23 specie dichiarate estinte negli Usa

Estinti un grande picchio, uccelli, pesci, 8 cozze d’acqua dolce e 11 specie delle Hawaii e delle isole del Pacifico

L’United states Fish and Wildlife Service (USFWS) ha proposto di rimuovere 23 specie dall’Endangered Species Act (ESA) a causa della loro estinzione: «Sulla base di rigorose revisioni della migliore scienza disponibile per ciascuna di queste specie, il Servizio ha stabilito che queste specie sono estinte e quindi non richiedono più l’inserimento nell’ESA. Lo scopo dell’ESA è proteggere e recuperare le specie in pericolo e gli ecosistemi da cui dipendono. Per le specie proposte per la cancellazione dall’elenco, le protezioni dell’ESA sono arrivate troppo tardi, con la maggior parte di loro estinte, funzionalmente estinte o in forte declino al momento della redazione dell’elenco».

Loading...

Le specie proposte per il delisting includono:

Picchio dal becco d’avorio (Campephilus principalis). Era il picchio più grande d’America e Il terzo picchio più grande del mondo, il picchio becco d’avorio. Una volta volava nelle foreste vetuste in 13 Stati, tra cui Arkansas, Florida, Georgia, Illinois, Kentucky, Louisiana, Mississippi, Missouri, North Carolina, Oklahoma , Carolina del Sud, Tennessee e Texas. Rra stato elencato nel 1967 come in pericolo di estinzione nell’ESA – Endangered Species Preservation Act (ESPA). L’ultimo avvistamento certo del picchio dal becco d’avorio avvenne nell’aprile del 1944 sul Singer Tract nella regione del fiume Tensas nel nord-est della Louisiana. Nonostante decenni di ricerche negli Stati Uniti sudorientali e a Cuba, non è più stato avvistato. Le principali cause della sua estinzione sono state la perdita dell’habitat forestale maturo e la cattura per il collezionismo ornitologico.

Parula di Bachman  (Vermivora bachmanii).  Era un piccolo uccello canoro giallo e nero che un tempo si riproduceva in boschetti paludosi in Alabama, Florida, Georgia, Carolina del Nord, Carolina del Sud e Tennessee e svernava a CubaGià nel 1953 era uno degli uccelli canori più rari del Nord America. Quando è stata elencata per la prima volta nel 1967 come specie in via di estinzione ai sensi dell’Endangered Species Preservation Act, non era stata più vista negli Usa  dal 1962. L’ultima volta che è stata documentata a Cuba risale al 1981 e da allora non ci sono stati avvistamenti verificabili nemmeno in quel Paese. La perdita dell’habitat forestale maturo e la cattura diffusa sono le ragioni principali della sua estinzione.

Otto specie di cozze d’acqua dolce – Dipendenti da corsi d’acqua sani e fiumi con acqua pulita e affidabile, le cozze d’acqua dolce sono alcune delle specie più a rischio negli Usa, che ospitano più della metà delle specie mondiali di cozze d’acqua dolce. Le cozze proposte per il delisting a causa dell’estinzione vivevano tutte nel sud-est Usa, l’hot spot della biodiversità statunitense per le cozze d’acqua dolce. Sono il: flat pigtoe (Mississippi), southern acornshell (Alabama, Georgia, Tennessee), stirrupshell (Alabama), upland combshell, (Georgia, Alabama, Tennessee), green-blossom pearly (Tennessee, Virginia), turgid-blossom pearly mussel (Tennessee, Alabama, Arkansas), yellow-blossom pearly mussel (Tennessee, Alabama) and the tubercled-blossom pearly mussel (Alabama, Illinois, Indiana, Kentucky, Tennessee, West Virginia, southern Ontario, Canada). I molluschi d’acqua dolce sono il gruppo di organismi più a rischio negli Usa, con 36 cozze e più di 70 lumache d’acqua dolce già estinte.

