Uno studio sul DNA rivela che abbiamo un misterioso antenato umano

Un nuovo metodo per analizzare il DNA dell’uomo moderno e arcaico ha prodotto alcuni risultati affascinanti. Sembra che gli esseri umani moderni ( Homo Sapiens ) si siano accoppiati prima e più frequentemente con un antenato umano arcaico, una specie di ominini estinti. Inoltre, hanno trovato prove che il DNA di questo misterioso antenato umano arcaico fa ancora parte della nostra eredità genetica umana moderna.

Un team americano di scienziati, provenienti da importanti università americane, ha intrapreso un piano ambizioso per mappare il flusso di geni tra diverse specie di ominidi.  Il flusso genico è un’indicazione dell’incrocio tra antiche specie umane. Un nuovo algoritmo, noto come ARGweaver-D, è stato sviluppato da Melissa J. Hubisz per raggiungere gli obiettivi del progetto. Questo algoritmo ha permesso ai ricercatori di sviluppare un modello dei lignaggi dei primi esseri umani. Adam Siepel, che ha preso parte allo studio, ha dichiarato che “Stiamo cercando di costruire un modello completo per la storia evolutiva di ogni segmento del genoma, congiuntamente tra tutti gli individui analizzati” secondo WordsSideKick.com .

Loading...

Il nostro misterioso antenato umano arcaico e gli esseri umani estinti

Durante lo studio, i ricercatori hanno confrontato i genomi di due Neanderthal , un Denisova e due individui africani moderni. I Neanderthal ( Homo neanderthalensis ) erano una specie umana estinta che si estinse circa 30000 anni fa e un tempo abitava vaste aree dell’Eurasia . I Denisovani sono una specie misteriosa, conosciuta solo attraverso il loro DNA, che probabilmente si estendeva in un’area che copriva la Siberia e l’Asia orientale. I campioni di africani moderni sono stati selezionati perché è noto che non hanno geni di Neanderthal né di Denisovan.

La diffusione e l'evoluzione dei Denisoviani (John D. Croft / CC BY-SA 3.0)
La diffusione e l’evoluzione dei Denisoviani (John D. Croft / CC BY-SA 3.0 )

Sulla base del rivoluzionario algoritmo, i ricercatori sono stati in grado di sviluppare un grafo di ricombinazione ancestrale, che “include un albero che cattura le relazioni tra tutti gli individui in ogni posizione lungo il genoma e gli eventi di ricombinazione che fanno cambiare quegli alberi da una posizione al successivo “, ha detto Siepel Live Science  . Il team è stato in grado di costruire un quadro dell’ampio incrocio tra diverse specie di ominidi e ottenere informazioni anche sui loro modelli di migrazione.

Il DNA rivela il nostro misterioso antenato umano arcaico

I ricercatori hanno scritto su PLOS Genetics che “stimano che il flusso genico si sia verificato tra 200.000 o 300.000 anni fa. E la ricerca ha già dimostrato che gli esseri umani moderni, i Denisoviani, i Neanderthal si sono incrociati nel passato antico. Tuttavia, utilizzando il nuovo algoritmo, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che questo incrocio si è verificato molto prima di quanto si credesse. Sembra probabile che gli esseri umani anatomicamente moderni abbiano lasciato l’Africa e siano emigrati in Eurasia in un’ondata precoce e si siano accoppiati con i Neanderthal, prima che tornassero in Africa o si estinguessero.

I risultati di un campione di DNA denisovano sono stati notevoli. Inverse.com afferma che il “genoma conteneva materiale genetico che proveniva da una fonte inaspettata: un antenato umano arcaico che non era né umano, né Neanderthal, né Denisovan”. Questo era un mistero. I ricercatori hanno teorizzato che i geni potrebbero provenire dall’Homo Erectus . Un ominide estinto emerso in Africa circa due milioni di anni fa, l’ Homo Erectus è stato il primo essere umano arcaico a usare il fuoco e a migrare dall’Africa.

Il mistero di Homo Erectus

Tuttavia, la “storia” dell’ Homo Erectus non è provata perché non abbiamo alcun DNA di questa specie umana estinta da tempo. Siepel ha detto a  Live Science  che “il genoma di quella specie umana estinta non è mai stato sequenziato.” Di conseguenza, c’è ancora molto che non sappiamo sull’evoluzione umana, incluso se H. Erectus è il nostro antenato. È anche possibile che il misterioso DNA trovato “annidato” nelle sequenze del genoma provenga da una nuova e sconosciuta specie di antenati umani arcaici.

Una ricostruzione dell'Uomo di Pechino o Homo erectus pekinensis, un esemplare di Homo erectus trovato in Cina risalente a circa 750.000 anni fa.  (Cicero Moraes / Pubblico dominio)
Una ricostruzione dell’Uomo di Pechino o Homo erectus pekinensis, un esemplare di Homo erectus trovato in Cina risalente a circa 750.000 anni fa. 
(Cicero Moraes / 
Pubblico dominio )

La nuova ricerca indica che l’albero umano è molto più complesso di quanto si pensasse. Centinaia di migliaia di anni fa c’erano quattro specie di esseri umani e si sono incrociati. Sembra che le gamme dei nostri antenati arcaici si sovrapposero e che a causa delle loro migrazioni regolari si accoppiassero spesso con specie umane diverse. Lo studio mostra anche l’importanza della migrazione nell’evoluzione degli esseri umani moderni e arcaici.

Gli esseri umani moderni sono il risultato di una prole ibrida multipla

Siepel ha detto a  Live Science che “Un’immagine sta emergendo da una serie di popolazioni distinte ma collegate in movimento in tutto il mondo e che spesso interagirono tra loro, con eventi di incroci occasionali che hanno prodotto prole ibrida.” Non è noto se questi ibridi fossero abbastanza in forma da sopravvivere e avere una prole. Sembra probabile che almeno alcuni siano sopravvissuti e questo spiega l’eredità genetica distintiva di molti gruppi. Ad esempio, i tibetani e gli isolani del Pacifico mostrano tracce di DNA denisoviano.

Questi eventi di incroci sono stati molto importanti nell’evoluzione degli esseri umani moderni.  Science Daily riporta che “il 15% di queste regioni ‘super-arcaiche’ potrebbe essere stato tramandato agli esseri umani moderni. ” Ciò significa che i geni che fluiscono tra diverse specie umane arcaiche fanno ancora parte del patrimonio genetico delle persone moderne, comprese quelle da un antenato umano arcaico sconosciuto.

Chiaramente, l’algoritmo di nuova concezione può aiutare i ricercatori ad approfondire la storia evolutiva degli esseri umani arcaici e moderni. Siepel ha detto a Science Daily che “Sembra essere particolarmente potente per rilevare un’antica introgressione” o incroci tra specie. Ad esempio, l’algoritmo può essere adattato per aiutare gli esperti a comprendere gli eventi di accoppiamento tra lupi preistorici e cani. Finora, questo potente algoritmo ha già dimostrato che noi umani moderni probabilmente abbiamo un antenato umano arcaico che è ancora sconosciuto e senza nome.

Di Ed Whelan

Fonte:www.ancient-origins.net

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...