Alzheimer, scoperta rivoluzionaria apre porte a vaccino: potrebbe prevenire 50-80% dei casi

Un team di ricerca dell’Università del Texas Sudoccidentale è riuscito per la prima volta a neutralizzare gli effetti negativi di uno dei fattori genetici responsabili dell’Alzheimer, l’alipoproteina E4. Questa molecola sarebbe in grado di favorire l’accumulo delle placche di beta amiloide nelle cellule e determinare la neurodegenerazione. La scoperta apre le porte a un vaccino innovativo che potrebbe prevenire moltissime […]

» Read more

I ricercatori fanno un passo incredibile verso la cura dell’Alzheimer

I ricercatori hanno completato con successo un test che ha completamente eliminato l’Alzheimer dalle cavie. Il team formato dai ricercatori della Clinica Lerner Research Institute di Cleveland, Stati Uniti d’America, ha scoperto che la fine graduale di un enzima chiamato BACE1 inverte completamente la formazione di placche amiloidi nel cervello dei topi con malattia di Alzheimer, migliorando in tal modo la […]

» Read more

Un cardiochirurgo di fama mondiale ci illumina su ciò che provoca realmente le malattie cardiache

Noi medici con tutta la nostra formazione, la conoscenza e l’autorità spesso acquisiamo un ego piuttosto grande che tende a rendere difficile ammettere che abbiamo torto. Così, eccomi qui. Ammetto di aver sbagliato. Da cardiochirurgo con 25 anni di esperienza, dopo aver effettuato oltre 5.000 interventi chirurgici a cuore aperto, oggi è il mio giorno per riparare al torto fatto […]

» Read more

Due dosi di curcuma al giorno migliorano la memoria e l’umore

Ricercatori americani hanno dimostrato che due dosi al giorno di curcumina da 90 milligrammi ciascuna migliorano la memoria e l’umore. La sostanza, presente anche nel curry, riduce inoltre i segnali delle proteine legate alle patologie neurodegenerative come l’Alzheimer.

» Read more

Il trattamento del diabete può invertire in modo significativo la perdita di memoria del morbo di Alzheimer

In un nuovo studio collaborativo internazionale, gli scienziati hanno scoperto che un farmaco progettato per il diabete di tipo 2 può ridurre significativamente e invertire la perdita di memoria nei ratti con il morbo di Alzheimer. Il prossimo passo della ricerca sarà testare il farmaco sugli esseri umani.

» Read more

I denti si riparano da soli, addio otturazioni grazie a un farmaco per l’Alzheimer

Ricercatori britannici hanno scoperto che una molecola utilizzata nel trattamento dell’Alzheimer è in grado di stimolare le cellule staminali della polpa dentale, avviando un processo naturale di riparazione nei denti danneggiati.

» Read more

Dormire poco fa male al cervello: lo può portare ad auto-divorarsi e si rischia l’Alzheimer

La privazione cronica del sonno spinge le cellule cerebrali deputate alla ‘pulizia’ dei materiali di scarto a un’iperattività, con un raddoppio dei processi di fagocitosi. Tale anomalia è stata già associata a patologie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer.

» Read more

Scienziati scoprono come invertire l’invecchiamento nei topi

I ricercatori hanno identificato un meccanismo cellulare che permette di invertire l’invecchiamento nel DNA del topo e a proteggerlo da danni futuri. Hanno dimostrato che dando un particolare composto ai topi più anziani, si può attivare il processo di riparazione del DNA e non solo per la protezione contro danni futuri, ma riparare gli effetti esistenti dell’invecchiamento. E sono pronti a […]

» Read more

Alzheimer: nuovo esame oculistico può individuare la malattia prima che i sintomi si presentino

Quanto prima il morbo di Alzheimer è diagnosticato, il paziente risponde  meglio al trattamento. Idealmente, il paziente deve iniziare ad avere trattamenti prima di visualizzare i sintomi neurologici. Per cercare di superare in astuzia la malattia, i ricercatori hanno creato  giochi di memoria e la posizione spaziale per identificare il discreto peggioramento nella funzione del cervello.

» Read more
1 2