Specie delle Hawaii e Isole del Pacifico.  Sono state proposte per il delisting 11 specie delle Hawaii e di Guam, molte delle quali avevano caratteristiche sorprendenti, come ad esempio il becco lungo e curvo dell’akialoa Kauai e del nukupu’u, il richiamo ammaliante del Kauai ` o`o, e i colori brillanti dell’Akepa Maui e del rampichino Molokai. L?SFWS ricorda che «Le specie endemiche delle isole corrono un rischio elevato di estinzione a causa del loro isolamento e delle loro piccole aree geografiche. Le Hawaii e le isole del Pacifico ospitano più di 650 specie di piante e animali elencate nell’ESA., è più di ogni altro Stato Usa e la maggior parte di queste specie non si trova in nessun’altra parte del mondo. Per esempio, l’occhialino dalle redini (Bridled white-eye) un uccello della foresta tropicale di pianura verde, giallo e bianco che viveva a Guam, lungo 10 cm, con un anello prominente intorno all’occhio, si è estinto a causa della predazione da parte del serpente arboricolo marrone invasivo. Il piccolo pipistrello della frutta di Mariana, conosciuto anche come volpe volante di Guam (Pteropus tokudae) si nutriva di frutti tropicali. E’ stato avvistato per l’ultima volta nel 1968 e si è estinto a causa della perdita dell’habitat dovuta all’agricoltura e all’attività militare, alla predazione dei serpenti marroni invasivi e alla caccia. Aveva un’apertura alare di 2 60 cm e una pelliccia color oro ai lati del collo e bruno-giallastra sulla sommità della testa.

Gambusia di San Marcos (Gambusia georgei). Elencato nel 1980, era un pesce lungo poco più di 2,5 cm che mangiava piccoli invertebrati e dava alla luce piccoli vivi invece di deporre uova come molte specie di pesci. Viveva nelle limpide acque sorgive delle sorgenti del fiume San Marcos in Texas, solo nel tratto a scorrimento lento del fiume. La gambusia di San Marcos ha avuto un areale storico limitato è più stata trovata in natura dal 1983. Le ragioni principali della sua estinzione includono l’alterazione dell’habitat dovuta all’esaurimento delle acque sotterranee, la riduzione del flusso primaverile di fiumi e torrenti, l’aratura del fondale e la ridotta vegetazione acquatica, nonché l’ibridazione con altre specie di gambusia.

Scioto madtom  (Noturus trautmani). Elencato come in via di estinzione nel 1975, lo Scioto madtom era un pesce gatto  che viveva in una piccola sezione del Big Darby Creek, un affluente del fiume Scioto, in Ohio. Lo Scioto madtom era noto per nascondersi durante le ore diurne sotto le rocce o nella vegetazione ed emergere dopo il tramonto per mangiare sul fondo del torrente. Solo 18 individui del erano stati catturati fino all’ultimo avvistamento confermato nel 1957. La causa esatta del declino del madtom Scioto è sconosciuta, ma è probabilmente dovuta all’accumulo di limo proveniente dalle dighe e agli scarichi industriali nei corsi d’acqua e ai reflui agricoli.

Anche se per queste 23 specie le protezioni sono scattate troppo tardi, l’ESA è riuscita a prevenire l’estinzione di oltre il 99% delle specie elencate. In totale, 54 specie sono state cancellate dall’ESA a grazie al recupero delle loro popolazioni e altre 56 specie sono passate  da minacciate in pericolo di estinzione a minacciate. L’attuale piano di lavoro dell’USFWS include azioni pianificate che comprendono la potenziale esclusione o cancellazione dall’elenco ESA di 60 specie grazie a lavori di recupero che hanno avuto successo. Inoltre, numerose specie non sono state elenx cate nell’elenco ESA grazie agli sforzi collaborativi di agenzie federali, Stati, tribù e proprietari terrieri privati, con l’ESA che funge da catalizzatore per gli sforzi di conservazione che aiutano a proteggere le specie in pericolo e il loro habitat.

Tierra Curry, scienziata senior del Center for Biological Diversity, sottolinea che «L’Endangered Species Act ha impedito l’estinzione del 99% delle piante e degli animali sotto la sua cura, ma purtroppo queste specie erano estinte o quasi scomparse quando sono state elencate. La tragedia sarà amplificata se non evitiamo che ciò accada di nuovo finanziando completamente la protezione delle specie e gli sforzi di recupero che richiedono di accelerare rapidamente. Il ritardo equivale alla morte per la fauna selvatica vulnerabile».

All’US Fish and Wildlife Service sono convinti che  queste estinzioni di specie evidenzino l’importanza dell’ESA e degli sforzi per conservare le specie prima che il declino diventi irreversibile: «Le circostanze di ciascuna di esse sottolineano anche come l’attività umana possa guidare il declino e l’estinzione delle specie, contribuendo alla perdita dell’habitat, all’uso eccessivo e all’introduzione di specie invasive e malattie. Si prevede che i crescenti impatti dei cambiamenti climatici aggraveranno ulteriormente queste minacce e le loro interazioni. Sottolineano anche le sfide di conservazione in corso per il Service. Quasi 3 miliardi di uccelli sono stati persi in Nord America dal 1970. Queste estinzioni evidenziano la necessità di agire per prevenire ulteriori perdite».

