Gli scienziati scoprono il più piccolo dinosauro del mondo “intrappolato” nell’ambra

Scienziati cinesi, americani e canadesi hanno scoperto il più piccolo dinosauro conosciuto intrappolato in un pezzo di ambra di 99 milioni di anni. Il fossile, trovato in Myanmar, è costituito da un cranio di un animale di dimensioni simili a un colibrì, l’uccello più piccolo oggi in vita.

La specie è stata chiamata Oculudentavis khaungraae .

Loading...

Piccolo, molto piccolo

La scoperta potrebbe aiutare gli scienziati a capire meglio come si sono evoluti gli uccelli più piccoli, poiché i dinosauri erano più grandi degli uccelli di oggi.

I più piccoli dinosauri precedentemente noti, come il Microraptor , pesavano centinaia di grammi. In confronto, un colibrì pesa solo due grammi.

“Gli animali che diventano molto piccoli devono affrontare problemi specifici, come l’inserimento di tutti gli organi sensoriali in una testa molto piccola o il mantenimento del calore corporeo”, ha affermato il professor Jingmai O’Connor, uno degli autori dello studio, dell’Accademia cinese. Science Center a Pechino (Cina).

La nuova specie sembra aver affrontato queste sfide in modi insoliti.

Occhi bizzarri

Una delle sorprese è stata la struttura degli occhi del dinosauro. Gli uccelli hanno un anello di ossa, l’anello sclerale, che aiuta a sostenere i loro occhi. Nella maggior parte di questi animali, le singole ossa, chiamate ossicini sclerali, sono semplici e ragionevolmente quadrate.

Gli occhi degli Oculudentavis avevano la forma di cucchiaio, una caratteristica precedentemente trovato solo in alcune lucertole. Inoltre, queste ossa degli occhi formerebbero un cono, come le ossa degli occhi dei gufi. Ciò indica che il dinosauro aveva una visione eccellente.

A differenza dei gufi, tuttavia, i piccoli occhi dei dinosauri erano laterali e l’apertura al centro degli ossicini era stretta, il che a sua volta doveva limitare la quantità di luce che entrava nei suoi occhi. Secondo gli scienziati, ciò suggerisce che Oculudentavis era attivo durante il giorno.

Questa bizzarra combinazione farebbe sì che gli occhi dell’animale si posizionino sulla sua faccia in un modo mai visto in nessun altro animale vivente, il che rende difficile capire esattamente come funziona.

“È il fossile più strano che abbia mai avuto la fortuna di studiare. Adoro il modo in cui la selezione naturale finisce per produrre forme così bizzarre. Siamo anche molto fortunati che questo fossile sia sopravvissuto ed è stato scoperto 99 milioni di anni dopo “, ha detto O’Connor.

Altre caratteristiche

Gli scienziati hanno anche affermato che nella mascella del dinosauro c’era un numero sorprendentemente elevato di denti.

Ciò sembra indicare che, nonostante le sue dimensioni, l’ Oculudentavis era un predatore che mangiava insetti.

Infine, alcuni tessuti molli sembrano essere stati preservati all’interno del cranio dell’animale \, in particolare alcuni resti della lingua del dinosauro, che possono portare i ricercatori a comprendere meglio la sua biologia.

Miniaturizzazione

Poiché il fossile è costituito da un solo teschio, i ricercatori non possono stabilire con precisione la sua relazione con altri uccelli. Alcune delle sue caratteristiche sono simili a quelle dei dinosauri, mentre altre sono più simili agli uccelli avanzati.

Secondo gli scienziati, queste caratteristiche potrebbero essersi evolute sia attraverso le restrizioni della miniaturizzazione sia attraverso la specializzazione in uno stile di vita particolare.

La posizione geografica del reperto potrebbe avere qualcosa a che fare con il suo processo di miniaturizzazione.

L’isolamento è spesso coinvolto nell’evoluzione di dimensioni corporee inferiori, con alcuni esempi notevoli sulle isole. È interessante notare che si ritiene che l’ambra del Myanmar si sia formata in un antico arco dell’isola.

“È una fortuna che questa piccola creatura sia stata conservata in ambra, poiché questi animali piccoli e fragili non sono comuni nei reperti fossili. Questa scoperta è entusiasmante perché ci dà un’immagine dei piccoli animali che vivevano in una foresta tropicale durante l’età dei dinosauri ”, conclude un altro autore dello studio, il Dr. Luis Chiappe, del Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles (USA) .

Un articolo sulla scoperta è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature . [ BBC ]

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...