Cos’è questa storia dei maiali che possono respirare dal retto

Un team di ricerca giapponese sta studiando un nuovo metodo che consente a topi e maiali di ricevere ossigeno attraverso il retto. Un giorno i ricercatori sperano di provarlo anche sugli esseri umani proprio per Covid-19 Potrà sembravi bizzarro, se non addirittura uno scherzo. Eppure, la storia di poter respirare per via anale è vera. E alcuni scienziati giapponesi, infatti, lo hanno appena […]

» Read more

Il caso insolito della bella addormentata nella vita reale: può dormire fino a 13 giorni di seguito

È il caso di un adolescente indonesiana, di soli 17 anni. Succede che la giovane donna dorme per diversi giorni di seguito, arrivando fino a tredici giorni interi di sonno fino ad ora. Torna a far notizia il caso insolito di una giovane donna che riesce a dormire fino a 13 giorni di seguito . Molti considerano questo il caso della bella addormentata nella vita reale. […]

» Read more

La genetica potrebbe spiegare perché beviamo tanto caffè

Due studi tornano sulla scienza del caffè. Uno mette in luce il legame forse in parte anche genetico fra consumi bassi o alti di caffè e salute cardiaca, mentre il secondo indaga, ancora su un campione ristretto, cosa succede nel cervello di chi beve regolarmente almeno 2 tazzine al giorno Lungo, macchiato caldo o freddo, decaffeinato, al vetro, tantissimi sono i tipi di caffè che possiamo chiedere al bar facendo […]

» Read more

Crollo degli spermatozoi nell’uomo e negli animali in mezzo secolo: rischiamo infertilità dal 2060

A causa di composti chimici tossici presenti negli oggetti di uso quotidiano, nei cibi, nelle bevande e nell’aria che respiriamo, dagli anni ’70 ad oggi la concentrazione degli spermatozoi nell’uomo si è ridotta quasi del 60 percento. Cali simili sono stati osservati nei cani e in altri animali. Se il trend continuerà, rischiamo l’infertilità dal 2060. Lo studio “Temporal trends […]

» Read more

Il materiale delle lattine di alluminio può essere correlato alla malattia di Alzheimer

Secondo un nuovo studio, sembra esserci un collegamento preoccupante tra l’alluminio nel cervello e i primi segni della malattia di Alzheimer. I ricercatori sanno da anni che l’alluminio ha qualche connessione con l’Alzheimer, ma ora gli scienziati della Keele University hanno scoperto che il metallo appare negli stessi punti nel cervello dei cluster di proteine ​​tau che compaiono nelle prime […]

» Read more

Vuoi migliorare la tua memoria? questo è il modo più semplice ed efficace

Ci sono poche cose che sono così benefiche per la tua memoria come dormire bene la notte. Comprendi la causa. Se sei stanco, è difficile prestare attenzione e la memoria richiede attenzione Per ricordare le informazioni, devi prestare attenzione. Se sei stanco, semplicemente non puoi prestare attenzione con la stessa efficacia di quando sei riposato. Questa affermazione sembra semplice, ma solleva un’altra domanda: […]

» Read more

Riutilizzare le bottiglie di plastica potrebbe non essere così sicuro quanto pensi

Il rischio più probabile del riutilizzo è quello della contaminazione. Meno probabile invece il rilascio di sostanze chimiche e microplastiche che si verifica a livelli molti bassi e non nocivi per la salute. Nel mondo vengono acquistate più di 1 milione di bottiglie di plastica al minuto, con un impatto ambientale enorme. La maggior parte viene utilizzata una sola volta […]

» Read more

L’olio di CBD per alleviare sintomi e tremori del morbo di Parkinson

La malattia di Parkinson è la seconda malattia neuro-degenerativa più comune, dopo il morbo di Alzheimer. Associare rimedi naturali ai medicamenti comuni sta divenendo ogni giorno più comune per gli individui che provano sofferenza a causa degli esiti del morbo di Parkinson. Le ricerche sono state in grado di attestare che il CBD può attenuare i sintomi sfiancanti della patologia. […]

» Read more

Il lockdown ha portato a un aumento dei disturbi alimentari

Lo indicano i risultati di uno studio inglese che ha esaminato l’impatto delle restrizioni introdotte nella prima ondata di Covid-19 su comportamenti e abitudini alimentari. Il lockdown per contrastare la diffusione del coronavirus ha inciso fortemente sull’insorgenza e la riacutizzazione dei disturbi alimentari. Lo evidenziano i risultati di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Psychiatry Research da un team di […]

» Read more
1 2 3 4 5 125