Scoperti due pianeti ai bordi del nostro sistema solare, e uno di loro può avere la vita

Gli astronomi hanno fatto recentemente due nuove scoperte che espandono i limiti conosciuti del nostro sistema solare, e rappresentano i più grandi progressi nella ricerca di vita extraterrestre finora.

Stiamo parlando di due nuovi pianeti, tra cui uno come la Terra che è abbastanza vicino per essere  studiato in dettaglio.

GJ 1132b

Nelle vicinaze del nostro sistema solare, c’è un nuovo pianeta roccioso con una dimensione simile a quella della Terra si chiama GJ 1132b, è la scoperta che detiene il maggior potenziale per la ricerca di vita aliena sino ad oggi.

Loading...

Questo pianeta è tre volte più vicino a noi rispetto a qualsiasi altro oggetto simile mai scoperto in orbita intorno a una stella. La sua vicinanza “permetterà agli astronomi di studiare il pianeta con una precisione senza precedenti”, secondo Drake Deming, astronomo presso l’Università del Maryland, Stati Uniti d’America. Il pianeta compie un’orbita ogni 1,6 giorni, offrendo maggiori opportunità per la ricerca e la misura di qualsiasi altro mai visto.

Il pianeta si muove intorno a una nana rossa, con solo un quinto delle dimensioni del sole. Ha un raggio del 16% più grande della Terra, e temperature di superficie che raggiungono 260 gradi Celsius.

Anche se è troppo caldo per sostenere acqua liquida o sostenere la vita come noi la conosciamo è abbastanza freddo per sostenere alcuni dei mattoni fondamentali della vita e, eventualmente sostenere forme di vita come i batteri.

V774104

Impressione artistica

Impressione artistica di V774104

I limiti noti del nostro sistema solare sono stati ampliati con la scoperta di un pianeta nano lontano – tre volte più lontano di Plutone.

Gli studi iniziali suggeriscono che l’oggetto, denominato V774104, è probabilmente un corpo di ghiaccio ampio tra i 500 a 1000 chilometri, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la sua orbita.

Il pianeta è stato trovato con l’aiuto del Subaru Telescope, situato in cima al Mauna Kea, un vulcano spento alle Hawaii. Si tratta  di un oggetto distante 15,4 miliardi di chilometri dal sole.

Questa scoperta segna la fine del sistema solare e quindi la fine dell’influenza gravitazionale del sole. Conferma inoltre che il sistema solare è molto più complicato di quanto gli astronomi sostengono.

Limiti costantemente testati

Questi nuovi risultati sembrano indicare che i pianeti sono probabilmente in migliaia di miliardi nella sola nostra galassia.

“Il motivo per cui questa scoperta è importante è che in realtà non sappiamo come il nostro sistema solare si è formato, c’è un mistero là fuori”, ha dichiarato Brad Tucker, astronomo dell’Osservatorio di Mount Stromlo a Canberra, in Australia, che non era coinvolto nella ricerca . “Siamo sempre alla ricerca di nuovi oggetti come questi. Se non si capisce come il nostro sistema solare si è formato, non sapremo quali sono gli ingredienti che sono necessari per formare una Terra, o la risposta alla domanda: qual è il limite del nostro sistema solare “.[CNN]

Foto anteprima:Impressione artistica di GJ 1132b

Fonte:http://hypescience.com/novo-planeta-descoberto-e-melhor-chance-de-encontrar-vida-fora-do-nosso-sistema-solar/

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.