La fusione del ghiaccio artico sta portando ad un cambiamento delle correnti oceaniche

Una grande corrente oceanica dell’Artico è più veloce e più turbolenta a causa della rapida fusione del ghiaccio marino, come mostra un nuovo studio della NASA. La corrente fa parte di un delicato ambiente artico che ora è inondato di acqua dolce, un effetto del cambiamento climatico causato dall’uomo.
di Rexana Vizza / Matthew Segal, NASA

Utilizzando 12 anni di dati satellitari, alcuni scienziati hanno misurato il modo in cui questa corrente circolare, chiamata Beaufort Gyre, sta cercando di bilanciare in modo parziale, un afflusso di una quantità di acqua fredda senza precedenti, un cambiamento che potrebbe alterare le correnti nell’Oceano Atlantico e raffreddare il clima di Europa occidentale.

Loading...

La Beaufort Gyre mantiene in equilibrio l’ambiente polare immagazzinando acqua dolce vicino alla superficie dell’oceano. Il vento va scorrere questa corrente in senso orario attorno all’Oceano Artico occidentale, a nord del Canada e dell’Alaska, dove raccoglie naturalmente acqua fresca da fusione glaciale, deflusso dei fiumi e precipitazioni. Questa acqua dolce è importante nell’Artico in parte perché galleggia sopra l’acqua più calda e salata e aiuta a proteggere il ghiaccio marino dallo scioglimento, che a sua volta aiuta a regolare il clima terrestre. La gyre quindi rilascia lentamente questa acqua dolce nell’Oceano Atlantico per un periodo lungo decenni, permettendo alle correnti dell’Oceano Atlantico di portarla via, gradualmente, in piccole quantità.

Ma dagli anni ’90, la corrente ha accumulato una grande quantità di acqua dolce, 8.000 chilometri cubi, quasi il doppio del volume del lago Michigan. Il nuovo studio, pubblicato su Nature Communications , ha scoperto che la causa di questo aumento della concentrazione di acqua dolce è la perdita di ghiaccio marino in estate e in autunno. Questo decennale declino della copertura del ghiaccio marino estivo dell’Artico ha lasciato la Beaufort Gyre più esposta al vento, che così la fa ruotare più velocemente e intrappola l’acqua fresca nella sua corrente.

La fusione del ghiaccio artico sta cambiando le correnti oceaniche
Il ghiaccio marino artico è stato fotografato nel 2011 durante la missione ICESCAPE della NASA, o “Impacts of Climate on Ecosystems and Chemistry of the Arctic Pacific Environment”, un’indagine condotta dalle navi per studiare in che modo le mutevoli condizioni nell’Artico influenzano la chimica e gli ecosistemi dell’oceano. La maggior parte della ricerca si è svolta nei mari di Beaufort e Chukchi nell’estate 2010 e 2011. Credit: NASA / Kathryn Hansen

I venti occidentali persistenti hanno anche deviato la corrente in una particolare direzione per oltre 20 anni, aumentandone la velocità e le dimensioni in senso orario e impedendo all’acqua dolce di lasciare l’Oceano Artico. Questo vento occidentale decennale è insolito per la regione, dove in precedenza i venti cambiavano direzione ogni 5-7 anni.

Gli scienziati stanno tenendo d’occhio la Beaufort Gyre nel caso in cui il vento cambi di nuovo direzione. Se la direzione dovesse mutare, il vento invertirà il senso della corrente, in senso antiorario, rilasciando l’acqua che ha accumulato tutta in una volta.

“Se la Beaufort Gyre rilasciasse l’acqua in eccesso nell’Oceano Atlantico, potrebbe potenzialmente rallentarne la circolazione. E ciò avrebbe implicazioni a livello di emisfero per il clima, specialmente nell’Europa occidentale”, ha affermato Tom Armitage, autore principale di lo studio e lo scienziato polare presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

L’acqua dolce rilasciata dall’Oceano Artico nel Nord Atlantico può modificare la densità delle acque superficiali. Normalmente, l’acqua dall’Artico perde calore e umidità nell’atmosfera e affonda nel fondo dell’oceano, dove spinge l’acqua dall’oceano Atlantico settentrionale verso i tropici come un nastro trasportatore.

Questa importante corrente si chiama Capovolgimento meridionale della circolazione atlantica (AMOC) e aiuta a regolare il clima del pianeta trasportando calore dall’acqua riscaldata dai tropici alle latitudini settentrionali come l’Europa e il Nord America. Se rallentasse in modo sostanziale, potrebbe avere un impatto negativo sulla vita marina e sulle comunità che da essa dipendono.

“Non ci aspettiamo un arresto della Corrente del Golfo, ma prevediamo impatti derivanti dal suo rallentamnto. Ecco perché stiamo monitorando così da vicino la Beaufort Gyre”, ha dichiarato Alek Petty, co-autore del papere e scienziato polare al Goddard della NASA Space Flight Center a Greenbelt, Maryland.

Lo studio ha anche scoperto che, sebbene la Beaufort Gyre sia sbilanciata a causa dell’energia aggiunta dal vento, la corrente espelle quell’energia in eccesso formando piccoli vortici circolari d’acqua. Mentre la maggiore turbolenza ha contribuito a mantenere equilibrato il sistema, ha il potenziale di portare ulteriore fusione del ghiaccio perché mescola strati di acqua fredda fredda con acqua salata relativamente calda sottostante. Il ghiaccio che fonde potrebbe, a sua volta, portare a cambiamenti nel modo in cui i nutrienti e il materiale organico nell’oceano si mescolano, influenzando in modo significativo la catena alimentare e la fauna selvatica nell’Artico.

“Ciò che questo studio sta dimostrando è che la perdita di ghiaccio marino ha effetti molto importanti sul nostro sistema climatico che stiamo scoprendo solo adesso”, ha affermato Petty.

Tratto da www.phys.org

Condiviso da: www.blueplanetheart.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...