I ricercatori fanno un passo incredibile verso la cura dell’Alzheimer

I ricercatori hanno completato con successo un test che ha completamente eliminato l’Alzheimer dalle cavie. Il team formato dai ricercatori della Clinica Lerner Research Institute di Cleveland, Stati Uniti d’America, ha scoperto che la fine graduale di un enzima chiamato BACE1 inverte completamente la formazione di placche amiloidi nel cervello dei topi con malattia di Alzheimer, migliorando in tal modo la […]

» Read more

E se potessimo riavere i ricordi perduti?

Uno studio californiano indica che potenzialmente potremmo ripristinare i dati persi nella nostra memoria.  “La memoria a lungo termine non è archiviata nelle sinapsi. È un’idea radicale, ma è quello che ci dicono le evidenze. Il sistema nervoso sembra essere capace di rigenerare le connessioni sinaptiche che sono andate perse. E riparando le connessioni sinaptiche, la memoria torna. Non è […]

» Read more

L’anima risiede all’interno delle cellule cerebrali

La Fisica dei Quanti o, più propriamente, Meccanica Quantistica, ha rivoluzionato la visione scientifica della realtà ed offre una solida base di conoscenza per ampliare i propri orizzonti mentali. Due scienziati di fama mondiale, esperti in fisica quantistica, dicono che si può dimostrare l’esistenza dell’anima, basandosi sulla fisica quantistica. Lo studioso americano Stuart Hameroff e il fisico inglese Roger Penrose […]

» Read more

Nuove armi contro l’Alzheimer

La malattia di Alzheimer è caratterizzata dal progressivo deterioramento del cervello. Un processo innescato dall’accumulo dibeta-amiloide, una proteina che si interpone tra le cellule interrompendo le connessioni sinaptiche. Le terapie mediche messe in atto finora hanno puntato sul rallentamento della formazione delle placche di beta-amiloide ma ora un gruppo di ricerca del californiano del E. Webb Center for Neuroscience, Aging, and Stem Cell […]

» Read more

Tetraplegici bevono ‘da soli’ grazie al dialogo uomo-macchina

Controllare un robot con la mente: ci sono riuscite due persone paralizzate da anni che sono state in grado di bere da sole controllando con il pensiero il movimento di un braccio robotico. Il risultato, descritto su Nature, si deve a un gruppo di ricerca internazionale guidato dalla statunitense Brown University. Gli impulsi prodotti dal cervello sono stati trasmessi da […]

» Read more