Gli esseri umani possono dormire per giorni se vivono da soli sottoterra, gli esperimenti lo dimostrano

Gli esperimenti per testare gli effetti sugli esseri umani che vivono in isolamento e senza la luce del sole  hanno trovato tutti qualcosa in comune: i cicli del  sonno sono molto più lunghi.

Un articolo di Julie Beck in The Atlantic a confrontato i risultati di una serie di diversi studi di persone in isolamento, e tutti i partecipanti coinvolti dormono per giorni e soffrono di stress mentale acuto.

L’esempio più noto è quello degli esploratori Josie Laures e Antoine Senni ,vivevano sotto terra, in grotte separate per mesi nel 1960.

Loading...

Quando emersero dalla loro solitudine autoimposta (avendo soggiornato in grotte separate), entrambi pensavano che era passato meno tempo di quanto non fosse effettivamente il caso.

Senni a volte dormiva per periodi di 30 ore alla volta, e si svegliava credendo che aveva appena preso un pisolino.

I ricercatori si sono tenuti in contatto con la coppia e hanno  monitorato le loro statistiche vitali per eventuali segni di deterioramento della salute, ma non offrono alcun indizio su come trascorrevano il tempo o del ciclo di giorni.Sembrerebbe che, senza il sorgere e il tramontare del sole che ci guida, i nostri corpi perdono traccia di quante settimane e giorni sono in corso ,e di quando  dovremmo andare a dormire.

“Posso dirvi però che è diventato molto difficile verso la fine e mi sono sentita terribilmente usurata … All’inizio del mio soggiorno ho letto, e poi ho perso la voglia. Non ho sofferto per il freddo. Ero ben riscaldata nella mia piccola tenda. Il mio registratore rifiutava di funzionare i primi giorni, ma poi sono riuscita a ripararlo e ho ascoltato la musica. Fuori  ho lavorato a maglia, e dentro la grotta ho lavorato a maglia un po ‘di più, e guardavo con ansia il momento in cui avrei visto finalmente  il sole “, ha detto Josie Laures a The Associated Press al momento.

Lo spazio isolante

L’esperimento di Senni e Laures è stato visto come una visione della situazione che gli astronauti potrebbero affrontare nei loro lunghi viaggi solitari nello spazio, una preoccupazione che è stata recentemente riportata in evidenza, la NASA si prepara a inviare una missione con equipaggio su Marte.

Essere in una navicella spaziale non è proprio come essere in una grotta, ma ci sono somiglianze.

A quanto pare, quando non c’è niente altro da fare, abbiamo solo dormito molto. La ricerca mostra che i cicli del sonno possono essere estesi a 48 ore.Se ogni sistema di sonno criogenico profondo viene sviluppato per l’invio di astronauti ai confini dello spazio, sembra che i nostri corpi forniranno un naturale punto di partenza.

 

Il sonno è solo una delle possibili conseguenze della solitudine, in combinazione con il buio. Abbiamo ancora bisogno di capire meglio gli effetti dell’isolamento sulla psiche umana, ma queste esperienze sono certamente un buon inizio.[ScienceAlert]

 

Fonte:http://hypescience.com/seres-humanos-podem-dormir-por-dias-quando-ficam-sozinhos-no-subterraneo-experiencias-mostram/

 

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.