Venere può essere stata abitabile per miliardi di anni

Oggi Venere è un pianeta che ricorda il settimo anello infernale di Dante Alighieri . Il secondo pianeta dal Sole, Venere è un po ‘più piccolo della Terra coperto di montagne e grandi pianure di lava con temperature torride e un’atmosfera pesante principalmente fatta di anidride carbonica con spesse nuvole di acido solforico. Ma una nuova ricerca suggerisce che il pianeta “sorella contorta” della Terra potrebbe essere stato una volta caratterizzato da condizioni temperate e acqua liquida in grado di sostenere la vita.

Cioè, fino a quando una drammatica trasformazione, oltre 700 milioni di anni fa, ha ristrutturato l’atmosfera del pianeta.

“La nostra ipotesi è che Venere potrebbe aver avuto un clima stabile per miliardi di anni. È possibile che l’evento di resurfacing quasi globale sia responsabile della sua trasformazione da un clima simile alla Terra in una calda  casa infernale che vediamo oggi “, ha affermato Michael Way, del  Goddard Institute for Space Studies , in una nota .

Loading...

Il nuovo studio presentato la scorsa settimana al meeting congiunto EPSC-DPS si  basa su ricerche precedenti del Pioneer Venus della NASA che suggerivano che il pianeta un tempo aveva oceani bassi di acqua. Questa volta, gli scienziati hanno eseguito cinque simulazioni che presupponevano livelli diversi di copertura idrica in tutto il pianeta per vedere se un clima stabile sarebbe stato in grado di supportarlo. Tre dei cinque scenari presumevano che Venere avesse una topografia simile a quella che vediamo oggi ma con un oceano con una profondità media di 310 metri , uno strato superficiale di acqua in media di 10 metri e una piccola quantità di acqua che era bloccata nel suolo. Li hanno quindi confrontati  con uno scenario che rappresenta un pianeta con la topografia della Terra e un mondo con oceani che raggiungono i 158 metri di profondità.

I ricercatori hanno quindi simulato le condizioni ambientali di  4,2 miliardi di anni fa, 715 milioni di anni fa e oggi adattando un modello di circolazione generale 3D per tenere conto di un aumento della radiazione solare vista nel nostro Sole nel tempo e del cambiamento delle composizioni atmosferiche su Venere.

L’emisfero settentrionale è mostrato in questa visione globale della superficie di Venere. NASA / JPL 2018

Secondo le simulazioni, Venere sarebbe stata in grado di mantenere temperature stabili tra 20 e 50 ° C (68 e 122 ° F) per circa 3 miliardi di anni. Circa 4 miliardi di anni fa, Venere si sarebbe rapidamente raffreddata dopo la sua formazione, creando un’atmosfera dominata dall’anidride carbonica. Nel corso dei prossimi 3 miliardi di anni, il pianeta potrebbe essersi evoluto come la Terra e bloccato la CO2 in rocce di silicato sulla superficie del pianeta. Circa 715 milioni di anni fa, i ricercatori ritengono che l’atmosfera possa essere stata dominata dall’azoto con tracce di CO2 e metano proprio come la Terra oggi.

“Attualmente Venere ha quasi il doppio della radiazione solare che abbiamo sulla Terra. Tuttavia, in tutti gli scenari che abbiamo modellato, abbiamo scoperto che Venere poteva ancora supportare temperature di superficie suscettibili di acqua liquida ”, ha affermato Way.

Queste condizioni potrebbero essere state mantenute fino ad oggi se non si fosse verificato un misterioso evento cataclismico. Tra 700 e 750 milioni di anni fa, una serie di eventi ha rilasciato – o “degassato” – l’anidride carbonica immagazzinata nelle rocce del pianeta. Sebbene la causa esatta sia sconosciuta, gli scienziati ritengono che sia probabilmente stata collegata all’attività vulcanica come ciò che accade quando il magma bolle e rilascia CO2 dalle rocce fuse nell’atmosfera. Se queste rocce si fossero solidificate prima di raggiungere la superficie, sarebbe stata creata una barriera che impediva il riassorbimento del gas nelle rocce, provocando un effetto serra.

“Sulla Terra, abbiamo alcuni esempi di degassamento su larga scala, ad esempio la creazione delle trappole siberiane 500 milioni di anni fa, che è collegata all’estinzione di massa, ma nulla su questa scala. Ha completamente trasformato Venere ”, ha detto Way.

Il modo in cui questo processo si è verificato dipende da una più profonda comprensione di quanto rapidamente Venere si era inizialmente raffreddata dopo la sua formazione e se fosse in grado di condensare acqua liquida sulla sua superficie in primo luogo. Non è noto se l’evento di degassificazione si sia verificato in un evento o nel corso di diversi. In tutto, i ricercatori affermano che è necessaria una comprensione più profonda del pianeta roccioso per rispondere a queste domande.

Sapas Mons viene visualizzato al centro di questa vista prospettica tridimensionale generata dal computer della superficie di Venere. NASA / JPL 2018

Di Madison Dapcevich

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...