Creature simili a polpi potrebbero abitare la luna di Giove, dice la scienziata spaziale

La prominente scienziata spaziale britannica Monica Grady ha recentemente affermato di ritenere che vi sia un’altissima probabilità che esista ancora vita da scoprire su Europa, una delle 79 lune di Giove.

Il professore di scienza spaziale e planetaria e cancelliere presso la Liverpool Hope University di Liverpool, ha affermato che questa vita risiederebbe molto probabilmente nelle fredde acque sotto la calotta glaciale della luna e non sarebbe come noi, ma più simile a un “polpo” “.

Loading...

“Quando si tratta di prospettive di vita oltre la Terra, è quasi certo che ci sia vita sotto i ghiacci di Europa”, ha detto in un discorso a febbraio, secondo il portale Big Think .

E Marte?

Molto è stato discusso sulla possibilità della vita su Marte, soprattutto dopo che i ricercatori della NASA hanno scoperto che il pianeta una volta aveva acqua liquida.

Grady ipotizza che le profonde grotte del pianeta rosso potrebbero ospitare creature sotterranee, probabilmente batteri, che vivono lì per sfuggire alle radiazioni solari. Tali esseri potrebbero ottenere acqua dal ghiaccio sepolto nelle profondità della regione.

Tuttavia, la vita su Europa, se esiste davvero, può essere molto più sofisticata della vita batterica su Marte, possibilmente con “l’intelligenza di un polipo”.

Buone condizioni di Europa

Europa dista circa 627 milioni di chilometri dalla Terra. Gli scienziati definiscono la luna un “mondo oceanico” a causa di decenni di osservazioni che predicono l’esistenza di un oceano sotto le sue calotte glaciali. Nel 2019, la NASA ha confermato il vapore acqueo per la prima volta.

Un’altra condizione favorevole per la vita è che la luna possa avere aperture idrotermali sul fondo di questo oceano. Sul nostro pianeta, queste fonti sono piene di vita.

Grady sta scommettendo che da qualche parte sotto la spessa lastra di ghiaccio d’Europa, profonda 24 chilometri in alcuni punti, è possibile che ci sia acqua liquida in cui la vita, protetta dalle radiazioni e dall’impatto di asteroidi e altri corpi, prospera.

Il sistema solere è speciale?

Grady non crede che il nostro sistema solare sia particolarmente speciale al punto che è l’unico posto nell’universo in cui ci sia la vita. Statisticamente parlando, mentre esploriamo sempre più stelle e galassie, dovremmo essere in grado di trovare la vita al di fuori della Terra, o le condizioni per essa.

“Penso che sia molto probabile che ci sia vita altrove – e penso che sia molto probabile che sia composto dagli stessi elementi”, ha detto la scienziata .

Bene, possiamo scoprire la vita extraterrestre e può persino sembrare un polpo. E poi cosa? Ci metteremo in contatto?

Grady ha rifiutato di commentare questo. Ha spiegato che la distanza tra noi e i possibili alieni può essere enorme, il che rende molto difficile assumere qualsiasi ipotesi.
“Se guardi un granello di sabbia, puoi vedere che la maggior parte è composta da silicati, ma ci sono anche piccole macchie di carbonio – e che il carbonio è extraterrestre, perché contiene anche azoto e idrogeno, che non è una firma terrestre. Questo piccolo campione mostra che è stato colpito da meteoriti, asteroidi e polvere interstellare, dandoci un’idea di quanto sia complessa la registrazione di materiale extraterrestre ”, ha affermato. [ BigThink ]

Fonte:  hypescience.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...