Il mondo rischia di rimanere senza aria respirabile entro il 2100: l’inquietante studio sui fitoplancton

Mentre il mondo si sforza di trovare modi efficaci per limitare le emissioni di carbonio e rallentare il riscaldamento globale, un recente studio ha scoperto che la posta in gioco potrebbe essere superiore a tutte le previsioni fatte sino ad ora.

Secondo Sergei Petrovskii, un professore di matematica applicata presso l’Università di Leicester nel Regno Unito, ha sottolineato che la presenza di un aumento incontrollato della temperatura globale potrebbe finire per ridurre drasticamente la quantità di ossigeno respirabile nell’atmosfera del pianeta, minacciando la vita sulla Terra come la conosciamo.

In uno studio pubblicato alla fine dello scorso anno nel Bollettino di Biologia matematica , Petrovskii ha analizzato modelli computerizzati osservando la presenza fitoplancton negli oceani del mondo, microscopiche piante marine responsabili della produzione di due terzi di ossigeno atmosferico del mondo. Nell’esaminare la capacità di fitoplancton di fotosintesi a varie temperature, Petrovskii ha compreso qualcosa di incredibilmente inquietante: ad un certo punto, queste piante potrebbero completamente fermare la propria produzione di ossigeno, lasciando il mondo senza fiato.

Loading...

Forse la parte più terrificante della scoperte di Petrovskii è il fatto che questa catastrofe avverrebbe con pochi segnali di pericolo. Se il riscaldamento globale dovesse continuare incontrollato, alcuni scienziati stimano che potremmo arrivare a questo drammatico punto di svolta già nel 2100, lasciandoci con solo circa 84 anni prima di una potenziale moria di specie animali ed umane. 

E ‘importante notare che la catastrofe possa essere verofismile: questo scenario apocalittico si verifica solo se permettiamo che gli oceani del mondo potranno riscaldarsi di 6 gradi Celsius. La maggior parte degli scienziati del clima avvertono che per evitare gli effetti più disastrosi del cambiamento climatico, occorrerebbe fermare l’innalzamento delle temperature globali prima che salgano di oltre i 2 ° C  rispetto ai livelli pre-industriali, e questo è l’obiettivo recentemente adottato dalle nazioni del mondo a l’accordo di clima di Parigi.

Detto questo, la ricerca ha anche dimostrato che rimanere al di sotto del limite di 2 ° C è sempre più improbabile a meno che le emissioni globali possano essere tagliate drasticamente, e le offerte raggiunte durante i colloqui COP21 semplicemente non sono sufficienti. Il Climate Action Tracker, un gruppo indipendente di esperti del clima europeo, stima che gli attuali accordi porteranno le eventuali temperature globali a circa 2,7 ° C , di gran lunga inferiore rispetto allo scenario delineato in carta di Petrovskii, ma abbastanza alto per potenzialmente innescare maggiore del livello del mare, distruggendo la maggior parte delle barriere coralline e ghiacciai, e alterano cicli agricoli in tutto il mondo in modo permanente.

In altre parole, se non fermiamo subito le azioni che potrebbero portare a questa estinzione di massa artificiale, saremo costretti ad andare incontro alla nostra fine annunziata. I legislatori dovrebbero assolutamente tenere alta l’attenzione su questa tematica ed impedire che questa tragedia possa divenire realtà. Da queste decisioni dipenderà l’intera vita sulla Terra così come la conosciamo oggi.

Via TakePart

Immagini via NASA Goddard Space Flight Center

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.