Mare in ebollizione con metano su scala “mai visto prima”in Siberia

Una spedizione nel Mare della Siberia orientale ha riportato due esempi di ciò che gli scienziati temono da tempo: le fontane di metano gorgogliano in superficie mentre il materiale ghiacciato sul fondo dell’oceano si scioglie dopo un’estate insolitamente calda . Finora le aree colpite sono troppo piccole per avere un impatto globale, ma potrebbero essere il presagio di cose peggiori a venire.

Il metano è un gas di riscaldamento globale ancora più potente del biossido di carbonio – il suo impatto è 80 volte maggiore della CO 2 in 20 anni e 34 volte maggiore in un secolo . Vaste quantità di esso sono rinchiuse nell’Artico, sia sotto gli oceani che nel permafrost siberiano. Mentre l’attività umana riscalda il mondo, il metano verrà rilasciato , causando un ulteriore riscaldamento. La grande domanda, forse la più grande del pianeta, è quanto?

Nel trovare del gorgogliamento di metano sulla superficie del mare nel 2014, il professor Jason Box ha  riassunto la situazione  in questo modo: “Se anche una piccola parte del carbonio del fondale artico viene rilasciato nell’atmosfera, siamo fottuti”.

Loading...

Igor Semiletov, dell’Università politecnica russa di Tomsk, sta attualmente conducendo un team di oltre 70 scienziati nella Siberia orientale per valutare il pericolo. Durante la raccolta di campioni di acqua di mare e sedimenti al largo di Bennett Island, una dichiarazione (in russo) dell’Università riferisce che lui e il suo team hanno rilevato livelli di metano da sei a sette volte superiori al normale.

Secondo la dichiarazione, il team ha notato un’area d’acqua più chiara di circa 4-5 metri quadrati (40-50 piedi quadrati) nelle vicinanze che all’avvicinamento hanno visto “bollire il mare con bolle di metano”. Sopra la fontana, il metano atmosferico era nove volte la media globale. Invece di utilizzare speciali coni di plastica progettati per campionare acque ricche di metano, le bolle erano così frequenti che il team è stato in grado di raccoglierlo in secchi e pomparne parte in bombole come gas compresso. Una seconda fontana simile fu osservata il giorno seguente.

“Questa è la più potente fontana a gas che abbia mai visto. Nessuno ha mai registrato nulla di simile prima “, ha detto Semiletov al  The Moscow Times .

content-1570615956-methanebubbles-med.gi

Bolle di metano in un lago in Alaska. Goddard Space Flight Center della NASA

Di tutti i potenziali punti di non ritorno da cui un modesto riscaldamento potrebbe innescare qualcosa di molto peggio, la ” Clathrate Gun “, in cui il metano artico bolle in modo drammatico, è probabilmente la peggiore, e sicuramente la più famosa. Si pensa che sia stata la causa del riscaldamento relativamente improvviso noto come massimo termico paleocene-eocene milioni di anni fa. Potrebbe non essere del tutto il mare bollente previsto (a seconda della traduzione) dal Libro delle Rivelazioni o dal Corano, ma potrebbe comunque essere un’apocalisse.

Tuttavia, non è chiaro quanto sia grande il pericolo. Il metano congelato in acque profonde viene solitamente consumato dai microbi prima che possa raggiungere la superficie per causare danni. Attualmente, l’Oceano Artico rappresenta meno di un decimilionesimo delle emissioni di metano, quindi anche un aumento di cento volte sarebbe appena percettibile. Il permafrost artico terrestre  è attualmente una   fonte molto più grande . 

Inoltre, è possibile che le fontane di metano siano sempre state una caratteristica dell’Oceano Artico , causate da fenomeni locali. Avendo studiato l’area in modo dettagliato fino a poco tempo fa ci manca una buona base per sapere cosa è normale.

Foto anteprima: bolle di metano che si trasformano in ghiaccio lago Baikal,Tilpulnov Mikhail/Shutterstock

[H / T  Newsweek ]

Stephen Luntz

Fonte: www.iflscience.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...