Ecco l’uomo che ha ucciso più di 5.000 elefanti: “Non sono pentito, se non fosse per i cacciatori i parchi sarebbero sovraffollati”

L’uomo, ritenuto uno dei cacciatori di elefanti più prolifici del mondo, sostiene che non sono una specie in via di estinzione, che i parchi naturali nel sud dell’Africa hanno “da 10 a 20 volte più elefanti” di quanto possano sostenere e che questo sta distruggendo l’ambiente

Una relazione della Campaign to Ban Trophy Hunting ha definito un cacciatore africano di 77 anni come uno dei cacciatori di elefanti più prolifici del mondo, avendo ucciso oltre 5.000 esemplari. Sul suo sito web, Ron Thomson sostiene di aver ucciso anche 800 bufali, 60 leoni, 50 ippopotami 40 leopardi. Questi totali non includono le uccisioni eseguite quando guidava un team di abbattimento, che ha messo fine alla vita di 2.5000 elefanti e 300 ippopotami nel Parco Nazionale di Gonarezhou negli anni ’70.

Loading...

Thomson, che ha lavorato nei parchi nazionali dell’Africa per quasi 60 anni, dice non essere assolutamente pentito degli animali che ha ucciso perché sostiene di non aver dato la caccia agli animali come sport ma perché stava gestendo la popolazione che altrimenti sarebbe andata fuori controllo. Tuttavia, i sostenitori dei diritti animali indicano che il numero di elefanti è in forte calo e che l’abbattimento per la gestione è spesso utilizzato come scusa per coprire una caccia ai trofei. Parlando a The Indipendent ha dichiarato: “Non sono assolutamente pentito di niente di quello che ho fatto perché non è questo il problema. Il problema è che abbiamo un gruppo di cosiddetti esperti occidentali che ci dicono cosa fare. Sono un ecologo universitario: saprò certamente qualcosa di questo”.

cacciatore elefanti

Credit: The True Green Alliance

Thomson, che oggi non caccia più regolarmente ma che andrebbe ancora se invitato, sul suo sito web è descritto come “uno dei cacciatori africani di grosse prede più esperto in vita oggi”. Durante la sua carriera, è stato un cacciatore professionista per 3 anni ed è stato guardia forestale del Parco Nazionale di Hwange, ricoprendo anche altri incarichi simili.

 

 

 

Nei video postati sul canale YouTube della sua organizzazione, The True Green Alliance, Thomson sottolinea la sua visione sulla conservazione della fauna selvatica. Sostiene che gli elefanti non sono una specie in via di estinzione, che i parchi naturali nel sud dell’Africa hanno “da 10 a 20 volte più elefanti” di quanto possano sostenere e che questo sta distruggendo l’ambiente. Senza un’adeguata gestione, inclusi gli abbattimenti, aggiunge che i parchi saranno sovraffollati e che metteranno in pericolo molte più specie rispetto ai soli elefanti.

Eduardo Gonçalves, fondatore della Campaign to Ban Trophy Hunting, ha criticato quanto sostenuto da Thomson. “La popolazione di elefanti africani nel suo complesso è in grave calo”, ha detto, aggiungendo che “ci sono numerosi esempi di “abbattimento da gestione” che vengono utilizzati come copertura per la caccia ai trofei”. Gonçalves sostiene che dagli anni ’80, il numero di elefanti nell’Africa meridionale è sceso da 1,3 milioni a soli 400.000. Nello stesso periodo, i cacciatori di tutto il mondo hanno portato nei loro Paesi di origine oltre 100.000 trofei. Il gruppo ha dichiarato che nel 2015 c’è stato un aumento di 4 volte del numero di trofei di elefanti rispetto al 1985 e il salto nella quantità di avorio preso nello stesso periodo è stato quasi di 12 volte. “L’industria della caccia ai trofei sta massacrando elefanti a destra e sinistra. Uccidere gli elefanti per divertimento è inaccettabile, a maggior ragione a causa della gravità della crisi attuale. Il recente aumento della caccia agli elefanti dimostra che l’industria è fuori controllo”, ha concluso.

Beatrice Raso

Fonte: www.meteoweb.eu

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...