Cos’è il ricatto emotivo? Impara come identificare questo comportamento tossico

Soffri di ricatto emotivo? Forse stai facendo le cose per paura, senso di colpa o senso di obbligo, quando potresti sbarazzarti di quei cattivi sentimenti se sapessi di essere manipolato.

Sì, il ricatto emotivo è un tipo di manipolazione e non viene eseguito solo da partner romantici, ma anche da amici e familiari.

Loading...

Dai un’occhiata agli esempi di questo comportamento tossico e impara ad affrontarlo:

Il concetto di ricatto emotivo

Il concetto di “ricatto emotivo” è stato reso popolare negli anni ’90 dalla psicoterapeuta Susan Forward. In generale, il ricattatore usa la paura, il senso di colpa o l’obbligo per ottenere ciò che vuole.

Secondo la psicologa clinica Karla Ivankovich, il ricatto emotivo avviene quando “qualcuno vicino a noi usa le cose che sa di noi contro di noi, come mezzo di danno o manipolazione”.

Ad esempio: tu e il tuo ragazzo (o ragazza) vivete e vi prendete cura di un cane insieme da cinque anni. Il tuo partner ha adottato l’animale sei mesi prima del tuo incontro, ma lo ami anche tu. Durante una discussione particolarmente brutta, dice: “Se mi lasci, non rivedrai mai più il cane”.

Mentre alcune forme di ricatto emotivo sono chiare e persino scioccanti, come minacce palesi o implicite, altre possono essere più sottili, spiega Darlene Lancer, terapista di famiglia e di coppia.

“Semplici esempi di ricatto emotivo sono minacce come ‘Dirò ai bambini che hai avuto una relazione”, o minacce ambigue come’ Te ne pentirai se … ‘o’ Vorresti che i tuoi genitori, amici, capo, ecc., Sappiano che tu hai fatto …?’. Queste minacce sono progettate per invocare la paura. Altri, più subdoli, inciampano nella colpa. Ad esempio: ‘Un amico mi presterebbe dei soldi. Come puoi dire che sei mio amico se non mi aiuti quando sono in una situazione come questa? ‘ oppure: “E quando hai preso in prestito dei soldi da me al college?” ”esemplifica Lancer.

Pressare o “ricordare” a qualcuno un “obbligo” o un “dovere” è un’altra tattica di ricatto emotivo. Dì che vivi lontano dalla tua famiglia, tua madre vuole che la visiti e l’aiuti con qualcosa, ma non hai soldi. “Ma è la tua famiglia! Questo è quello che dobbiamo fare, dobbiamo aiutarci a vicenda ”.

Infine, il “gaslighting” è un altro esempio di ricatto emotivo. È una forma di abuso psicologico in cui le informazioni vengono distorte, omesse o inventate per favorire il conduttore e far dubitare la vittima di se stesso, della sua memoria, della sua percezione e persino della sua sanità mentale. “Ad esempio, noti che il tuo partner romantico ha flirtato con un collega e poi ti fa impazzire pensando che potrebbe essere dietro a qualcuno che lavora con lui”, spiega Lancer.

È il male?

Il ricatto emotivo può esistere nel contesto di qualsiasi relazione con una persona vicina e non è sempre un segno che è necessario tagliare i legami con quella persona, sebbene possa essere indicativo di una dinamica malsana se il comportamento persiste.

Questo perché il ricatto emotivo non è sempre dannoso, anche se può essere utilizzato come strategia di controllo consapevole. Diciamo che ti piace compiacere le persone e il tuo partner e i tuoi amici lo sanno. Quindi possono fare i capricci o fingere di essere arrabbiati quando dici che non puoi fare qualcosa per loro, sperando che cambierai idea.

Detto questo, la manipolazione non è solo per secondi fini. A volte il ricattatore emotivo pensa di avere ragione a fare una particolare richiesta o dichiarazione. Forse semplicemente non sa come dire quello che sente – per esempio, che ha paura di perderti – e poi fa una minaccia.

“Il ricatto emotivo può derivare dall’insicurezza o dalla mancanza di comprensione di come comunicare i sentimenti, quindi non è sempre tossico”, spiega Ivankovich.

Secondo Lancer, i narcisisti, gli individui con disturbo borderline di personalità e altri con condizioni psicologiche correlate possono usare il ricatto emotivo più spesso senza saperlo.

Ma sicuramente non è sempre così. “In genere, [il ricatto emotivo] nasce dalla paura dell’abbandono o da un senso di vergogna. In ogni caso, il manipolatore sente una seria minaccia per l’ego e il senso di sé “, afferma Lancer.

Come affrontare questo tipo di comportamento?

Prima di tutto, sii consapevole che non è tua responsabilità “correggere” il cattivo comportamento di qualcuno. Ognuno fa delle scelte su come comportarsi e cosa dire, e quelle scelte non possono essere trasferite a te.

Tuttavia, se sei ricattato emotivamente da una persona cara e ritieni che non faccia male, ma vorresti che finisse, prova a dirgli esattamente questo: “basta”.

Secondo Lancer, di solito funziona. “Le minacce spesso non si concretizzano, perché in realtà richiedono maggiore attenzione. Assicura il ricattatore emotivo che lo ami e che vuoi essere in quella relazione, ma senza minacce e senza fare tutto ciò che vuole ”, spiega.

La chiave è la comunicazione. Parla con il ricattatore emotivo del motivo per cui sta accadendo. “Se c’è incertezza, chiedi cosa puoi fare per aiutarti a sentirti più sicuro. Forse tua madre ha bisogno di più chiamate ogni mese. Forse il tuo partner ha bisogno di gesti romantici più regolari. Forse il tuo amico non si rende conto del senso di colpa e del disagio che stai causando chiedendo ripetutamente qualcosa quando hai già detto di no “, sostiene Ivankovich.

Se è una persona che l’ha fatto più di una volta, devi chiarire cosa accetti e cosa non accetti. Esprimi con tutte le parole che non sarai manipolato.

“Se quella persona non si ferma nonostante le sue richieste, è tempo di pensare a scappare. Il ricatto emotivo è una dinamica abusiva, soprattutto se continua dopo che i limiti sono stati chiaramente definiti. Ti meriti di sentirti amato e supportato, non minacciato “, afferma Lancer. [ HuffPost ]

Fonte:hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...