VULCANI E TERREMOTI ELETTRICI

Il fenomeno elettrico che chiamiamo fulmini non è ben compreso.L’interpretazione più comune prevede che la circolazione di vapore d’acqua su e giù attraverso le nuvole in un processo chiamato convezione.


L’acqua viene riscaldata dal sole fino a quando non evapora, sale in aria dove si raccoglie in nubi.
Il vapore d’acqua continua a salire sempre più in alto, infine subisce un raffreddamento sufficiente a condensare in un liquido.
La gravità terrestre lo attira poi indietro verso la superficie dove il ciclo si ripete.
Secondo le opinioni di consenso,le gocce d’acqua tendono a scontrarsi durante la convezione, facendo scontrare gli elettroni l’un l’altro,creando la separazione di una carica.
Gli elettroni si accumulano nella parte inferiore della nuvola, dove acquisisce una carica negativa.
Quando le gocce che hanno perso un elettrone continuano ad aumentare, portano una carica positiva nella parte superiore della nube.
Le regioni del differenziale di carica, o la separazione di carica, causano un campo elettrico in modo da formare tra loro, con una forza direttamente proporzionale alla quantità di carica elettrica.
Il campo elettrico può diventare così potente che respinge gli elettroni in superficie della Terra, costringendoli a diventare carica positiva.
Un percorso conduttivo tra le due regioni può iniziare una corsa che collega eventualmente con un certo filante positivo passando da terra.
Tale processo non può spiegare un fulmine vulcanico.
Molti scienziati planetari suppongono che la causa è simile, ma non vi è alcuna evidenza sperimentale per confermare l’idea.
Nel corso degli ultimi duecento anni di reporting, fulmini si sono visti nelle nubi di cenere che eruttate da numerose eruzioni vulcaniche.
Giganteschi schermi ramificati sono stati fotografati durante l’eruzione del Mt. Chaiten nel maggio del 2008.


Ci sono state segnalazioni di fulmini globulari più grande di palloni da spiaggia di laminazione lungo il terreno quando Mt. St. Helens eruttò nel 1981.

Loading...


L’Eyjafjallajökull ha prodotto lampi che illuminavano il cielo per molti chilometri.
Grandi “correnti telluriche” sono stati trovate in circolazione attraverso la crosta terrestre, perché il nostro campo magnetico induce il flusso di corrente in strati conduttivi.
Migliaia di flussi di ampere sotto la superficie, che variano a secondo della conduttività. Poiché il Sole può influenzare il campo magnetico terrestre attraverso le tempeste geomagnetiche, le fluttuazioni delle correnti telluriche possono verificarsi quando vi è un aumento in macchie solari o brillamenti solari, in quanto creano oscillazioni nella ionosfera.
A volte i terremoti sono in grado di produrre eventi luminosi come lampi di luce e altri, pure. La presenza di Fulmini globulari è stata riportata accompagnata da terremoti, come hanno fatto luminose,colorate formazioni di nubi che galleggiano nel cielo sopra gli strati fratturati.
Non è sorprendente che il bagliore degli scarichi si verifichi prima e dopo i terremoti: la compressione del quarzo crea un flusso di corrente elettrica.
Questa è una ragione per la quale il rumore radio può essere rilevato proveniente da aree in condizioni di stress estremo. E ‘solo che lo stress a causa della compressione?
Il quarzo reagisce allo stress producendo energia elettrica, ma quando i flussi di corrente elettrica attraversano il quarzo che vibra con una frequenza coincidente con watt di potenza in dotazione ad esso.
La Terra è simile ad un condensatore.

Un condensatore immagazzina carica elettrica.I condensatori sono costruiti con due conduttori, o “piatti”, separati da un isolante dielettrico.

La carica elettrica su una piastra attira una carica opposta all’altro, risultante in un campo elettrico tra loro.
All’aumentare della carica del condensatore, gli incrementi di campo elettrico, sottolineano le capacità dell’isolatore di separare cariche opposte.
Se un potenziale sufficientemente elevato cresce tra le due piastre conduttrici, il dielettrico isolante avrà esito negativo e il condensatore un corto circuito, rilasciando improvvisamente l’energia immagazzinata.
E ‘quel fenomeno che molto probabilmente contribuisce a generare le scariche elettriche atmosferiche.
L’Energia elettrica accumulata nelle nuvole e nel terreno supera la capacità dell’atmosfera di mantenere le due cariche separate, in modo da raggiungere gli uni agli altri come “colpi leader.” Quando i due fulmini leader si incontrano, un circuito tra le nuvole e la terra ( o tra una nuvola e l’altra) è completata da una raffica di lampi di corrente elettrica lungo il percorso conduttivo.
Il magma può essere considerato una forma di plasma liquido, ma può anche condurre l’elettricità. Poiché la ionosfera viene caricata dai brillamenti solari,la carica opposta è attratto dal magma sotterraneo.
Le correnti elettriche nel plasma schiacciano verso il basso in filamenti formando doppi strati. Le forze elettromagnetiche tra i filamenti di corrente e tra doppi strati possono provocare brusche variazioni di pressione.
Se,come detto sopra, la differenza di carica tra strati diventa troppo grande, un doppio strato può esplodere, rilasciando tutto il suo flusso di energia istantaneamente.
Così, i terremoti possono essere considerati una forma di fulmini sottoterranei.
Se c’è una rottura negli strati,permettendo al magma a raggiungere la superficie, lo scarico ad arco potrebbe collegare con l’esterno e un fulmine salterà dal cono di un vulcano.
Se i terremoti sono fulmini sotterranei, allora forse le onde sismiche sono i tuoni.
In tal caso, sembra probabile che la maggior parte del rilascio di energia durante un terremoto non è dalla frattura e il movimento degli strati, ma è il risultato di energia elettrica detonante all’interno della matrice.

Stephen Smith

Fonte: http://expianetadidio.blogspot.com/2012/03/vulcani-e-terremoti-elettrici.html

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina:

https://www.facebook.com/pages/Pianeta-blu/190882504295322

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.