12 vantaggi di trascorrere del tempo in natura, comprovati dalla scienza

Molte persone trascorrono le loro giornate lavorative immersi tra le luci fluorescenti degli uffici e di fronte al computer, per poi tornare a casa per godersi il bagliore di schermi televisivi.

Tuttavia, spendere troppo tempo in casa non è buono per il nostro corpo e la mente. La natura è vantaggiosa – anche essenziale – per la salute umana. Gli psicologi e ricercatori di salute stanno trovando sempre più ragioni, supportate dalla scienza, per cui dovremmo trascorrere un po ‘di tempo là fuori.

Nel suo recente libro, “The Fix Nature: perché la natura ci rende più felici, più sani e più creativi,” il giornalista Florence Williams scrive che ha iniziato a studiare i benefici per la salute della natura dopo lo spostamento nel suo terreno montagnoso a Boulder, Colorado

Loading...

“Prima, mi sentivo disorientato, sopraffatto, depresso”, scrive. “La mia mente ha avuto problemi di concentrazione. non potevo completare i pensieri, prendere decisioni o esprimere interesse per alzarmi dal letto “.

Non è necessario vivere in una tale posizione sorprendente come Boulder – e la maggior parte di noi non può nemmeno vivere in un posto remoto senza smartphone o l’accesso a Internet. Tuttavia, abbiamo bisogno di passare più tempo in ambienti naturali. Questo potrebbe includere splendidi percorsi per escursioni o anche solo una visita ad un parco nel mezzo della routine di lavoro.

Ma perché è così importante fare questo? Controlla i risultati:

La memoria a breve termine

Diversi studi dimostrano che le escursioni nella natura hanno effetti benefici sulla memoria rispetto ad altri tipi di passeggiata.

In uno studio, gli studenti presso l’Università del Michigan hanno ricevuto un test sulla memoria breve e sono stati divisi in due gruppi. Un gruppo ha girato un sito boscoso e l’altro ha camminato attraverso una strada cittadina.

Quando i partecipanti hanno rifatto il test, coloro che avevano camminato tra gli alberi hanno aumentato le prestazioni di quasi il 20% in più rispetto al primo tempo. Coloro che avevano preso la direzione della città non hanno mostrato un miglioramento costante.

Uno studio simile in soggetti con depressione ha scoperto che la memoria di lavoro aumenta molto di più con le escursioni.

Effetto desestresante

Qualcosa fatta all’aperto trasforma l’espressione fisica dello stress sul corpo.

Uno studio ha trovato che gli studenti inviati alla foresta per due notti avevano livelli più bassi di cortisolo – un ormone comunemente usato come marker di stress – rispetto a quelli che hanno trascorso lo stesso tempo in città.

In un altro studio, i ricercatori hanno trovato una riduzione dei livelli di frequenza cardiaca e di cortisolo in individui che sono stati nel bosco rispetto alla città. “lo stress può essere alleviato con la terapia della foresta”, hanno concluso i ricercatori.
Tra coloro che lavorano in ufficio, anche la visione della natura attraverso una finestra è associato a a minore stress e una maggiore soddisfazione sul lavoro.

Trascorrere del tempo in natura riduce le infiammazioni

Quando l’infiammazione raggiunge una misura eccessiva, è associata in varia misura ad una vasta gamma di malattie, inclusi i disturbi autoimmuni, malattie infiammatorie intestinali, depressione e cancro. Trascorrere del tempo in natura può essere un modo per aiutare a mantenere sotto controllo.

Nelle ricerche legate al tema, gli studenti che hanno trascorso del tempo nei boschi hanno mostrato livelli più bassi di infiammazione rispetto a quelli che erano in città. In un altro studio, i pazienti anziani che erano stati inviati a un viaggio di una settimana attraverso la foresta hanno mostrato una riduzione segni di infiammazione e anche alcuni indicazione che la passeggiata nel verde ha avuto un effetto positivo sulla pressione sanguigna.

Stare all’aria aperta aiuta ad eliminare la stanchezza

Sapete quella sensazione in cui il cervello mostra che si può fermare in qualsiasi momento? I ricercatori la chiamano senso di “stanchezza mentale”.

Una situazione che può aiutare a recuperare la mente è l’esposizione del corpo in ambienti di restauro, che, secondo l’indagine, di solito significa il grande spazio all’aperto. Uno studio ha trovato che le persone recuperano l’energia mentale anche quando osservano solo  foto della natura (immagini raffiguranti scene della città non hanno causato questo effetto).

Gli studi hanno anche scoperto che la bellezza naturale può suscitare sentimenti di timore, che è uno dei modi più sicuri per sperimentare una spinta mentale.

Le esperienze all’aria aperta possono aiutare la lotta alla depressione e l’ansia

Ansia, depressione e altri problemi di salute mentale possono provare sollievo dopo un certo tempo all’aperto – soprattutto quando è combinato con l’esercizio fisico.

Uno studio ha trovato che le passeggiate nella foresta sono state associate con la diminuzione dei livelli di ansia e sbalzi d’umore, mentre un altro ha trovato che camminare all’aperto potrebbe essere “utile clinicamente come complemento ai trattamenti esistenti” per il disturbo depressivo maggiore.

“Ogni ambiente verde ha migliorato l’autostima e l’umore”, dice un’analisi che mette insieme i risultati di dieci studi precedenti sul cosiddetto “esercizio verde ‘:” le persone con disturbi mentali hanno i più alti gradi di miglioramento nella stima di sé “. La presenza di acqua ha effetti positivi ancora più forti.

Stare fuori può proteggere la vostra vista

Almeno nei bambini, un gran numero di ricerche ha scoperto che l’attività esterna può avere un effetto protettivo sugli occhi, riducendo il rischio di sviluppare la miopia.

“Il tempo trascorso all’aria aperta può essere una strategia semplice per ridurre il rischio di sviluppare disturbi visivi e la loro progressione nei bambini e negli adolescenti”, ha concluso una versione del sondaggio condotta nel 2012.

A Taiwan, i ricercatori hanno studiato due scuole nella zona dove la miopia era  comune. Hanno chiesto a una di loro a incoraggiare l’attività all’aperto durante la ricreazione . Dopo un anno, il tasso di miopia nella scuola in cui non si facevano attività all’aperto era del 17,65%; nella scuola che ha incoraggiato i giochi all’aperto, era stata solo del 8,41%.

Per continua a leggere clicca e vai nella pagina 2 – ►

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.