loading...

Diabete di tipo 2: nuova scoperta ripristina la produzione di insulina cellulare

diabete di tipo 2

Bloccando la proteina VDAC1 nelle cellule produttrici di insulina, è possibile invertire i casi di diabete di tipo 2. In uno studio preclinico pubblicato sulla rivista Cell Metabolism , i ricercatori hanno anche dimostrato che è possibile prevenire l’insorgenza della malattia.

I ricercatori della Lund University (Svezia) ritengono che la sostanza che inibisce la produzione della proteina VDAC1 possa aiutare nello sviluppo di un nuovo trattamento per il diabete di tipo 2.

“L’obiettivo è essere in grado di somministrare la sostanza alle persone con nuova diagnosi di diabete 2 per consentire alle cellule che producono insulina di riprendere la loro funzione. O meglio ancora, usarlo con i pre-diabetici per prevenire l’insorgenza del diabete “, spiega il professor e investigatore principale Albert Salehi.

“Questo studio è basato su donazioni di cellule di sei persone morte e con diabete di tipo 2, oltre a esperimenti limitati su modelli animali. Sono necessari ulteriori studi per dimostrare come il blocco VDAC1 colpisce i reni, cuore, muscoli e tessuti grassi, per esempio ” . I risultati finora sono stati promettenti e il team ha già brevettato l’uso della sostanza nel campo del diabete.

Funzionalità della sostanza

I pre-diabetici possono avere alti livelli di zucchero nel sangue per molti anni prima di sviluppare il diabete di tipo 2. Questo alto livello di zuccheri avvia una serie di processi che causano danni al corpo. Tra questi, vi è un aumento della produzione della proteina VDAC1, che rilascia energia dai mitocondri ad altre parti della cellula.

Quando ci sono alti livelli di zucchero, tuttavia, la quantità di questa proteina aumenta e si attacca al muro della cellula. L’energia (ATP) fuoriesce dalla cellula e la fa morire per mancanza di energia. Questo ostacola il controllo della glicemia, che causa complicanze in organi quali cuore, reni e occhi.

Quando i ricercatori hanno bloccato il VDAC1 delle cellule beta da organi donati da persone con diabete 2, il rifornimento di energia è stato ripristinato e la produzione di insulina è stata normalizzata.

Quindi lo stesso esperimento è stato ripetuto nei topi inclini a sviluppare il diabete. di conseguenza, non hanno avuto la malattia e la produzione di insulina è stata mantenuta per cinque settimane, momento in cui il trattamento è stato interrotto e i livelli di glucosio sono aumentati nuovamente.

 

 Anche la metformina aiuta

La ricerca è stata sostenuta da ricercatori provenienti da Israele per ottenere la sostanza che impedisce la produzione della proteina. Ma un altro farmaco già esistente ha portato anche buoni risultati: la metformina.

“Abbiamo mostrato un nuovo meccanismo per il funzionamento della metformina nelle cellule beta. Il fatto che la metformina funzioni non solo al di fuori del pancreas ma protegge anche le cellule beta e la produzione di insulina nelle persone con diabete di tipo 2 è stata recentemente dimostrata da un gruppo di ricercatori canadesi. L’effetto è probabilmente influenzato dall’impatto su VDAC1 “, afferma Salehi.

 

Diabete di tipo 2

Questa è una delle malattie più comuni al mondo, colpisce oltre 400 milioni di persone. Il problema è che circa 200 milioni non sanno nemmeno di avere questa diagnosi. È causata dalla genetica e anche dallo stile di vita. Una dieta sana e un esercizio frequente possono essere un trattamento sufficiente per alcuni, mentre altri hanno bisogno di medicine. [ Medicalxpress ]

Fonte: hypescience.com

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

loading...