Il posto più radioattivo del mondo uccide un uomo in meno di un’ora di esposizione

Se mai andrai in Russia, non andare vicino al Lago Karachay, che, sebbene sia molto bello, emette radiazioni 200 volte superiori a quelle normali, più che sufficienti per uccidere qualcuno in meno di un’ora di esposizione.

Topic-694 235-IX-2

Tutto è iniziato a metà degli anni 1940, quando il governo dell’Unione Sovietica ha costruito una “città segreta” (Chelyabinsk-40) in una zona nascosta dai Monti Urali, che serviva come base per la produzione di armi nucleari. Nel 1948, il primo reattore funzionava già, trasformando l’uranio in plutonio, la carica   fu inviata alle fabbriche di bombe atomiche.

Loading...

Curiosamente, il progetto iniziale non specificava il destino dei rifiuti e, in una sorta di improvvisazione, i responsabili della centrale nucleare iniziarono a riversare il materiale nel fiume più vicino, il Techa, che riforniva 39 città e villaggi.

Solo tre anni dopo, i tecnici sono stati inviati a indagare se lo scarico di rifiuti non stava andando fuori controllo. Hanno scoperto che mentre altre aree emettevano appena più di 0,21 Röntgens (un’unità di misura per le radiazioni) in un anno, il fiume Techa emetteva 5 Röntgens in un’ora. Per cercare di contenere il danno , il governo ha costruito dighe nel fiume e ha spostato gli abitanti delle città e dei villaggi colpiti.

Dato che questo non eliminava il problema dello smaltimento delle scorie radioattive, decisero di scaricarle in un posto definitivo: il lago Karachay, che era alimentato da un singolo fiume.

Per 30 o 40 anni (le date sono diverse, poiché il governo sovietico ha confermato l’esistenza del progetto solo nel 1990), il lago ha funto da deposito radioattivo. Tuttavia, non era così sicuro come si era pensato: parte della sua acqua “filtrò” nella circostante palude di Asanov, contaminando la zona. Inoltre, nel 1967 un periodo di siccità ha provocato una considerevole evaporazione dell’acqua del Karachay , a causa di ciò i rifiuti radioattivi erano esposti al vento – è stato stimato che le particelle radioattive si sono diffuse su una superficie di 2,4 milioni di chilometri quadrati, dove c’erano circa 500 milioni di persone.

Attualmente, le rive del lago emettono 600 Röntgens all’ora, e se una singola diga sul fiume Techa si rompe, i rifiuti possono raggiungere le correnti marine nell’Artico, che li disperderà attraverso l’Atlantico. [ KnowledgeNuts ]

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...