I meravigliosi colori degli insetti intrappolati nell’ambra di 99 milioni di anni

Incredibili davvero i colori di questi esemplari di insetti, perfettamente conservati nell’ambra risalente a 99 milioni di anni, quando i dinosauri vagavano ancora sulla Terra.

Un nuovo studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B mostra in modo stupendo come apparivano alcuni insetti del Cretaceo medio, facendo luce sul comportamento e sull’ecologia degli insetti nel profondo passato geologico.

Loading...

È insolito che nei dettagli fossili vengano conservati i dettagli strutturali, il che significa che la colorazione della maggior parte degli animali preistorici implica un’analisi approfondita combinata con una licenza artistica. Tuttavia, è stato scoperto che un tesoro di 35 esemplari di ambra ritrovati in una miniera nel Myanmar settentrionale, ha preservato la delicata morfologia delle specie di insetti che conviveva con i dinosauri.

“L’ambra è risalente alla metà del cretaceo, circa 99 milioni di anni fa, risalente all’età d’oro dei dinosauri”, ha affermato il dott. CAI Chenyang, professore associato presso l’Istituto di geologia e paleontologia di Nanchino dell’Accademia cinese delle scienze (NIGPAS), in un dichiarazione . “E’ essenzialmente resina prodotta da antichi alberi di conifere che crescevano in un ambiente tipo la foresta pluviale tropicale. Animali e piante intrappolati nella resina di spessore elevato sono rimasti conservati con altissima fedeltà, come se fossero ancora in vita ”.

L’incredibile collezione di globi in resina conteneva una vasta gamma di insetti, dalle vespe a cucù che ancora sfoggiano il blu metallico, il verde e il giallo che il CAI dice sono simili per colore alle odierne vespe cuculo , a una specie di scarabeo impregnata di blu e viola. “Abbiamo visto migliaia di fossili di ambra ma la conservazione del colore in questi esemplari è straordinaria”, ha affermato il co-autore Professor Huang Diying del NIGPAS.

Diversi insetti di colore strutturale nell’ambra medio-cretacea del Myanmar settentrionale. NIGPAS

Il colore conservato in questo modo è chiamato “colore strutturale” ed è causato da minuscole strutture sulla superficie dell’esoscheletro dell’insetto che diffondono le lunghezze d’onda della luce per produrre colori intensi e cangianti. Il colore strutturale è lo stesso fenomeno che rende le piume degli uccelli Cassowary così brillanti.

I ricercatori volevano capire perché il colore di questi esemplari fosse così ben conservato  in quanto questo non è avvenuto in altri campioni di ambra. Per scoprirlo, hanno tagliato i loro fossili colorati con lame di coltello diamantato (essenzialmente un coltello con una punta di diamante, molto affilato) e hanno confrontato le strutture con quelle dei campioni opachi, di colore marrone-nero usando la microscopia elettronica.

Confronti tra colori metallici originali e alterati nelle vespe cleptine. NIGPAS

Hanno scoperto che le nanostrutture degli insetti erano inalterate, il che significa che hanno mantenuto il loro colore mentre i campioni opachi sono stati gravemente danneggiati. Ciò indica che gli insetti perfettamente conservati erano colorati nel Cretaceo come appaiono oggi.

Sapendo questo, gli scienziati possono ora usare le indicazioni di colore degli insetti per aumentare le loro informazioni su come hanno vissuto. Ad esempio, le vespe cuculo colorate esistenti usano la colorazione strutturale per mimetizzarsi, quindi è possibile che questi antichi esemplari condividessero questo comportamento. In alternativa, la struttura superficiale dell’insetto potrebbe svolgere un ruolo nella termoregolazione, quindi saranno necessarie ulteriori ricerche per trarre conclusioni probabili, ma con campioni così perfettamente conservati, gli scienziati potranno iniziare a dipingere un quadro molto più chiaro e colorato dell’entomologia nel Cretaceo.

Che tipo di informazioni possiamo imparare sulla vita degli insetti antichi dal loro colore? Le vespe cuculo esistenti sono, come suggerisce il loro nome, parassiti che depongono le loro uova nei nidi di api e vespe non correlate. La colorazione strutturale ha dimostrato di fungere da mimetismo negli insetti, quindi è probabile che il colore delle vespe cuculo del cretaceo rappresentasse un adattamento per evitare il rilevamento. “Al momento non possiamo escludere la possibilità che i colori abbiano avuto altri ruoli oltre al camuffamento, come la termoregolazione”, ha affermato il dott. CAI.

Fonte:www.iflscience.com

Condiviso da: www.blueplanetheart.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...