È probabile che la prima forma di vita aliena che incontreremo sarà intelligente. Scopri perché

Secondo gli scienziati del SETI ( Search for Extraterrestrial Intelligence ), è più probabile che troveremo prove della vita intelligente extraterrestre prima di incontrare microrganismi alieni, ad esempio.

Perché?

Loading...

Vita semplice vs. vita intelligente

Se leggi spesso notizie sulla ricerca scientifica della vita aliena, dovresti sapere che i ricercatori stanno scommettendo sulla loro scoperta di alcuni batteri microscopici sul suolo di Marte o di un organismo molto semplice nei mari della luna di Giove Europa .

Mentre possiamo intuire intuitivamente che le forme semplici di vita sono più abbondanti nell’universo ed è un organismo così lo incontreremo per primo, gli scienziati spiegano che la nostra ricerca di queste forme di vita è molto limitata.

Il problema è che la tecnologia che abbiamo a disposizione oggi (così come la tecnologia che avremo nel prossimo futuro) non ci consente di guardare (o cercare) molto lontano nel sistema solare, tanto meno nei sistemi di stelle vicine.

“Ci sono due cavalli in corsa per trovare la vita oltre la Terra. Il primo è la ricerca di firme chimiche sui pianeti e il secondo è la ricerca di intelligenza extraterrestre. La vita intelligente ha un vantaggio perché può essere rilevata in tutta la galassia “, ha affermato Andrew Siemion, dell’Università della California a Berkeley (USA), alla conferenza dell’Associazione per l’avanzamento della scienza a Seattle.

Firme tecnologiche

Un altro problema relativo alla ricerca della vita aliena è che le firme chimiche trovate su altri pianeti potrebbero essere ambigue. Come possiamo essere sicuri che il metano o sostanze chimiche simili che rileviamo su altri pianeti siano effettivamente prodotti da esseri viventi?

Le firme tecnologiche, d’altra parte, sono più chiare. Queste sarebbero la prova della tecnologia extraterrestre o della vita intelligente inviata dal cosmo attraverso onde radio, impulsi laser e altre forme di radiazione elettromagnetica.

Gli scienziati SETI, ad esempio, si concentrano sul tentativo di rilevare tali segnali che non potrebbero essere creati dalla natura, così come altre tracce di tecnologia aliena.

E, sebbene non abbiano ancora avuto successo, Siemion è ottimista riguardo al futuro, soprattutto perché la nostra capacità di rilevamento dovrebbe essere di tre ordini di grandezza superiore entro il prossimo decennio.

“Abbiamo visto una drammatica esplosione nel numero di osservatori, nel numero di scienziati che lavorano in questo campo”, ha detto.

Nonostante ciò …

Nonostante le scommesse di Siemion, i ricercatori potrebbero effettivamente trovare prima la vita aliena nel nostro sistema solare.

Se ciò accade, gli scienziati dovranno riflettere su cosa significhi per la paura umana di essere “soli” nell’universo: la scoperta potrebbe indicare una congettura in cui la vita nel cosmo è davvero abbondante, solo che raramente sopravvive per abbastanza tempo per evolvere l’intelligenza o sviluppare la capacità di andare oltre il proprio mondo. [ Forbes ]

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...