L’artico siberiano é di nuovo in fiamme

L’Artico è di nuovo in fiamme. L’Artico siberiano ha dovuto subire temperature record per il secondo anno consecutivo e ora è in fiamme con alcuni dei peggiori incendi che si siano visti nella memoria recente. Il Servizio per i cambiamenti climatici di Copernicus , il programma di osservazione della Terra dell’UE, ha recentemente riferito che ci sono attualmente livelli record di incendi nell’Artico […]

» Read more

Perché il riscaldamento globale porterà meno piogge e più siccità nel Mediterraneo

Uno studio del MIT rivela le basi del forte calo delle precipitazioni previsto da molti modelli I modelli climatici globali variano a seconda delle aree e in molte regioni del mondo il riscaldamento globale farà aumentare le precipitazioni, ma tutti i modelli concordano su una cosa: nei prossimi decenni la regione mediterranea sarà significativamente più secca, con potenzialmente il 40% […]

» Read more

Fratello Sole sorella Terra a tremila anni luce

LA STELLA KEPLER-160 E IL CANDIDATO PIANETA KOI-456.04 Riesaminando i dati fotometrici di Kepler-160, una nana gialla simile al Sole, un team di scienziati guidato dal Max Planck Institute for Solar System Research ha scoperto un candidato pianeta grande circa il doppio della Terra in orbita attorno alla stella a una distanza che potrebbe consentire temperature superficiali favorevoli alla vita, […]

» Read more

I cambiamenti climatici potrebbero far tornare il fenomeno simile a El Niño nell’Oceano Indiano entro il 2100

El Niño e la sua controparte La Niña sono fenomeni meteorologici complessi che si presentano periodicamente a causa delle fluttuazioni delle temperature degli oceani nel Pacifico equatoriale. Queste fasi calde (El Niño) e fredde (La Niña) spostano rispettivamente le calde acque oceaniche verso est e verso ovest attraverso il Pacifico. Ciò può comportare cambiamenti climatici in tutto il mondo, da inondazioni e siccità a ondate di […]

» Read more

Creati dai molluschi tessuti intelligenti che si adattano al meteo: possono rinfrescare la pelle o rilasciare calore, adatti anche a tende e lenzuola

Il tessuto è stato realizzato partendo dalle sostanze chimiche presenti nello scheletro di molluschi, in grado di assorbire e rilasciare energia termica Un nuovo tipo di tessuto intelligente sviluppato in Cina consentira’ di realizzare abiti in grado di raffreddare o riscaldare la pelle di chi li indossa a seconda delle condizioni meteorologiche. Sono i risultati, pubblicati sulla rivista ACS Applied Materials & Interfaces, delle […]

» Read more

Cosa sta succedendo all’anomalo buco dell’ozono sull’Artico

Mentre il buco dell’ozono in Antartide si forma ogni anno durante la primavera australe, quest’anno è in corso un’insolita attività nell’emisfero settentrionale Ogni anno si sviluppa un buco di ozono sopra l’Antartide durante la primavera australe, anche se lo scorso novembre è arrivata segnalazione del più piccolo buco dell’ozono registrato in 35 anni sopra il Polo sud: una minaccia che nel 1987 […]

» Read more

In un Mollusco, i segni dell’universo, di quando il giorno durava 23 ore e mezzo sulla Terra

Settanta milioni di anni fa i giorni erano più brevi di oggi, circa mezz’ora in meno. E in un anno, di conseguenza, ce n’erano 372. Lo ha calcolato un team multidisciplinare di ricercatori misurando gli ”anelli” di un reperto fossile della conchiglia di Torreites Sanchezi, un mollusco ora estinto. Analizzandone la composizione isotopica, i ricercatori sono anche riusciti a ricostruire […]

» Read more

Una misteriosa struttura di 25.000 anni fa costruita con le ossa di 60 mammut

La struttura trovata deve essere stata importante per chi l’ha costruita, dal momento che ci sono voluti tempo e fatica. Questa è la percezione dell’archeologo dell’Università di Exeter, Alexander Pryor. È l’autore principale di uno studio pubblicato su Antiquity. L’esempio dell’architettura del periodo glaciale è stato scoperto in Russia, a Kostenki, nel 2014. Nella regione ci sono circa 70 strutture di questo […]

» Read more

I marziani sono esistiti? Ora c’è quasi la certezza

La nuove tracce scoperte dal rover Curiosity non lascerebbero dubbi. Su Marte ci sono tracce di forme di vita passate. A rivelarlo, ancora una volta, è il rover Curiosity della NASA. Un approfondimento realizzato sulla base di una ricerca realizzata nel 2018, i cui risultati sono stati pubblicati su Astrobiology, indica la presenza di antichi batteri che popolavano la superficie del […]

» Read more

Trovate prove dell’impatto di una cometa frammentata che avrebbe causato la distruzione di uno dei primi insediamenti umani al mondo

Prima che la diga di Taqba sbarrasse il fiume Eufrate nel nord della Siria negli anni ’70, un sito archeologico di nome Abu Hureyra testimoniava il momento in cui gli antichi nomadi si stabilirono e iniziarono a coltivare colture. Un grande tumulo segna l’insediamento, che ora si trova sotto il lago Assad. Ma prima che il lago si formasse, gli archeologi […]

» Read more
1 2 3 5