Gli alberi hanno sempre più foglie (e non è una buona notizia)

Uno studio su Science rivela che il fogliame degli alberi è in aumento, un fenomeno che può contribuire al riscaldamento del pianeta

Sono, proverbialmente, il polmone verde della Terra. Che assorbe anidride carbonica dall’atmosfera e vi rilascia ossigeno grazie al processo di fotosintesi clorofilliana. Ma, ultimamente, pare che le piante stiano respirando un po’ troppo. E, nonostante possa sembrare il contrario, non è una buona notizia: stando a uno studio appena pubblicato su Science  da un’équipe di ricercatori della European Commission Joint Research Centre (Jrc) di Ispra, vicino Varese, infatti, l’area fogliare (una grandezza che misura la quantità di foglie per unità di superficie del suolo) è significativamente aumentata a livello globale negli ultimi trent’anni, un fenomeno che ha progressivamente contribuito al surriscaldamento delle aree boreali e al raffreddamento delle aree semiaride. E il cui impatto, quindi, dovrebbe essere tenuto in debita considerazione da politici e istituzioni chiamati a scegliere le strade più opportune da intraprendere per salvaguardare la salute del pianeta.

Loading...

È bene sottolineare, a scanso di equivoci, che l’aumento dell’area fogliare è stato osservato solo in aree già coperte da vegetazione e non in zone desertiche, che invece, come accertato da diversi altri studi, sono da lungo tempo in espansione. “Abbiamo analizzato osservazioni satellitari dell’intero pianeta, relative agli ultimi trent’anni”, ci spiega Giovanni Forzieri, ricercatore della Jrc della Commissione europea e primo autore del lavoro, “che ci forniscono informazioni sull’assorbimento di particolari lunghezze d’onda della luce solare da parte delle piante e quindi, in maniera indiretta, ci permettono di caratterizzare la vegetazione, stimare la quantità di foglie presenti al suolo e capire come questa sia legata alle variazioni di temperatura”. L’area fogliare, misurata attraverso il cosiddetto leaf area index (Lai) è risultata effettivamente essere in aumento in quasi tutte le regioni del globo, eccezion fatta per alcune piccole aree nelle regioni più settentrionali. Le cause di tale aumento sono molteplici: “Anzitutto”, continua Forzieri, “l’aumento di anidride carbonica nell’atmosfera, dovuto a fattori antropici: la CO2 costituisce una sorta di benzina per le piante, dal momento che ne favorisce i processi di fotosintesi e velocizza quindi la crescita della vegetazione ”. Ma non solo: hanno contribuito, secondo gli scienziati, anche la maggiore deposizione di sostanze azotate nel suolo (dovuta soprattutto al largo impiego di fertilizzanti), le nuove strategie di utilizzo del suolo (per esempio i piani di rinverdimento) e, ultimo ma non meno importante, il cambiamento climatico stesso, dal momento che le variazioni di temperature e precipitazioni medie hanno ripercussioni sulla flora.

Arriviamo così al punto centrale del lavoro dei ricercatori, relativo alle conseguenze dell’aumento della vegetazione. “L’aumento generalizzato del leaf area index, racconta Forzieri, “ha indotto risposte contrastanti nei climi regionali: in alcune zone si è registrato un effetto di riscaldamento, in altre l’effetto opposto”. In linea di principio, naturalmente, non è semplice capire se riscaldamento e raffreddamento siano effettivamente dovuti all’aumento del fogliame o vi abbiano contribuito anche altri fattori: per capirlo, gli scienziati si sono serviti di un modello statistico che ha consentito loro di scorporare i contributi dovuti a fattori diversi (tra cui la radiazione solare, le precipitazioni e, per l’appunto, l’aumento della vegetazione) e che ha confermato la significatività del contributo della maggiore area fogliare. “In particolare, abbiamo notato un aumento della temperatura di quasi un grado e mezzo negli ultimi trent’anni ascrivibile all’aumento del leaf area index nelle zone boreali, quelle più fredde”. La ragione sta nel fatto che, con un maggior numero di foglie, il suolo diventa più scuro (tecnicamente, ne diminuisce l’albedo, ovvero la quantità di luce riflessa) e tende ad assorbire più energia solare, il che porta per l’appunto a un surriscaldamento. “Nelle zone semiaride”, continua l’esperto, “è successo invece il fenomeno contrario: si è osservato un raffreddamento di circa un grado e mezzo in trent’anni, principalmente dovuto alla cosiddetta evapotraspirazione, il meccanismo con cui le foglie dissipano il calore nell’aria rilasciandovi acqua”.

Per di più, gli scienziati hanno osservato che tali effetti sono amplificati fino a cinque volte in condizioni estreme, cioè durante anni di particolare siccità, calura o quantità di precipitazioni. “Attualmente, i negoziati sul clima non tengono conto di tali aspetti biofisici di risposta del suolo”, conclude Forzieri. “I nostri risultati mostrano invece che si tratta di effetti importanti e significativi e quindi andrebbero integrati nella discussione e nella stesura di linee guida per il futuro”.

Foto:Getty images

Di Sandro Iannaccone

Fonte: www.wired.it

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.