Come ha fatto, questa supercolonia di 1,5 milioni di pinguini, a restare nascosta per quasi 3000 anni?

Tratto da www.livescience.com

Quest’anno, gli scienziati hanno annunciato un’incredibile scoperta guardando alcune minuscole macchie nelle immagini satellitari: 1,5 milioni di pinguini di Adelia vivevano e prosperavano in una piccola zona dell’Antartide circondata da infidi ghiacci marini chiamati le Isole Danger.

Si è scoperto che questi elusivi uccelli marini vivevano sulle isole inosservati da almeno 2.800 anni, secondo una nuova ricerca inedita presentata l’11 dicembre all’American Geophysical Union meeting a Washington, DC

Loading...

Tutto è iniziato quando un gruppo di ricercatori ha trascorso 10 mesi facendo quello che pensavano fosse un sondaggio pan-antartico dei pinguini di Adelia guardando attraverso ogni singola immagine satellitare senza nuvole che avevano del continente meridionale. “Pensavamo di sapere dove fossero tutte le colonie di pinguini [Adelia]”, ha detto Heather Lynch, ecologista alla Stony Brook University, durante la conferenza stampa.

Questa metodologia è andato avanti fino a quando un collega della NASA ha sviluppato un algoritmo che ha automatizzato i rilevamenti. Ed è proprio da quel momento che l’algoritmo ha iniziato a contrassegnare tutti questi pixel dalle Isole Danger che “noi come annotatori umani ci eravamo semplicemente persi”, ha detto Lynch. Quando Lynch e la sua squadra tornarono a guardare più da vicino le immagini videro fino a che punto le Isole Danger erano piene di pinguini

Le isole Danger non sono facili da raggiungere, perché sono “così chiamate in quanto sono quasi sempre coperte da uno spesso strato di ghiaccio marino tutto intorno che preclude censimenti regolari in quest’area”, ha detto Lynch.

I colleghi di Lynch si sono quindi recati nelle isole per un sondaggio completo, dove hanno contato, fisicamente a terra e con i droni, come erano popolate le isole da questo uccello marino. “In quest’area così piccola che non appare nemmeno sulla maggior parte delle mappe dell’Antartico,” vivono più pinguini di Adelia rispetto al resto dell’Antartide messi insieme, ha detto Lynch. La notizia, uscita a marzo, ha sorpreso e deliziato le persone in tutto il mondo

Pinguini di Adelia che sembrano carini in Antartide.

Pinguini di Adelia in Antartide. Credits: Alexey Seafarer / Shutterstock

Dopo tutto, l’habitat dove vive il resto dei pinguini Adélia sulla terraferma, è stato colpito duramente dai cambiamenti climatici , ed è in costante declino da 40 anni. In effetti, “il cambiamento climatico non è più rapido che nella penisola antartica”, ha affermato Lynch.

Ma alcune delle nuove scoperte del team suggeriscono che anche se 1,5 milioni sembrano un grande numero, questa colonia non è grande come lo era una volta. Dopo le analisi iniziali delle recenti immagini satellitari, il team ha deciso di guardare le immagini satellitari del passato che risalgono al 1982.

Hanno scoperto che le popolazioni di pinguini di Adelia avrebbero raggiunto il picco alla fine degli anni ’90 e “da allora hanno avuto un declino lento ma costante”, ha detto Lynch. Il declino “non è catastrofico”, ma piuttosto sull’ordine del 10-20%, ha aggiunto in seguito.

Poiché le Isole Danger sono quasi sempre circondate da ghiaccio marino, sono più protette dalla pesca al krill e da altri interventi umani rispetto ad altre aree del continente, ha detto Lynch. Ma anche così, la migliore ipotesi di lavoro è che il declino della popolazione sia dovuto probabilmente anche ai cambiamenti climatici.

Una parte del team, guidata da Michael Polito, un professore universitario nel dipartimento di oceanografia e scienze costiere della Louisiana State University ha scavato buche nell’isola per conoscere il passato dei pinguini. La datazione al radiocarbonio delle ossa e dei gusci d’uovo trovati in questi buchi ha rivelato che questi pinguini si nascondono da molto tempo nelle isole: sembra che siano apparsi per la prima volta sulle isole 2.800 anni fa.

E “ora che abbiamo scoperto questo hotspot così abbondante di popolazione di Adélie qui nelle Danger Islands, vogliamo essere in grado di proteggerlo, e ciò implica cercare di capire perché le popolazioni possono essere cambiate così radicalmente di numero”, ha detto Lynch

Originariamente pubblicato su Live Science .

Condiviso da: www.blueplanetheart.it 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...