Quasi mezzo miliardo di api sono morte in Brasile all’inizio di quest’anno

In aggiunta ai problemi ambientali in corso in Amazzonia in questo momento, le api del Brasile hanno subito un crollo catastrofico quest’anno. 

Quasi mezzo miliardo di api sono morte in quattro stati del sud del  Brasile nei primi mesi di quest’anno,  riferisce Bloomberg . In Brasile, proprio come altre parti del mondo, la causa di questo problema è complicata e sfaccettata, ma un fattore si distingue chiaramente dagli altri: i pesticidi.

Nel 2012, il Brasile ha superato gli Stati Uniti in quanto è il principale acquirente di pesticidi  e regolatori  di vegetali ,ed è stato scoperto che utilizza costantemente nell’agroalimentare  pesticidi non approvati o supera i livelli consentiti. Il principale colpevole dell’attuale estinzione delle api in Brasile è il  fipronil , un insetticida ad ampio spettro che uccide distruggendo il sistema nervoso centrale dell’insetto. Come tutti gli insetticidi agricoli, il fipronil è progettato per attaccare i parassiti che mangiano colture, tuttavia, per loro stessa natura, anche gli insetticidi sono tossici per le api. Il fipronil è  altamente tossico per molti pesci, invertebrati acquatici, alcune specie di lucertole, alcuni gruppi di uccelli e – ovviamente – le api. 

Loading...

Mentre la situazione in Brasile è particolarmente disastrosa, la tendenza si fa sentire altrove nel mondo. Negli Stati Uniti, ad esempio, circa il 37% delle colonie di api da miele gestite  sono state perse  tra ottobre 2018 e aprile 2019.

Le api contribuiscono alla riproduzione di varie piante, con il 75% delle colture mondiali a seconda dell’impollinazione delle api e di altri animali, secondo l’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura . Un calo delle api potrebbe quindi potenzialmente minacciare l’approvvigionamento di caffè, mele, mandorle, pomodori, cacao e molte altre colture. Quindi, qualsiasi problema per le api è un problema anche per noi. 

Il fipronil è stato la fonte di molte controversie in tutto il mondo ed è  soggetto a restrizioni nell’Unione europea a causa dei suoi legami con la morte delle api, in particolare il  famigerato decesso delle api da miele nelle campagne francesi tra il 1994 e il 1998.  Nonostante queste apparenti preoccupazioni,al controverso insetticida  è stato dato il via libera in Brasile negli ultimi anni, con il gigante della chimica tedesco  BASF che si registra per l’uso di un prodotto contenente fipronil . 

Questa approvazione faceva parte dell’enorme picco di nuovi prodotti antiparassitari sotto l’ex presidente Michel Temer e l’attuale presidente Jair Bolsonaro. Dal 2016,  oltre 1.000 pesticidi sono stati approvati per uso agricolo. Non a caso, Bolsonaro ha ripetutamente espresso forte disprezzo per le normative ambientali e mantiene uno stretto rapporto con l’agroindustria. 

Il presidente populista di destra è stato soprannominato “Capitano Motosega” dai suoi avversari, facendo riferimento al suo passato militare e al suo atteggiamento estremamente rilassato nei  confronti della deforestazione. Proprio questo mese,  è stato riferito che oltre 2.254 chilometri quadrati (870 miglia quadrate) della foresta pluviale amazzonica sono stati abbattuti in Brasile solo nel luglio 2019, con un aumento del 278% rispetto allo stesso periodo del 2018 . 

Di Tom Hale

Fonte: www.iflscience.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...