pubblicato su Physical Review Letters. Di Corrado Ruscita  

» Leggi tutto

I dieci enigmi per capire chi siamo – Dall’Universo al DNA: ciò che la scienza non ha ancora compreso

Di cosa è fatto l’Universo? Cos’è l’energia oscura? Esiste una legge del tutto? Siamo soli nell’Universo? Come funziona la mente umana? Fino ad ora abbiamo discusso solo di universi che apparentemente “si comportavano bene” e che corrispondevano ai dati sperimentali, ma adesso potremmo finalmente essere vicini a dare delle risposte a queste domande. Abbiamo scoperto che l’Universo adotta meccanismi più […]

» Leggi tutto

L’UNIVERSO È PIÙ VECCHIO DEL PREVISTO: NUOVO RITRATTO DA ESA PLANCK

Credit: ESA and the Planck Collaboration Come gli archeologi setacciano i resti delle antiche civiltà del passato, così gli scienziati della missione ESA Planck hanno realizzato la mappa della più antica luce dell’Universo: i primi risultati indicano che l’Universo è in realtà un po’ più vecchio del previsto e si espande più lentamente di quanto finora ipotizzato. In base alle osservazioni di Planck, […]

» Leggi tutto

La fine del mondo non c’è stata,ma quella vera avverrà tra 4,8 miliardi di anni

La fine del Mondo quella annunciata dai Maya non c’è stata e non ci sarà: NASA e  CNRS francese con argomentazioni scientifiche hanno smentito e anche spiegato perché la profezia Maya è stata fraintesa. Ma la fine del mondo ci sarà ed è anche prevedibile, anche se non abbiamo idea di chi vi assisterà: tra 4,8 miliardi di anni.

» Leggi tutto
1 2