L’inquinamento muta il cervello degli adolescenti

Un nuovo studio suggerisce che, durante la prima infanzia, una significativa esposizione all’inquinamento atmosferico da traffico (TRAP) è associata a mutamenti strutturali nel cervello al raggiungimento del dodicesimo anno di età. Lo studio del Medical Center dell’Ospedale pediatrico di Cincinnati ha scoperto che i bambini con livelli più alti di esposizione al TRAP (traffic-related air pollution) alla nascita avevano, al […]

» Read more

Il peperoncino protegge da infarto e ictus: consumo abituale abbatte rischio del 40-60%

Un team di ricerca italiano guidato da scienziati dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli ha dimostrato che il consumo abituale di peperoncino (circa quattro volte a settimana) riduce il rischio di infarto, ictus e morte prematura, rispettiivamente del 40%, del 60% e del 23%. Lo studio è stato condotto sui dati statistici di circa 23mila molisani. Consumare abitualmente il peperoncino riduce sensibilmente […]

» Read more

Identificati due farmaci che potrebbero arrestare la progressione delle malattie neurodegenerative

I ricercatori hanno trovato due farmaci  già in varie fasi di utilizzo e sperimentazione clinica umana che sembrano prevenire tutte le malattie neurodegenerative nei topi.Pubblicato sulla rivista Brain , la ricerca potrebbe essere un importante passo avanti nella prevenzione e nella progressione delle devastanti malattie negli esseri umani.

» Read more

Ecco cosa disse Veronesi prima di salutarci per sempre.

Lei, in Italia, vive, in media, 84 anni e lui 79. Nel 1970 lei 62 e lui 55. Ora, la grande scommessa, è quella migliorare il tempo guadagnato. Che vuol dire sì vivere più a lungo ma in buona salute. Decodificando i misteri dell’invecchiamento e mettendo a punto le strategie per fermare alcuni processi degenerativi. Di questo si occuperà la […]

» Read more

Gli scienziati affermano che il Wi-Fi può portare gravi rischi per la salute

Uno squilibrio metabolico causato dalla radiazione dei nostri dispositivi wireless può essere collegato ad alcuni rischi per la salute, come ad esempio varie malattie neurodegenerative e persino il cancro, suggerisce uno studio pubblicato di recente. Questo squilibrio, noto anche come stress ossidativo, è definito dal co-autore Igor Yakymenko come “uno squilibrio tra la produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e […]

» Read more