Perché i milionari della Silicon Valley stanno costruendo bunker in Nuova Zelanda?

Lo fanno per proteggersi dalla crisi climatica. Nel caso in cui il pianeta collassi, il territorio della Nuova Zelanda sta diventando il luogo in cui potrebbero rifugiarsi da un simile disastro.

Sorge una domanda: perché i milionari della Silicon Valley stanno costruendo bunker in Nuova Zelanda? È una realtà che hanno acquistato terreni in quella nazione e costruito strutture protettive.

Loading...

COS’È LA SILICON VALLEY?

Conosciuta anche come Silicon Valley, è la parte meridionale della Baia di San Francisco , negli Stati Uniti. Il suo nome deriva dal gran numero di aziende “silicon chip” presenti in quel luogo, luogo emblematico della tecnologia.

La verità è che la Silicon Valley è la patria dei fondatori di Paypal, Facebook e di persone che investono e fanno fortune in questioni tecnologiche. Bene, queste persone sono quelle che ora stanno indicando la Nuova Zelanda come rifuggio.
 
In caso di catastrofe globale , i bunker saranno il loro rifugio. Apparentemente, questi piani sono iniziati nel 2011 dal creatore di Paypal, Peter Thiel. Ora, la situazione si è moltiplicata per altri milionari della tecnologia.

FUGGIRE DA UNA CATASTROFE CLIMATICA?

Sembra uscito da un film. L’idea del mondo che crolla, con la scarsità di cibo e un’atmosfera insopportabile. Inoltre, il caldo diventa così insopportabile che non puoi stare in superficie.

La verità è che il riscaldamento globale , l’ inquinamento, lo scioglimento dei poli, la crescita del buco dell’ozono e l’innalzamento del livello del mare sono una realtà . Non sorprende che siano state prese disposizioni in tal senso.

In ogni caso, sono le persone con potere economico che stanno costruendo i mezzi per sopravvivere. Esistono infatti diverse strutture protettive che vengono realizzate sul suolo neozelandese, con la capacità di ospitare famiglie.

Altri luoghi dove vengono realizzate costruzioni simili sono: Irlanda, Islanda, Tasmania e aree geografiche degli USA . Questi bunker ospitano depositi di cibo, essendo resistenti al fuoco e alle inondazioni.

C’È ANCHE IL PROBLEMA DELLA PANDEMIA

La recente situazione con il coronavirus ha mostrato quanto sia indifesa l’umanità. Oltre all’inquinamento a livello planetario, una malattia può attaccare su larga scala tutti gli abitanti della Terra.

È così che la Nuova Zelanda ha iniziato a costruire questi particolari rifugi. È già passato un decennio da quando sono iniziati i lavori per costruire i bunker e sempre più milionari sono interessati ad avere questo tipo di protezione.

La prima volta che si è discusso di bunker per la popolazione, è stato fatto nel contesto della Guerra Fredda . Si pensava che uno scontro nucleare potesse porre fine al pianeta e che si poteva sopravvivere solo in queste strutture.

 

Immaginavi che le persone benestanti costruissero questi rifugi? Ciò significa che la questione di un possibile disastro climatico è più vera e latente di quanto si pensasse.

Foto di Marius Oberholster da Pixabay

Fonte :MUY INTERESANTE

Hernán Lameda

Fonte: www.bioguia.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...