La segretario agli interni Usa, Deb Haaland, ha sottolineato che «Con il cambiamento climatico e la perdita di aree naturali che spingono sempre più specie sull’orlo dell’estinzione, ora è il momento di aumentare gli sforzi proattivi, collaborativi e innovativi per salvare la fauna selvatica americana. L’Endangered Species Act è stato incredibilmente efficace nel prevenire l’estinzione delle specie e ha anche ispirato azioni per conservare le specie a rischio e il loro habitat prima che debbano essere elencate come in pericolo o minacciate. Continueremo a garantire che Stati, tribù, proprietari terrieri privati ​​e agenzie federali dispongano degli strumenti di cui hanno bisogno per conservare la biodiversità e il patrimonio naturale dell’America».

Ma il Center for Biological Diversity accusa: «L’US Fish and Wildlife Service è stato estremamente lento nel proteggere le specie. Uno studio del 2016 ha rilevato che le specie hanno aspettato una media di 12 anni per ricevere salvaguardie. Molte delle specie presenti nell’annuncio odierno si sono estinte durante un ritardo nel processo di quotazione, tra cui il pigliamosche  di Guam, il piccolo pipistrello della frutta di Mariana e le cozze acornshell meridionale, staffa e combshell di montagna. In totale, almeno 47 specie si sono estinte in attesa di protezione». La Curry conferma: «Siamo a rischio di perdere centinaia di specie in più a causa della mancata urgenza. L’Endangered Species Act è lo strumento più potente che abbiamo per porre fine all’estinzione, ma la triste realtà è che l’elenco arriva ancora troppo tardi per la maggior parte delle specie. L’US Fish and Wildlife Service ha un disperato bisogno di riformare il suo processo per proteggere le specie per evitare ulteriori estinzioni, e ha bisogno di fondi per farlo. Non possiamo lasciare che i ritardi burocratici causino ulteriori estinzioni».

Arrestare la crisi dell’estinzione è uno dei pilastri dell’iniziativa America the Beautiful dell’amministrazione Biden-Harris , uno sforzo nazionale e volontario condotto a livello locale per conservare, collegare e ripristinare il 30% delle terre, dell’oceano e delle acque interne entro il 2030. Uno degli obiettivi dell’iniziativa è quello di migliorare l’habitat della fauna selvatica e migliorare la biodiversità – per impedire alle specie di raggiungere il punto in cui sono in pericolo di estinzione o non possono più essere salvate.

Martha Williams, principal deputy director dell’ USFWS ha evidenziato che «Il Service è attivamente impegnato con diversi partner in tutto il Paese per prevenire ulteriori estinzioni, recuperare le specie elencate e prevenire prima di tutto la necessità di protezioni federali. L’Endangered Species Act ha avuto un incredibile successo sia nel prevenire le estinzioni sia nell’ispirare le diverse partnership necessarie per affrontare le crescenti sfide di conservazione del XXI secolo».

Gli ambientalisti del Center for Biological Diversity ricordano però che Dopo 9 mesi che è in carica, «Il presidente Biden deve ancora nominare un direttore per il Fish and Wildlife Service. Ha richiesto un aumento di oltre 60 milioni di dollari per le specie in via di estinzione – il più grande aumento richiesto per il programma nella storia – ma la Commissione per gli stanziamenti della Camera ha ridotto la richiesta di budget del presidente di 17 milioni di dollari. Uno studio del 2016 ha rilevato che il Congresso fornisce solo circa il 3,5% dei finanziamenti che gli scienziati del Servizio stimano necessari per recuperare le specie. Circa 1 specie su 4 riceve meno di 10.000 dollari all’anno per il recupero».

Due progetti di legge presentati al Congresso aumenterebbero la protezione e i finanziamenti per le specie in via di estinzione: l’Extinction Prevention Act (HR 3396) creerebbe 4 programmi di sovvenzione che fornirebbero 5 milioni di dollari all’anno per finanziare lavori di conservazione essenziali per ciascuna delle specie più gravemente minacciate negli Usa, tra cui farfalle, cozze d’acqua dolce, pesci del deserto e piante hawaiane. L’Extinction Crisis Emergency Act indirizzerebbe il presidente Biden a dichiarare la crisi globale di estinzione della fauna selvatica un’emergenza nazionale. La legislazione stimolerebbe l’azione dell’intero governo federale per arginare la perdita di animali e piante negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

La Curry  conclude: «L’estinzione non è inevitabile. E’ una scelta politica. Salvare le specie non è scienza missilistica. Come Paese dobbiamo alzarci in piedi e dire che non perderemo altre specie fino all’estinzione».

Fonte:  greenreport.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...