I denti si riparano da soli, addio otturazioni grazie a un farmaco per l’Alzheimer

Ricercatori britannici hanno scoperto che una molecola utilizzata nel trattamento dell’Alzheimer è in grado di stimolare le cellule staminali della polpa dentale, avviando un processo naturale di riparazione nei denti danneggiati.

» Read more

Hubble abbatte ogni record di distanza,scoperta la galassia più lontana

Spingendo il telescopio spaziale Hubble al massimo delle sue capacità, un team di astronomi è riuscito a infrangere ogni record di distanza cosmica. La galassia che hanno osservato è la più remota di tutte: si trova talmente lontana da noi che la vediamo nell’epoca in cui l’Universo aveva appena 400 milioni di anni.

» Read more

Un’altra Terra è davvero possibile.Il più promettente “gemello” del nostro pianeta

Ha un diametro un po’ più grande di quello terrestre e si trova ad orbitare a una stella straordinariamente simile al Sole. Per completare il quadro, la distanza tra pianeta e stella madre è la stessa di quella che separa la Terra dal Sole. Il pianeta, scoperto dalla missione Kepler della NASA, si trova dunque in zona abitabile. Il commento […]

» Read more

La lenta interazione della materia oscura

Per la prima volta la materia oscura potrebbe essere stata osservata in interazione con altra materia oscura in un modo diverso dall’attrazione gravitazionale. L’osservazione di galassie in collisione effettuata con il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO e il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA ha permesso di raccogliere i primi interessanti indizi sulla natura di questa misteriosa componente dell’Universo.Di Redazione Media […]

» Read more

Mai indossato gli occhiali di Planck?Guarda il cosmo al cromoscopio

Tutti i colori dell’universo, e non solo. Caricate a tempo record le mappe del satellite ESA pubblicate ieri, ora il Chromoscope – un tool online gratuito sviluppato da tre astronomi inglesi – permette di separare le componenti che contaminano la radiazione di fondo cosmico a microonde.Marco Malaspina

» Read more

Missione Rosetta:si rafforza l’ipotesi che l’acqua sia giunta sul nostro pianeta con gli asteroidi

Il rapporto fra deuterio e idrogeno nel vapore acqueo di 67P/Churyumov–Gerasimenko, analizzato dallo spettrometro della sonda Rosetta dell’ESA, è tre volte più alto di quello degli oceani terrestri. Si rafforza così l’ipotesi che l’acqua sia giunta sul nostro pianeta non con le comete bensì con gli asteroidi.Di Marco malaspina.  

» Read more

Segni di vita tra le nebulose planetarie

Il telescopio orbitante dell’ESA Herschel ha scoperto che alcune molecole fondamentali per la creazione dell’acqua resistono ad ambienti ostili come quelli delle nebulose planetarie. Non solo: in due studi è stata avanzata l’ipotesi che la radiazione UV possa promuovere la loro creazione invece che distruggerle.Di Eleonora Ferroni.

» Read more
1 2