Gli uomini avevano cominciato a inquinare l’Antartide già prima di scoprirla

Le prime attività umane hanno avuto un impatto sull’atmosfera terrestre maggiore di quanto si credesse.

L’aumento del black carbon nelle carote di ghiaccio antartico dovuto agli incendi appiccati dai Maori in Nuova Zelanda più di 700 anni fa

Loading...

Diversi anni fa, mentre analizzavano campioni di carote di ghiaccio provenienti dall’isola di James Ross in Antartide, gli statunitensi Joe McConnell e Nathan Chellman del Desert Research Institute (DRI) e  e Robert Mulvaney  del British Antarctic Survey (BAS) ha notato qualcosa di insolito: un sostanziale aumento dei livelli di black carbon iniziato intorno al 1300 e che è continuato fino ai giorni nostri.

Al DRI  spiegano che «Il black carbon, comunemente indicato come fuliggine, è una particella che assorbe la luce proveniente da fonti di combustione come la combustione di biomassa (ad es. incendi boschivi) e, più recentemente, della combustione di combustibili fossili».

I tre scienziati, in collaborazione con un team internazionale di scienziati provenienti da Regno Unito, Austria, Norvegia, Germania, Australia, Argentina e Stati Uniti, hanno cercato di scoprire le origini dell’inaspettato aumento del black carbon intrappolato nel ghiaccio antartico.  Ne è venuto fuori lo studio “Hemispheric black carbon increase after 13th C Māori arrival in New Zealand” pubblicato su Nature che indicano una fonte  che prima si sarebbe ritenuta improbabile: «Le antiche pratiche di combustione del territorio dei Maori in Nuova Zelanda, condotte su una scala che ha avuto un impatto sull’atmosfera in gran parte dell’emisfero australe e ha sminuito altre emissioni preindustriali nella regione durante gli ultimi 2000 anni».

McConnell, che ha progettato e guidato lo studio, sottolinea che «L’idea che gli esseri umani in quel momento della storia abbiano causato un cambiamento così significativo nel black carbon atmosferico attraverso le loro attività di bonifica del suolo è piuttosto sorprendente. Pensavamo che se fossimo tornati indietro di qualche centinaio di anni avremmo visto n mondo incontaminato, preindustriale, ma da questo studio è chiaro che gli esseri umani hanno avuto un impatto sull’ambiente nell’Oceano Antartico e nella penisola antartica per almeno gli ultimi 700 anni».

Per identificare la fonte del black carbon, il team internazionale di ricercatori ha analizzato 6 carote di ghiaccio raccolte sull’Isola di James Ross e nell’Antartide continentale utilizzando l’esclusivo ontinuous ice-core analytical system del DRI. Il metodo utilizzato per analizzare il black carbon nel ghiaccio è stato sviluppato per la prima volta nel laboratorio di McConnell nel 2007.

Mentre la carota di ghiaccio dell’isola di James Ross ha mostrato un notevole aumento del black carbon a partire dal 1300, con livelli triplicati nei 700 anni successivi e con un picco durante il XVI  e XVII  secolo, durante lo stesso periodo di tempo i livelli di black carbon nei siti dell’Antartide continentale sono rimasti relativamente stabile.

Uno degli autori dello studio, Andreas Stohl dell’Universität Wien, ha condotto simulazioni di modelli atmosferici del trasporto e della deposizione di black carbon intorno all’emisfero australe che hanno supportato i risultati e dice che «Dai nostri modelli e dal modello di deposizione sull’Antartide visto nel ghiaccio, è chiaro che Patagonia, Tasmania e Nuova Zelanda erano i punti di origine più probabili dell’aumento delle emissioni di black carbon a partire dal 1300 circa».

Dopo aver consultato i registri dei paleo-incendi di ciascuna delle tre regioni, è rimasta solo una possibilità praticabile: «La Nuova Zelanda, dove i registri del carbone hanno mostrato un forte aumento dell’attività degli incendi a partire dal 1300 – evidenziano i ricercatori –  Questa data coincideva anche con l’arrivo stimato dal popolo Maori, la colonizzazione e il successivo incendio di gran parte delle aree boschive della Nuova Zelanda».

Data la superficie relativamente piccola della Nuova Zelanda e la distanza (quasi 4.500 miglia), che il fumo avrebbe percorso per raggiungere il sito della carota di ghiaccio estratta sull’isola di James Ross, si tratta di una conclusione sorprendente. Come fa notare Chellman, «Rispetto alla combustione naturale in luoghi come l’Amazzonia, l’Africa meridionale o l’Australia, non ti aspetteresti che gli incendi dei Maori in Nuova Zelanda abbiano un grande impatto, ma lo hanno avuto sull’Oceano Antartico e sulla penisola antartica. Essere in grado di utilizzare i dati delle carote di ghiaccio per mostrare gli impatti sulla chimica atmosferica che hanno raggiunto l’intero Oceano Antartico, ed essere in grado di attribuirlo all’arrivo e all’insediamento dei Maori in Nuova Zelanda 700 anni fa, è stato davvero sorprendente».

Secondo il DRI, i risultati dello studio sono importanti per una serie di motivi: «Innanzitutto, i risultati hanno importanti implicazioni per la nostra comprensione dell’atmosfera e del clima della Terra. I modelli climatici moderni si basano su informazioni accurate sul clima passato per fare proiezioni per il futuro, in particolare sulle emissioni e sulle concentrazioni di black carbon che assorbe la luce legate all’equilibrio radiativo della Terra. Sebbene si presuma spesso che gli impatti umani durante i tempi preindustriali fossero trascurabili rispetto all’incendi di fondo o naturale, questo studio fornisce nuove prove del fatto che le emissioni dovute agli incendi causati dall’uomo hanno avuto un impatto sull’atmosfera terrestre e forse sul suo clima molto prima, e su scale molto più grandi, di quanto precedentemente immaginato. Secondo, le ricadute della combustione della biomassa sono ricche di micronutrienti come il ferro. La crescita del fitoplancton in gran parte dell’Oceano Antartico è limitata dai nutrienti, quindi l’aumento delle ricadute dovute agli incendi dei Māori ha probabilmente portato a secoli di maggiore crescita del fitoplancton in vaste aree dell’emisfero australe. Terzo, i risultati perfezionano quel che è noto sui tempi dell’arrivo dei Maori in Nuova Zelanda, uno degli ultimi luoghi abitabili sulla terra ad essere colonizzato dagli esseri umani. Le date di arrivo dei Maori basate sulle date al radiocarbonio variano dal XIII al XIV secolo, ma la datazione più precisa resa possibile dai dati del nucleo di ghiaccio individua l’inizio degli incendi su vasta scala appiccati dai primi Maori in Nuova Zelanda al 1297, con un’incertezza di 30 anni».

McConnell conclude: «Da questo studio e da altri lavori precedenti che il nostro team ha svolto, ad esempio  sull’inquinamento da piombo di 2000 anni nell’Artico dall’antica Roma, è chiaro che le registrazioni delle carote di ghiaccio sono molto preziose per conoscere i passati impatti umani sull’ambiente. In epoca preindustriale, anche le parti più remote della Terra non erano necessariamente incontaminate».

Fonte:  greenreport.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...