Creati dai molluschi tessuti intelligenti che si adattano al meteo: possono rinfrescare la pelle o rilasciare calore, adatti anche a tende e lenzuola

Il tessuto è stato realizzato partendo dalle sostanze chimiche presenti nello scheletro di molluschi, in grado di assorbire e rilasciare energia termica

Un nuovo tipo di tessuto intelligente sviluppato in Cina consentira’ di realizzare abiti in grado di raffreddare o riscaldare la pelle di chi li indossa a seconda delle condizioni meteorologiche. Sono i risultati, pubblicati sulla rivista ACS Applied Materials & Interfaces, delle ricerche degli scienziati della Huazhong University of Science and Technology di Wuhan. Stando a quanto riportato sull’articolo, il tessuto e’ stato realizzato partendo dalle sostanze chimiche presenti nello scheletro di molluschi, in grado di assorbire e rilasciare energia termica.

Loading...

“Questo consente al tessuto di adattarsi alle mutevoli condizioni meteorologiche, rinfrescando la pelle di chi lo indossa durante i momenti piu’ caldi e rilasciando calore quando le temperature si abbassano”, dichiara Guangming Tao della Huazhong University of Science and Technology. “Gli indumenti realizzati con questo tessuto inoltre possono essere indossati sia all’esterno che all’interno, e potrebbero rivelarsi utili per ridurre il consumo di energia dovuto all’aria condizionata e ai riscaldamenti interni. Il tessuto intelligente puo’ essere realizzato in diversi colori e non necessita alimentazione esterna, il che lo rende adattabile all’abbigliamento, ma anche a qualunque destinazione che necessiti tessuto”, prosegue il ricercatore, specificando che la loro invenzione potrebbe essere adatta a tutti i prodotti in fibre, come tende, ombrelli, tappeti, scarpe, lenzuola e molti altri. “Le tende ad esempio potrebbero assorbire energia termica per mantenere l’ambiente fresco, o rilasciare calore durante una giornata piu’ fredda”, osserva Tao.

Beatrice Raso

Fonte: www.meteoweb.eu

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...