I ricercatori hanno esteso la ricerca di vita intelligente a oltre 288.000 stelle

I ricercatori dell’Università di Manchester hanno scoperto, che combinando i dati di diversi osservatori, potevano aumentare il numero di stelle nel catalogo di quasi 220 volte, passando da 1.327 stelle analizzate in precedenza, a oltre 288.000. L’anno scorso, la Breakthrough Listen Initiative, il più grande programma di ricerca scientifica per cercare prove di civiltà al di fuori del pianeta Terra, […]

» Read more

Auto e intelligenza artificiale: automobile.it presenta “Guido”, il primo assistente virtuale alla scelta dell’auto

Tra le ultime tendenze in campo tecnologico troviamo senza dubbio l’intelligenza artificiale, il cui mercato nella sola Italia vale già più di 200 milioni di euro ed è in forte crescita. Anche nel settore automotive le applicazioni dell’AI sono in continua crescita – anche se sinora hanno riguardato soprattutto guida e diagnostica delle vetture. Ad allargare ulteriormente le aree di […]

» Read more

Tahlequah, l’orca che spinse il figlio morto per 17 giorni, è di nuovo mamma: le splendide immagini

L’orca Tahlequah che commosse il mondo intero è di nuovo mamma. Nel 2018 perse un figlio poco dopo la nascita, e ne trascinò il corpicino sul “muso” per 17 giorni e 1.600 chilometri nel mare di Salish, fin quando non lo lasciò andare negli abissi. La sua storia mostrò quanto complessa, intensa e “umana” può essere l’elaborazione del lutto per […]

» Read more

Scoperta gigantesca voragine profonda 50 metri provocata dallo scioglimento del permafrost in Siberia

voragine

Una troupe televisiva di un canale locale ha scoperto, durante un sorvolo in Siberia, un enorme voragine nel terreno, profonda circa 50 metri. Sarebbe stata prodotta dall’esplosione di una gigantesca bolla di metano, liberata in atmosfera a causa dello scioglimento del permafrost Una gigantesca voragine profonda 50 metri si è aperta nella tundra siberiana, a causa dello scioglimento del permafrost […]

» Read more

Il nuovo motore spaziale MEGA si avvicinerà alla velocità della luce

MEGA

Fullerton Jim Woodward, 80 anni professore alla California State University (USA), sta progettando il motore spaziale MEGA drive che potrebbe permetterci di viaggiare verso sistemi stellari vicini utilizzando piccoli cristalli che vibrano quando c’è una corrente elettrica. La sua invenzione, che ha chiamato Mach Effect Gravitational Assistance (MEGA), promette, secondo l’inventore, di navigare nello spazio usando solo l’elettricità, riferisce Wired . Accelerando […]

» Read more

Megalodonte: per la prima volta gli scienziati rivelano le vere dimensioni dello squalo

megalodonte

Le proporzioni colossali senza precedenti dello squalo preistorico, il megalodonte, furono rivelate per la prima volta in un sondaggio condotto in Inghilterra. Fino ad allora, abbiamo stimato la lunghezza dell’enorme megalodonte Otodus, ma i ricercatori dell’Università di Bristol e dell’Università di Swansea sono stati in grado di stimare le altre proporzioni dell’animale che includevano pinne delle dimensioni di esseri umani […]

» Read more

Il ghiacciaio della Marmolada sta morendo: tra il 1905 e il 2010 ha perso più dell’85% del volume

I risultati del monitoraggio della Carovana delle Alpi: lo spessore della sua fronte è passata da 50 a pochi metri e potrebbe scomparire già nei prossimi 20/30 anni Il risultato del monitoraggio effettuato nella quarta tappa della Carovana dei ghiacciai di Legambiente sul ghiacciaio della Marmolada, tra Veneto e Trentino Alto Adige, è sconsolante e può essere riassunto in pochi […]

» Read more

Uno studio mostra i danni al cervello (dei topi) causati dall’isolamento sociale

Alcune cellule della corteccia prefrontale mediale dei topi sembrano essere particolarmente vulnerabili all’isolamento sociale in giovane età, che risulterebbe in disturbi del comportamento in età adulta. Stimolandole artificialmente, però, ci sarebbero dei miglioramenti Quali potrebbero essere gli effetti dell’isolamento sociale per un bambino? È l’ennesima domanda che tutti, esperti in primis, ci siamo posti in questi mesi di pandemia, quando la minaccia del nuovo […]

» Read more

Il veleno delle api può uccidere rapidamente le cellule tumorali al seno. Lo studio

Il veleno delle api da miele è in grado di uccidere rapidamente le cellule di cancro al seno più aggressive e difficili da trattare. Secondo una nuova ricerca australiana potenzialmente rivoluzionaria, infatti, è soprattutto la melittina, la componente principale del veleno, a indurre la morte cellulare, in particolare nei sottotipi di cancro al seno aggressivo triplo negativo. La ricerca proviene dall’Harry […]

» Read more
1 2 3 4