Studio scopre come capire se una persona è intelligente guardando solo i suoi occhi

Cosa si può dire guardando negli occhi qualcuno? Potresti notare sbalzi d’umore, segni di stanchezza o forse non si sta godendo di qualcosa o qualcuno.

Ma oltre a valutare uno stato emotivo, gli occhi di una persona possono anche fornire indizi sulla sua intelligenza, suggerisce una nuova ricerca . Uno studio condotto presso il Georgia Institute of Technology (USA) mostra che la dimensione delle pupille è “strettamente correlata” alle differenze di intelligenza tra gli individui.

Loading...

Ma oltre a valutare uno stato emotivo, gli occhi di una persona possono anche fornire indizi sulla sua intelligenza, suggerisce una nuova ricerca . Uno studio condotto presso il Georgia Institute of Technology (USA) mostra che la dimensione delle pupille è “strettamente correlata” alle differenze di intelligenza tra gli individui.

Il legame tra allievo e QI

La connessione è stata notata per la prima volta nei compiti di memoria, osservando le dilatazioni della pupilla come segni di sforzo mentale. Gli studi hanno coinvolto più di 500 persone di età compresa tra 18 e 35 anni dell’area di Atlanta, negli Stati Uniti. Le dimensioni della pupilla dei volontari sono state misurate da eye tracker, che utilizzano una fotocamera e un computer per catturare la luce riflessa dalla pupilla e dalla cornea. Come hanno spiegato gli scienziati su Scientific American , i diametri delle pupille variano da due a otto millimetri. Per determinare la dimensione media della pupilla, hanno preso le misure degli studenti a riposo quando i partecipanti guardavano uno schermo vuoto per alcuni minuti.

Un’altra parte dell’esperimento prevedeva di sottoporre i volontari a una serie di test cognitivi che valutavano “l’intelligenza fluida” (la capacità di ragionare di fronte a nuovi problemi), la “capacità di memoria di lavoro” (quanto bene le persone potevano ricordare le informazioni nel tempo) e “controllo dell’attenzione” (la capacità di mantenere l’attenzione focalizzata anche quando si è distratti). Un esempio di quest’ultimo riguarda un controllo che tenta di spostare l’attenzione di una persona su una carta sbiadita, mostrando un asterisco lampeggiante altrove sullo schermo.

I risultati della ricerca erano che avere una pupilla di base più grande era correlato a una maggiore intelligenza fluida, un maggiore controllo dell’attenzione e una capacità di memoria di lavoro ancora maggiore, anche se in misura minore. In uno scambio di e-mail con Big Think , l’autore Jason Tsukahara ha sottolineato: “È importante considerare che ciò che abbiamo trovato è una correlazione, da non confondere con la causalità”.

I ricercatori hanno anche scoperto che la dimensione della pupilla sembrava diminuire con l’età. Le persone anziane avevano pupille più ristrette, ma quando gli scienziati si sono standardizzati sull’età, la connessione tra dimensione della pupilla e intelligenza è rimasta.

Perché le pupille sono legate all’intelligenza?

La connessione tra dimensione della pupilla e QI risiede probabilmente nel cervello. La dimensione della pupilla era precedentemente collegata al locus coeruleus , una parte del cervello responsabile della sintesi dell’ormone e del neurotrasmettitore noradrenalina (noradrenalina), che mobilita il cervello e il corpo per l’azione. L’attività al locus coeruleus influenza i nostri processi di percezione, attenzione, memoria e apprendimento.

Come spiegano gli autori, questa regione del cervello “aiuta anche a mantenere una sana organizzazione dell’attività cerebrale in modo che regioni del cervello distanti possano lavorare insieme per svolgere compiti e obiettivi impegnativi”. Poiché è così importante, la perdita di funzione nel locus coeruleus è stata collegata a condizioni come il morbo di Alzheimer, il Parkinson, la depressione clinica e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

I ricercatori affermano che le persone che hanno pupille più grandi in uno stato di riposo, come ad esempio guardando lo schermo di un computer vuoto, hanno “una maggiore regolazione dell’attività da parte del locus coeruleus “. Questo porta a migliori prestazioni cognitive. Sono necessarie ulteriori ricerche, tuttavia, per capire davvero perché avere pupille più grandi è correlato a una maggiore intelligenza.

Tsukahara ha detto: “Se dovessi speculare, direi che sono le persone con una maggiore intelligenza fluida che sviluppano pupille più grandi, ma di nuovo a questo punto abbiamo solo dati di correlazione”.

Gli altri scienziati ci credono?

Come sottolineano gli scienziati all’inizio del loro articolo, le loro conclusioni sono controverse e, finora, altri ricercatori non sono stati in grado di duplicare i loro risultati. Il team di ricerca affronta questa critica spiegando che altri studi hanno avuto problemi metodologici e hanno esaminato solo la capacità di memoria ma non l’intelligenza fluida, che è ciò che hanno misurato.

Foto di Klausi Shippe da Pixabay 

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAMSe ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...