Scoperto in Perù il misterioso fiume “bollente” tramandato da secoli nelle leggende amazzoniche

Per secoli, la gente peruviana hanno  tramandato di padre in filio la laggenda di un fiume in Amazzonia che aveva un’acqua così calda da poter uccidere chiunque vi si immergesse
Tratto da www.sciencealert.com 

Secondo la leggenda, i conquistadores spagnoli si avventurarono incautamente nella foresta pluviale in cerca di oro, e i pochi uomini che tornarono raccontarono storie di acqua avvelenata, serpenti mangiatori di uomini e un fiume che ribolliva dal profondo delle sue acque.

Il geoscienziato peruviano, Andrés Ruzo, era stato affascinato da questo mito fin dall’infanzia. Ma è quando completò il suo progetto di dottorato sul potenziale di energia geotermica in Perù, che iniziò a chiedersi se il fiume potesse effettivamente essere reale. Secondo gli esperti con cui aveva parlato, la risposta era stata un “no” unanime, dopo tutto, esistono fiumi di acqua molto calda, ma in genere sono associati ai vulcani e non ci sono vulcani in quella parte del paese. Ma quando Ruzo tornò a casa durante le vacanze e chiese alla sua famiglia da dove provenisse il mito, sua madre gli disse che il fiume non solo esisteva, ma che lei e sua zia in realtà ci avevano anche nuotato. Sembrava abbastanza ridicolo, ma nel 2011, Ruzo ha colto l’occasione ed è andato nella foresta pluviale amazzonica con sua zia, e ha visto il famoso fiume con i suoi occhi ed era davvero di acqua bollente

Loading...

“Quando l’ho visto, ho subito afferrato il mio termometro”, ha detto Ruzo in un discorso a TED nel 2014 . ” La temperatura media del fiume era di 86 gradi Celsius, non abbastanza bollente ma decisamente abbastanza vicino … Non era una leggenda quindi.” Ma la parte più sconcertante è stata la sua vastità.

Le sorgenti termali non sono rare e le piscine termali raggiungono queste temperature in altre parti del mondo, ma nulla si avvicina nemmeno minimamente alla portata del fiume: è largo fino a 25 metri e profondo 6 metri e scorre con questa temperatura addirittura per 6,24 km.

Aggiungete questo al fatto che il fiume si trova a circa 700 km dal più vicino sistema vulcanico, e si comprende come la la temperatura non abbia alcun senso. In effetti, è l’unico fiume di questo tipo in tutto il mondo che conosciamo.

Con il permesso dello Sciamano locale, Ruzo ha passato gli ultimi anni a studiare il fiume, il suo ecosistema circostante e la sua acqua nel laboratorio, nella speranza di capire cosa stia succedendo.

14-campionamento-is-not-easy-3405(Devlin Gandy)

Per essere chiari, Ruzo ovviamente non è stato il primo a scoprire il fiume e, come suggerisce il suo nome indigeno, Shanay-timpishka, che significa “che bolle con il calore del sole”, anche lui non è stato il primo a chiedersi cosa lo renda così caldo.

Ma la sua ricerca, sostenuta in parte da una borsa  di studio di Young GeographicExplorers  , sta finalmente rivelando alcuni dei suoi segreti. Si scopre che non è il sole a far bollire l’acqua, ma le sorgenti calde alimentate a causa di alcune fagliei.

Immagina la Terra sia come un corpo umano, con linee di faglia e crepe che la attraversano come arterie. Queste ‘arterie della Terra’ sono piene di acqua calda, e quando arrivano in superficie, appaiono come manifestazioni geotermiche,  come ad esempio il fiume bollente. Le analisi chimiche hanno rivelato che l’acqua nel fiume proviene dalle acque piovane

Ruzo ora ipotizza che ciò avvenga molto a monte, forse nella parte più lontana delle Ande, e lungo il suo percorso si insinua nel terreno, dove viene riscaldato dall’energia geotermica della Terra. Alla fine emerge in Amazzonia, come fiume gorgogliante. Ciò significa che il sistema fa parte di un enorme sistema idrotermale, simile al quale non è mai stato visto da nessun’altra parte del pianeta.

Cosa ancora più emozionante, è che Ruzo ha lavorato con i biologi Spencer Wells e Jonathan Eisen per sequenziare i genomi dei microbi che vivono dentro e intorno al fiume e ha scoperto nuove specie in grado di sopravvivere al caldo. Naturalmente, per quanto affascinante sia il fiume, può anche essere mortale. L’acqua diventa così calda che Ruzo ha visto abbastanza spesso degli animali cadere dentro l’acqua e lentamente iniziare a bollire fino alla morte. “La prima cosa da fare è salvare gli occhi”, ha spiegato nel suo TED talk .

Alla fine, gli animali non possono più nuotare e l’acqua riempie la bocca e i polmoni, facendoli cuocere dall’interno verso l’esterno in una morte terribile. Tuttavia, le persone nuotano davvero nel fiume, come sosteneva sua madre, ma solo dopo forti piogge quando le temperature vengono un po ridotte con acqua fredda. In alcuni casi, l’acqua viene utilizzata per preparare il tè e per cucinare.

Ruzo continua a studiare il fiume e la sua fonte. Ma il suo obiettivo principale ora è come proteggere il fiume e il suo territorio circostante, in quanto, anche se i suoi risultati sono pronti per la pubblicazione, si rifiuta di pubblicarne una gran parte, almeno fino a quando il governo peruviano non garantirà che metterà in atto misure di conservazione appropriate.

“Nel bel mezzo del mio dottorato di ricerca, ho capito che questo fiume è una meraviglia naturale”, ha detto Ruzo a Maddie Stone a Gizmodo  nel 2016. “E non ci sarà più se non facciamo qualcosa a riguardo”.

Ha pubblicato un libro intitolato The Boiling River nelle sue avventure e spera che diffondendo le notizie su questo unico sistema idrotermale, le persone possano prenderne autonomamente la causa e decidere che il sito è abbastanza significativo da salvarlo dalle lobby e da altri sfruttatori. “Il pianeta è diventato piccolo e le meraviglie naturali come questa sono poche e lontane tra loro.”

Condiviso da: www.blueplanetheart.it 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...