Gli scienziati trovano microplastiche nelle placente delle donne incinte

Questa notizia è motivo di preoccupazione a livello globale. Per la prima volta, la presenza di queste particelle viene rivelata nella placenta del feto. Quali conseguenze possono avere in futuro?

I ricercatori in Italia hanno scoperto microplastiche nelle placente delle neomamme. Questa è una notizia inquietante, poiché questi materiali passano al feto attraverso il cordone ombelicale. Inoltre entrano in contatto diretto con le cellule in formazione.

Loading...

Lo studio, realizzato dalle équipe dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma e dell’Università Politecnica delle Marche, è stato pubblicato sulla rivista Environment International , come riportato per la prima volta dall’ANSA .

HANNO UNA DIMENSIONE DI CIRCA 10 MICRON

Significa che questi frammenti di plastica hanno una misura stimata di 0,01 mm . Con una tale proporzione, possono essere mobilitati attraverso il flusso sanguigno. Allo stesso modo, entrano nella placenta senza problemi.

Un’altra cosa che spicca è che le microplastiche erano situate in due punti. In primo luogo, nella zona della placenta . Allo stesso modo, nella stessa membrana in cui si sviluppano le cellule fetali.

Per molti è una notizia negativa . Significa che la contaminazione sta raggiungendo anche lo sviluppo fetale stesso . In tal caso, gli scienziati si chiedono: la presenza di microplastiche in che modo cambierà lo sviluppo di nuovi esseri umani ?

QUALI TIPI DI PLASTICA SONO STATI TROVATI IN QUESTI STUDI?

Si dice che le microplastiche siano diventate la nuova dieta umana . Le persone in genere ingeriscono fino a 70.000 pezzi di queste microplastiche al giorno . Pertanto, non sorprende che le madri abbiano questo materiale nella placenta.

Le analisi effettuate mostrano frammenti con pigmenti colorati: rosso, blu, arancio, ecc. Ne consegue che la maggior parte proviene da imballaggi in plastica. Forse vengono rilasciati dagli imballaggi alimentari e consumati all’insaputa dalle persone.

Il sale marino è noto per contenere  enormi quantità di microplastiche . Inoltre, quando sono molto piccole possono galleggiare nell’aria. Pertanto, sono capaci di entrare all’interno del corpo durante il processo di respirazione.

UN ARTICOLO PUBBLICATO SU ENVIRONMENT INTERNATIONAL

Questa rivista ospita un lavoro relativo alla scoperta di queste microplastiche . Allo stesso modo, ribadisce la sua preoccupazione per questa circostanza. I bambini iniziano a svilupparsi in una placenta con tracce di contaminazione.

Allo stesso modo, lo sviluppo fetale è contaminato con sostanze estranee . È così che nasce una situazione senza precedenti. Forse la cosa più preoccupante è che non abbiamo visto ancora le conseguenze di questa circostanza. È qualcosa che si vedrà nel tempo!

Inoltre, è indicato che si tratta fondamentalmente di un problema di contaminazione. Ciò che gli esseri umani mangiano e respirano è impregnato di microplastica . In questo senso, è praticamente impossibile evitare questo tipo di inconvenienti nelle donne.

La verità è che è già previsto un ridotto sviluppo fetale. Le microplastiche impediscono lo sviluppo cellulare . Allo stesso modo, bloccano l’ingresso di sostanze nutritive nel feto. È un problema con ripercussioni in futuro.

Cosa dovremmo fare? Per ora, guarda i risultati dei nuovi studi scientifici . Tuttavia, è un avvertimento per smettere di inquinare. Le plastiche non sono degradabili, nemmeno nella loro versione micro.

Foto di StockSnap da Pixabay 

Fonte : UNILAD

Fonte: www.bioguia.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...