L’ondata di caldo estremo nel Pacifico del nord-ovest ha cotto milioni di creature marine (VIDEO)

Il bilancio stimato potrebbe essere di più di un miliardo di animali morti

Durante l’ondata di caldo estremo che a fine giugno ha colpito il Pacifico nord-occidentale Usa e alcune parti del Canada, milioni di creature marine che vivevano lungo la costa sono state letteralmente cotte vive dal caldo torrido. I bagnanti che cercavano refrigerio in mare hanno dovuto rinunciare a causa del fetore putrido di molluschi e crostacei cotti dal sole.

Loading...

Chris Harley, un biologo marino dell’università della British Columbia, ha detto alla CBC: «Ero piuttosto sbalordito: sulla Kitsilano Beach di Vancouver, decine di migliaia di cozze morte, vongole, stelle marine, cirripedi e lumache marine ricoprivano a perdita d’occhio le rocce del mare lungo la costa. In particolare, le cozze si erano aperte in due, la loro carne appena cotta ancora annidata all’interno».

In quel fine settimana nella British Columbia hanno frantumato ogni record. Raggiungendo quasi 50° C, temperature da Sahara, non da fredda costa canadese affacciata su un oceano che dovrebbe essere freddo. Per misurare temperature simili sulla costa rocciosa dove prima vivevano le creature marine, il team di Harley ha utilizzato telecamere a infrarossi e stima che  «Il bilancio degli animali marini morti lungo la costa del Salish Sea sia superiore a un miliardo».

Le cozze passano tutta la loro sul limite della marea: quando si alza o si ritira vengono sommerse sott’acqua o rimangono esposte alla luce solare diretta. Con la bassa marea, le cozze si chiudono e trattengono una piccola quantità d’acqua nei loro gusci per non seccarsi. Normalmente, l’acqua che trattengono dovrebbe essere sufficiente per fare da  tampone termico, in modo che possano tollerare temperature intorno ai 32° C per brevi periodi di tempo. Ma Harley fa notare che «Gli effetti combinati del picco di calore del giorno in coincidenza con la bassa marea del pomeriggio erano troppo forti per le cozze. Una cozza sulla riva in qualche modo è come un bambino lasciato in macchina in una giornata calda. Sono bloccati lì finché il genitore non torna, o in questo caso, torna la marea,  e c’è molto poco che possono fare. Sono alla mercé dell’ambiente».

La strage di cozze, ostriche e vongole può avere impatti disastrosi sull’ecosistema: filtrano l’acqua di mare e mantengono l’acqua pulita. Sono anche importanti fonti di cibo per animali più grandi come gli uccelli marini. I molluschi sono vitali per l’economia della regione e gli allevatori di molluschi hanno fatto osservazioni simili sull’ondata di caldo che sta devastando i loro impianti di acquacoltura. Ondate di caldo estreme che si ripetevano ogni 100 anni – e con temperature molto più basse – ora si ripetono una dopo l’altra, con danni economici che stanno diventando estenuanti».

Sebbene gli esperti abbiano descritto l’ultima ondata di caldo  come «piuttosto straordinaria», la CBC fa notare La he  triste verità è che queste morti su vasta scala indotte dal caldo  non sono così inaspettate» e Gizmodo ricorda che, lungo tutta la costa occidentale del Nord America, da anni le popolazioni di stelle marine sono collassate a causa di una misteriosa malattia provocata dal surriscaldamento degli oceani».

Se dal 1995 la Grande Barriera Corallina australiana ha perso metà del suo corallo a causa dello sbiancato causato dal riscaldamento dell’oceano, anche la costa settentrionale della California aveva già sperimentato una simile “cottura” di cozze a giugno. Gli scienziati avevano predetto da tempo un evento come la mortalità marina di massa di giugno e ora  avvertono che in futuro le ondate di caldo  estreme potrebbero verificarsi con maggiore frequenza.

Ma Harley  è fiducioso che l’oceano riuscirà a resuscitare anche da questa catastrofe: «La natura è resiliente; il letto di cozze potrebbe riprendersi in un anno o due. Spero che la tragedia di giugno incoraggi le persone ad agire contro il cambiamento climatico. Dobbiamo lavorare di più per ridurre le emissioni e adottare altre misure per ridurre gli effetti del cambiamento climatico».

Videogallery

  • Extreme heat cooks mussels to death in B.C

Fonte: greenreport.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...