Gli scienziati propongono di aggiungere il litio all’acqua potabile per prevenire i suicidi

I ricercatori britannici hanno proposto un’idea radicale per ridurre il tasso di suicidi: includere il farmaco psicoattivo al litio – uno stabilizzatore dell’umore – nell’acqua potabile della popolazione.

Sembra un’idea completamente radicale, ma sta guadagnando terreno tra gli scienziati secondo Vice .

Loading...

L’acqua potabile contiene naturalmente tracce di litio. E un nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica British Journal of Psychiatry , ha trovato un collegamento tra la presenza naturale del litio nell’acqua potabile con tassi di suicidio inferiori. Lo studio è stato il risultato di una meta-analisi di 30 anni di ricerca sulle concentrazioni di litio nell’acqua potabile e sulla salute mentale delle comunità.

“È promettente che livelli più elevati di tracce di litio nell’acqua potabile possano avere un effetto anti-suicida e avere il potenziale per migliorare la salute mentale della comunità”.

Anjum Memon

Questo è il motivo per cui lo studio suggerisce che l’aggiunta di farmaci all’acqua potabile nelle comunità ad alto rischio potrebbe salvare vite umane.

“In questi tempi senza precedenti della pandemia COVID-19 e del conseguente aumento dell’incidenza di problemi di salute mentale, l’accesso a modi per migliorare la salute mentale della comunità e ridurre l’incidenza di ansia, depressione e suicidio è sempre più importante”, ha detto. Anjum Memon, l’autore principale e il coordinatore epidemiologico della Brighton and Sussex Medical School , in un rapporto alla stampa.

Non possiamo incolpare gli scienziati per pensare “fuori dagli schemi” poiché le stime indicano che 800.000 persone muoiono ogni anno per suicidio. A livello mondiale è la seconda causa di morte più comune tra i giovani tra i 15 ei 29 anni. E l’isolamento durante la pandemia può peggiorare queste tendenze.

Oltre a sembrare uscito da un romanzo di fantascienza distopico, testare l’ipotesi è anche piuttosto complicato a causa delle implicazioni etiche. I ricercatori del lavoro suggeriscono di effettuare “test di comunità randomizzati” che includerebbero il farmaco, senza preavviso alla popolazione, nell’acqua potabile in luoghi con alti tassi di suicidio e disturbi mentali.

È una proposta audace, ma difficile da trasformare in realtà. Un altro problema è che i ricercatori non sono sicuri di quale sarebbe la migliore concentrazione di litio per gli effetti protettivi contro il suicidio nella popolazione.

Fonte:hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...