Il collasso degli insetti potrebbe essere persino peggiore della paura

Dagli anni ’90, una manciata di studi ha lanciato l’allarme per un’imminente apocalisse di insetti, destinata a decimare la popolazione mondiale di insetti e ragni nei prossimi decenni.

Ora, un nuovo studio si è unito alla pila di prove crescenti che suggeriscono che gli insetti del pianeta sono sull’orlo di un problema catastrofico. Riferendo sulla rivista Nature , un nuovo studio dettagliato ha avvertito che la portata del declino degli insetti in Europa potrebbe essere più profonda di quanto si temesse in precedenza. 

Un team di ecologisti guidato dall’Università Tecnica di Monaco ha condotto un’indagine sugli artropodi (sia insetti che ragni) attraverso 150 praterie e 140 foreste in Germania tra il 2008 e il 2017.  Hanno valutato la salute della vita dei bachi dell’area utilizzando tre criteri: biomassa, abbondanza di una specie e numero di specie diverse. Hanno scoperto che tutte e tre le metrici erano in forte calo rispettivamente al 67 percento, 78 percento e 34 percento. 

Loading...

“Un declino su tale scala per un periodo di soli 10 anni è stato una sorpresa completa per noi – è spaventoso, ma si adatta al quadro presentato in un numero crescente di studi”, Wolfgang Weisser, professore di ecologia terrestre presso l’Università tecnica di Monaco, ha dichiarato in una  nota .

Quasi 2.700 specie sono state studiate in totale. Nel corso del decennio di studio, le specie rare hanno subito il calo più marcato, nella misura in cui alcune erano completamente scomparse dalle regioni studiate. Nel frattempo, il numero di specie comuni è rimasto relativamente stabile o addirittura in aumento.

La causa della ripida crisi è multiforme, ma  l’intensificazione dell’agricoltura ha molte responsabilità. I loro risultati hanno mostrato che le maggiori perdite nelle praterie erano circondate da terreni intensamente coltivati. Non solo la terra coltivata interrompe o distrugge l’habitat naturale, ma può anche tagliare i loro percorsi verso altri habitat. Ad esempio, hanno scoperto che i gruppi di insetti che migrano e coprono una maggiore distanza nelle aree forestali hanno subito cali peggiori.

Inoltre, un’agricoltura intensa può spesso comportare l’uso di pesticidi, che sono noti per colpire molte specie di artropodi. Sebbene i ricercatori notino che nessun pesticida è stato applicato in nessuno dei siti, affermano che le specie studiate potrebbero ancora essere influenzate dalla deriva e dal trasporto di pesticidi via aria o acqua. 

Mentre i progetti di piccole comunità potrebbero avere il loro posto nella lotta, lo studio avverte che sono necessarie iniziative coordinate su larga scala e cambiamenti politici per evitare un collasso potenzialmente catastrofico. 

“Le attuali iniziative per far fronte alla perdita di insetti sono eccessivamente interessate alla coltivazione di singoli appezzamenti di terra e operano in gran parte indipendenti l’una dall’altra”, ha concluso l’autore dello studio Dr Sebastian Seibold. “Per fermare il declino, tuttavia, i nostri risultati indicano che è necessario un maggiore coordinamento a livello regionale e nazionale”.

Tom Hale

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...