Vuoi migliorare la tua memoria? questo è il modo più semplice ed efficace

Ci sono poche cose che sono così benefiche per la tua memoria come dormire bene la notte. Comprendi la causa.

Se sei stanco, è difficile prestare attenzione e la memoria richiede attenzione

Per ricordare le informazioni, devi prestare attenzione. Se sei stanco, semplicemente non puoi prestare attenzione con la stessa efficacia di quando sei riposato. Questa affermazione sembra semplice, ma solleva un’altra domanda: perché ti stanchi?

Loading...

Potresti sentirti stanco e avere difficoltà a prestare attenzione perché sei sveglio da molte ore e la pressione del sonno sta aumentando, o – anche se fai un pisolino – perché è nel cuore della notte e il tuo ritmo circadiano (il tuo orologio) ti sta mandando a dormire. In entrambi i casi, avrai difficoltà a prestare attenzione e quindi avrai difficoltà a ricordare le cose.

La caffeina aiuta?

La caffeina blocca i recettori chimici nel cervello in modo che, temporaneamente, non puoi sentire la pressione del sonno. Pertanto, la caffeina può consentirti di essere più vigile, essere più consapevole e ricordare meglio. Ma come probabilmente saprai per esperienza, la caffeina può solo rallentare l’aumento della pressione del sonno, che porterà a una stanchezza opprimente.

Prepararsi per un nuovo apprendimento

Quando apprendi nuove informazioni durante il giorno, queste vengono temporaneamente immagazzinate nell’ippocampo, una parte del tuo cervello dietro gli occhi a forma di cavalluccio marino. L’ippocampo ha una capacità di memoria limitata. Se si supera questa capacità, potrebbe essere difficile incorporare nuove informazioni oppure è possibile sostituire una vecchia memoria con una nuova.

Fortunatamente, di solito non è così. Ogni notte durante il sonno le connessioni tra i neuroni (chiamate sinapsi) si restringono per ridurre o eliminare i ricordi inutili, come quello che hai mangiato a colazione la scorsa settimana e gli abiti che indossavi ieri. Questa eliminazione selettiva delle sinapsi durante la notte ti prepara a formare nuovi ricordi il giorno successivo.

Dormi per consolidare i ricordi

Il sonno ci aiuta anche a consolidare i ricordi che vogliamo preservare, trasferendoli da ricordi temporaneamente accessibili a quelli che possono essere ricordati anni dopo. I ricordi di fatti sono un abilità che mostrano una maggiore ritenzione per un periodo di 12 ore che include il sonno rispetto a un periodo di 12 ore mentre siamo svegli. Gran parte di questo consolidamento si verifica durante la seconda fase del sonno, una fase di sonno leggero che si verifica più comunemente nelle ore prima del risveglio. Ciò significa che se ti svegli presto senza un riposo notturno completo, potresti compromettere la tua capacità di conservare i tuoi ricordi.

Interconnessione dei ricordi durante il sogno

Sebbene tu sogni in varie fasi del sonno, i tuoi sogni più interessanti e vividi di solito si verificano durante il sonno quando si verifica un rapido movimento degli occhi (sonno REM), cosi chiamato perché gli occhi si muovono rapidamente, ma il corpo è paralizzato. È durante il sonno REM che i tuoi ricordi appena consolidati si interconnettono con i tuoi ricordi precedenti, compresi quelli della tua vita, così come la tua libreria di fatti e conoscenze. Questa connessione tra i tuoi ricordi recenti e i tuoi ricordi e conoscenze precedenti è uno dei motivi per cui ti svegli con una nuova e preziosa prospettiva su un problema – o forse anche una soluzione completa!

Questo in realtà è accaduto a Dmitri Mendeleev, che aveva lottato per mesi per capire come dovrebbero essere disposti gli elementi atomici nella tavola periodica. In un sogno avvenuto il 17 febbraio 1869, intravide la posizione di tutti gli elementi sul tavolo e, dopo aver scritto il sognato, fece solo una piccola correzione.

Ti sentirai meglio al mattino

Sei mai stato terribilmente arrabbiato per qualcosa e il giorno dopo ti sei sentito (almeno un po ‘) meglio? Il sonno può anche disconnettere le emozioni legate a ricordi dolorosi, mantenendo il contenuto della memoria. Potrai così ricordare cosa ti ha turbato senza dover rivivere tutta l’intensità emotiva dell’evento.

I sonniferi aiutano?

La melatonina non è un comune sonnifero, ma può aiutare a regolare il ciclo del sonno se questo è il problema. Il paracetamolo può alleviare piccoli dolori e dolori che possono lasciarti con gli occhi aperti durante la notte. Tutti gli altri sonniferi, tuttavia, se prescritti da banco, ti calmano e in realtà peggiorano la memoria, sia ciò che hai imparato quel giorno che ciò che stai cercando di imparare per il giorno successivo! I trattamenti non farmacologici per il sonno sono di gran lunga i migliori.

Un segreto

Vuoi massimizzare la tua memoria se stai studiando per un esame o un concorso, ti stai preparando per un incontro importante o sei ansioso a causa di un’altra responsabilità? È più probabile che tu ricordi le informazioni per l’esame, i documenti della riunione se scansioni il materiale che vuoi ricordare, ogni giorno, per diversi giorni, seguito da una buona notte di sonno dalle sette alle nove ore. Dormi bene!

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay 

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...