Nuovo studio: i disturbi mentali dovrebbero essere affrontati con l’esercizio fisico al posto degli antidepressivi

Un nuovo studio suggerisce che gli esercizi fisici sono altrettanto efficaci nell’alleviare i sintomi di problemi di salute mentale e disturbi dell’umore come ansia, depressione e schizofrenia, come lo sono le medicine tradizionali. Se confermata, questa potrebbe essere un’ottima notizia per i pazienti che soffrono di questo tipo di problemi, in quanto ciò potrebbe significare meno tempo nelle strutture psichiatriche e meno probabilità di dipendenza da farmaci psicotropi.

“L’atteggiamento generale della medicina è che prima si affronta il problema principale, e l’esercizio non è mai stato considerato un’opzione di trattamento per la vita o la morte. Ora che sappiamo che è così efficace, può diventare fondamentale quanto l’intervento farmacologico “, spiega David Tomasi, professore presso l’Università del Vermont, psicoterapeuta e psichiatra di gruppo presso l’Università del Vermont Medical Center. in un comunicato stampa.

I medici negli ospedali psichiatrici di solito prescrivono farmaci psicotropi invece di rimedi naturali, come l’esercizio fisico, per alleviare sintomi quali rabbia, ansia e depressione. I professionisti fanno affidamento sulle classiche strutture psicoterapeutiche e farmacologiche per trattare i sintomi psichiatrici, che monitorano per determinare quando un paziente è pronto per essere dimesso dall’istituto. Il problema è che tali farmaci perdono il loro effetto nel tempo e creano dipendenza, oltre ad altri effetti collaterali.

Loading...

Il corpo è, mente sana = esercizi

La nuova ricerca è un argomento forte per coloro che credono che il corpo e la mente debbano essere trattati insieme . Vi è un crescente riconoscimento dei problemi cronici associati agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI o SSRI), ai farmaci antidepressivi e ad altri interventi farmacologici. L’efficacia degli antidepressivi diminuisce nel tempo, lasciando i pazienti dipendenti, con più effetti collaterali dei benefici.

In un testo pubblicato sul sito web di Big Think, l’editorialista Derek Beres, un esperto di fitness, sostiene che “la divisione mente-corpo ha distrutto la nostra comprensione della nostra natura animale intrinseca”. Per lui, l’idea che ci sia un processo etereo all’interno del funzionamento biologico dei nostri corpi – ciò che chiamiamo “anima” – ha portato a una grave dissociazione tra movimento fisico e psicologia. Arriviamo a credere che possiamo trattare il cervello separatamente dal corpo.

“Gli esseri umani sono stati progettati per muoversi. Il bipedalismo ci offre seri vantaggi nella capacità polmonare e nei sistemi di comunicazione. Gli esseri umani sono in genere deboli e lenti tra i mammiferi, ma la combinazione di ingegno mentale e prestanza fisica ci ha dato un vantaggio competitivo, che abbiamo esplorato in modo efficace che, grazie alla nostra tecnologia, ci inchiniamo al culto mente come realtà abbandonando i nostri corpi “, sostiene.

Beres va oltre e critica la disconnessione della natura della vita moderna. “Mentre entriamo in un mondo (…) in cui i giocatori di e-sport si considerano veramente atleti, questa disconnessione si approfondisce. Come scrive Robert McFarlane in Mark, la rimozione di parole basate sulla natura dai nostri dizionari per creare spazio per termini associati alla tecnologia è un altro chiodo nella bara del nostro rapporto con la natura. Quando abbiamo un vocabolario più ricco per gli elementi su uno schermo rispetto a quello che vediamo quando guardiamo verso l’alto, perdiamo il senso di ciò che ha formato l’essenza stessa di ciò che siamo. “

Risultati 

Tomasi, in collaborazione con Sheri Gates ed Emily Reyns, da UVMMC, ha costruito un’accademia esclusivamente per circa 100 pazienti nell’unità di psichiatria ospedaliera del centro medico e condotto e ha introdotto esercizi strutturati di 60 minuti e programmi di educazione nutrizionale nei loro piani di trattamento. Gli psicoterapeuti hanno intervistato i pazienti sul loro umore, autostima e immagine di sé prima e dopo le sessioni di allenamento per valutare gli effetti dell’attività fisica sui sintomi psichiatrici.

I pazienti hanno riportato livelli più bassi di rabbia, ansia e depressione, maggiore autostima e umore generale migliore. Il 95% dei pazienti ha riportato un miglioramento dell’umore dopo l’attività fisica, mentre il 63% ha riferito di essere felice o molto felice, in contrapposizione a neutro, triste o molto triste, dopo l’esercizio. Una media del 91,8% dei pazienti ha anche riferito di essere soddisfatta del modo in cui i loro corpi si sono sentiti dopo aver eseguito gli esercizi.

“Il più fantastico di questi risultati è che se sei in uno stato psicotico, sei un po ‘limitato a ciò che puoi fare in termini di psicoterapia. È difficile ricevere un messaggio attraverso la terapia in questo stato, mentre con l’esercizio puoi usare il tuo corpo e non fare affidamento esclusivamente sull’intelligenza emotiva “, spiega Tomasi.

“La priorità è fornire strategie più naturali per il trattamento di disturbi dell’umore, depressione e ansia. In pratica, ci aspettiamo che tutte le strutture psichiatriche includano terapie integrative – nel nostro caso, l’esercizio in particolare – come risorsa primaria per il benessere psicofisico dei loro pazienti “, afferma. [ Science Daily , Big Think ]

Fonte: hypescience.com 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...