Sembra che Giove si sia scontrato con (e inghiottito) un enorme pianeta

Un nuovo studio della Rice University (USA) e della Sun Yat-sem University (Cina) suggerisce che Giove si è scontrato con un pianeta embrionale all’inizio del nostro sistema solare, circa 4,5 miliardi di anni fa.

Questo impatto si adatta perfettamente a un modello che tenta di spiegare le scoperte fatte dal veicolo spaziale Juno della NASA.

Quello che abbiamo visto

Il veicolo spaziale Juno ha già effettuato diverse misurazioni nelle sue orbite attorno a Giove. Uno, con dati gravitazionali, suggerisce che il nucleo del pianeta sia meno denso e più esteso di quanto gli scienziati si aspettassero. Cosa avrebbe potuto renderlo in quel modo?

Loading...

È qui che entra in gioco la teoria dell’impatto.

L’idea è che una grande collisione “mescolasse” il contenuto denso del nucleo di Giove con gli strati meno densi sopra di esso.

L’ipotesi, tuttavia, è abbastanza rivoluzionaria – tradizionalmente, la teoria della formazione dei pianeti indica che è iniziato come un denso nucleo roccioso o ghiacciato che in seguito ha accumulato la sua densa atmosfera dalla polvere e dal disco di gas che ha dato origine al nostro sole. 

Un modello 3D, a sua volta, ha mostrato che una tale collisione frontale avrebbe influenzato il nucleo di Giove esattamente come previsto: l’impatto sarebbe arrivato con molta energia e sarebbe come un proiettile che passa attraverso l’atmosfera e colpisce frontalmente il nucleo del pianeta. Prima dell’impatto, avremmo un nucleo molto denso, circondato dall’atmosfera. L’impatto frontale spargerebbe li contenuto, diluendo il nucleo.

“L’unico scenario che ha portato a un profilo di densità del nucleo simile a quello che Juno misura oggi è un impatto frontale con un embrione planetario circa 10 volte più massiccio della Terra”, ha riassunto Liu.

Implicazioni

Le implicazioni di questo studio sono interessanti perché possono essere applicate al di là del nostro sistema solare. Ad esempio, ci sono osservazioni astronomiche di stelle che possono essere spiegate da questo tipo di evento.

“Questo è ancora un nuovo campo, quindi i risultati sono tutt’altro che solidi, ma poiché alcune persone sono alla ricerca di pianeti attorno a stelle lontane, a volte vedono emissioni infrarosse che scompaiono dopo pochi anni”, ha detto un altro autore dello studio. Andrea Isella della Rice University. “Un’idea è che se stai guardando una stella quando due pianeti rocciosi si scontrano frontalmente, si può creare una nuvola di polvere che assorbe la luce delle stelle e la ripropone. Quindi in un certo senso vedi un lampo, nel senso che ora hai questa nuvola di polvere che emette luce. E dopo un po ‘, la polvere si dissipa e questa emissione scompare. “

Un articolo sullo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature . [ Phys ]

Fonte: hypescience.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...