Alzheimer: nuovo esame oculistico può individuare la malattia prima che i sintomi si presentino

Quanto prima il morbo di Alzheimer è diagnosticato, il paziente risponde  meglio al trattamento. Idealmente, il paziente deve iniziare ad avere trattamenti prima di visualizzare i sintomi neurologici. Per cercare di superare in astuzia la malattia, i ricercatori hanno creato  giochi di memoria e la posizione spaziale per identificare il discreto peggioramento nella funzione del cervello.

Un’altra novità della diagnosi precoce è l’esame della retina. La ricerca condotta presso l’Università del Minnesota (USA) è stato pubblicato sulla rivista Investigative Ophthalmology & Visual Science .

Loading...

Al lavoro, i ricercatori hanno rilevato cambiamenti nella retina di topi predisposti a sviluppare la malattia di Alzheimer.

Gli occhi come finestre sul cervello

I neurologi di solito dedicano una buona attenzione alla visita oculistica dei loro pazienti. “La retina non è solo ‘connessa’ al cervello – è parte del sistema nervoso centrale”, spiega il ricercatore Swati. Sebbene sia il cervello e la retina stanno cambiando con il morbo di Alzheimer, la retina ha un vantaggio: “A differenza del cervello, la retina è accessibile, il che rende facile individuare le modifiche da osservare. Noi percepiamo i cambiamenti nella retina di topi con Alzheimer prima dell’età tipica quando i segni neurologici vengono osservati. ”

Nuovi trattamenti

Oltre a fornire una diagnosi precoce per i pazienti, un altro obiettivo dello studio è di migliorare la realizzazione di farmaci per le prime fasi della malattia. Dal momento che il morbo di Alzheimer è di solito diagnosticato quando i sintomi neurologici sono già presentati, i farmaci esistenti mirano a questa ultima fase.

“I farmaci possono essere testati per determinare se sono efficaci nella malattia di Alzheimer precoce. Con uno strumento diagnostico precoce, si può contribuire allo sviluppo di nuovi farmaci “, ha detto il lavoro di un altro autore, Robert Vince.

Con questa tecnologia diagnostica, nuovi trattamenti possono essere sviluppati per la fase precedente della malattia. [ Science Daily ]

Fonte: hypescience.com

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

Per l’€™iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.