La scienza scopre che essere gentili paga

Pensi che il mondo sia un luogo dominato da persone malvagie?

Questo perché si presta più attenzione alle cose brutte che ci accadono, non riuscendo a notare gesti gentili intorno a noi. (E questa non è solo colpa tua, è una specie di cosa collettiva).

Loading...

Varie ricerche scientifiche hanno dimostrato che gli atti di gentilezza sono importanti e regolari per gli esseri umani.

In effetti, essere una brava persona ci rende più sani sia emotivamente che fisicamente.

E nulla di tutto ciò è casuale: la gentilezza è un fattore chiave per comprendere la nostra evoluzione e sopravvivenza come specie.

Gli studi

Secondo l’antropologo Oliver Curry, dell’Università di Oxford (Regno Unito), la gentilezza è molto più antica della religione. “Il motivo principale per cui le persone sono gentili è perché siamo animali sociali”, ha detto.

Lo psicologo Michael McCullough, dell’Università della California a San Diego (USA), che dovrebbe lanciare presto un libro su questo argomento, afferma che “la bontà è inerente a noi quanto la rabbia, la lussuria, il lutto o il desiderio di vendetta”. La grande differenza è che di solito non prestiamo attenzione alla gentilezza.

Tuttavia, quando siamo portati a riflettere su questo problema, apprezziamo la gentilezza al di sopra di qualsiasi altro valore.

In uno studio in cui i ricercatori hanno chiesto a diverse persone di definire, tra una serie di valori, che erano più importanti, la benevolenza o la gentilezza venivano prima di tutto, superando l’edonismo (uno stile di vita che valorizza soprattutto il piacere), avere una vita eccitante, la creatività, ambizione, tradizione, sicurezza, obbedienza, cercare giustizia sociale e cercare potere, ha spiegato la psicologa Anat Bardi, dell’Università di Londra (Regno Unito).

E così è stato in tutti i paesi in discussione (una dozzina di loro). La gentilezza è sempre stata in cima alla lista. È interessante notare che la benevolenza ha raggiunto livelli record in Scandinavia, una regione che tende anche ad essere in cima alle classifiche annuali della felicità.

Perché il mondo sembra così oscuro, allora?

“Molte persone mi dicono che le persone non sono gentili. E penso che questo sia un errore di percezione, perché quando misuri il comportamento delle persone, scopri che sono gentili. Le persone compiono regolarmente atti di gentilezza “, ha detto Bardi.

Quello che succede è che probabilmente ricordiamo i gesti scortesi o maleducati più dei gesti delicati, più comuni e attesi.

“In fondo, siamo motivati ​​ad essere gentili. Siamo gentili perché, nelle giuste circostanze, ne beneficiamo tutti “, ha detto Curry.

L’evoluzione è dalla parte del bene

Molte persone pensano che il mondo sia un luogo crudele e competitivo perché “solo i più forti sopravvivono”, ma non è così. La sopravvivenza dipende da strategie che non significano sempre competizione, ma collaborazione. Ciò è spiegato dall’antropologo evoluzionista Brian Hare, della Duke University (USA), autore del libro “Survival of the Friendliest”.

La gentilezza e la cooperazione lavorano per molte specie, dai batteri ai fiori ai primati. Più grande è la tua rete, più successo avrai. Ad esempio, gli scimpanzé sono aggressivi e tendono ad attaccare gli estranei, mentre i bonobo e alcuni altri primati non uccidono ma aiutano gli estranei. I bonobo maschi hanno un tasso di successo molto più alto nell’accoppiamento rispetto agli scimpanzé maschi.

Naturalmente, questo tipo di comportamento non è la norma nel regno animale. La maggior parte non è gentile e non aiuta gli estranei, ma solo parenti o individui dello stesso gruppo.

Secondo McCullough, questo è ciò che ci distingue dal resto delle specie: la capacità di ragionare sulla situazione. Gli esseri umani sanno che non c’è molta differenza tra parenti stretti e estranei – questi stessi estranei possono aiutarci un giorno se siamo gentili con loro adesso.

È per questo motivo che doniamo sangue, che le grandi aziende spendono buone percentuali dei loro profitti in programmi sociali, ecc. Perché donare un rene a uno sconosciuto? La risposta è spesso empatia: vorresti che uno sconosciuto facesse lo stesso per te.

Non è automatico; è per ricompensa

Detto questo, le nostre menti non sono automaticamente programmate per essere gentili. Le persone possono ancora essere scortesi e cattive se vogliono. Solo loro perderanno con quello. Chiunque sia mai stato gentile sa che ci sono ricompense per questo comportamento.

“Fare gentilezza ci rende più felici ed essere felici ci fa fare atti gentili”, ha detto l’economista del lavoro Richard Layard, che studia felicità presso la London School of Economics (Regno Unito).

Questo concetto è stato testato in una ricerca condotta dalla psicologa Sonja Lyubomirsky, dell’Università della California a Riverside (USA). Nel corso di 20 anni, ha condotto numerosi esperimenti, concludendo sempre che le persone si sentono meglio quando sono gentili con gli altri, più che quando sono gentili con se stessi.

In un esperimento, ad esempio, gli individui dovevano fare tre atti di gentilezza con gli estranei a settimana, mentre gli altri dovevano solo essere gentili con se stessi. Le persone che erano gentili con gli altri si sentivano più felici e più connesse al mondo.

Lo stesso vale per spendere soldi per se stessi anziché per usarli con altri (sia che si tratti di acquistare regali o donare in beneficenza, per esempio).

Miglioramento fisico ed emotivo

Curry ha esaminato 27 studi di gentilezza e ha scoperto che, in tutto, le persone si sentivano emotivamente migliori nell’essere gentili.

Ma non è tutto: la bontà ha avuto anche effetti fisici. In un sondaggio, le persone con sclerosi multipla hanno affermato di sentirsi meglio fisicamente quando hanno aiutato gli altri.

Secondo Lyubomirsky, fare più atti di gentilezza sembra “spegnere” più spesso i geni che causano l’infiammazione. Nuovi studi stanno anche trovando correlazioni di più geni antivirali nelle persone più delicate.

Incredibile, vero? Con tutto ciò in mente, cerca di essere gentile con qualcuno oggi. Non hai nulla da perdere; al contrario, hai molto da guadagnare. [ MedicalXpress ]

Fonte:hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...