L’ultimo degli Unicorni siberiani: cosa è successo alle bestie della leggenda con un solo corno di mammut?

unicorno siberiano

Elasmotherium , noto anche come il rinoceronte gigante o l’unicorno siberiano gigante, è una specie estinta di rinoceronte che viveva nell’area eurasiatica nel tardo Pliocene e nelle epoche pleistoceniche. Sono stati documentati da 2,6 milioni di anni fa, ma i fossili più recenti provengono da circa 29.000 anni fa. Il più noto di questa specie, l’ E. Sibiricum , aveva le dimensioni di un mammut, coperto di peli, e si pensa che avesse un grande corno sporgente dalla sua fronte, da cui il titolo “Unicorno siberiano”. Secondo le prime descrizioni stimate, la bestia era alta circa 2 metri, lunga 4,5 metri e pesava ben 4 tonnellate.

Decifrare la storia dell’unicorno siberiano

La specie, Elasmotherium, è stata nominata per la prima volta nel 1808 da Johan Fischer von Waldheim, il Dirécteur Perpétuel del Museo di storia naturale dell’Università di Mosca. Tutto ciò che produsse per sostenere il suo caso fu la mascella inferiore, donata al museo da Ekaterina Romanovna Vorontsova-Dashkova. Ma da questo, la specie è stata nominata e studiata ulteriormente.

La "mandibola di Mosca", olotipo di Elasmotherium sibiricum.
La “mandibola di Mosca”, olotipo di Elasmotherium sibiricum. 
Dominio pubblico )

Nel marzo 2016, nella regione di Pavlodar, in Kazakistan, è stato trovato un teschio splendidamente conservato, a dimostrazione del fatto che l’animale è vissuto fino all’era pleistocenica, circa 29.000 anni fa, invece della precedente convinzione in cui si credeva essersi estinto 350.000 anni fa. In base alle dimensioni e alle condizioni del cranio, è stato suggerito che fosse un maschio molto vecchio, ma non è chiaro come sia morta la bestia.

Loading...

Sono sorte varie teorie sull’aspetto dell’unicorno siberiano, insieme alla sua alimentazione e alle sue abitudini dovute all’ampia variazione delle ricostruzioni. Alcuni mostrano l’animale che galoppa come un cavallo; altri con la testa a terra, come un bisonte, e altri immerso in una palude come un ippopotamo.

'Elasmotherium' (circa 1920) di Heinrich Harder.
‘Elasmotherium ‘ (circa 1920) di Heinrich Harder. 
Dominio pubblico )

Dibattito sul corno e sull’estinzione dell’unicorno siberiano

La questione del corno è molto dibattuta, in genere riguarda se ce n’era uno o meno, quanto fosse grande e per cosa fosse usato. Le teorie sulla funzione del corno vanno dalla difesa, attirando i compagni, allontanando i concorrenti,per spazzare la neve dall’erba e per scavare alla ricerca di acqua e radici delle piante. Dato che erano animali erbivori, come i nostri rinoceronti moderni, questo corno non avrebbe potuto essere usato per attaccare o uccidere le prede. Esistono solo prove circostanziali da esemplari sparsi per dimostrare se l’unicorno asiatico fosse con il corno o meno e se fosse peloso o calvo. Tuttavia, ci sono alcune prove che suggeriscono che la creatura fosse coperta di peli, come il più noto mammut lanoso.

Interpretazione dell'artista del rinoceronte "Unicorno gigante", Elasmotherium sibiricus del Pleistocene Siberia.

Interpretazione artistica del rinoceronte “Unicorno gigante”, Elasmotherium sibiricus del Pleistocene Siberia. 
(Apokryltaros / 
CC BY SA 3.0 )

Le prove principali che suggeriscono che l’unicorno siberiano fosse in realtà cornuto è la protuberanza frontale sul cranio, che catturò l’attenzione dei paleontologi nel 19 ° secolo e fu immediatamente interpretata come la base per un corno. Le prove mostrano anche che il corno non sarebbe stato circolare. Ciò è supportato da un fossile con una ferita non circolare, parzialmente guarita nella base, di solito interpretata come il risultato di un duello con un altro maschio con un corno.

Fossile di Elasmotherium in mostra al Museo di Storia Naturale di Londra.
Fossile di Elasmotherium in mostra al Museo di Storia Naturale di Londra. 
CC BY SA 3.0 )

Mentre i maschi combattevano per il loro territorio, il loro habitat si estendeva dal fiume Don a est del moderno Kazakistan. I ritrovamenti di residui mostrano una lunga dimora di questi antichi rinoceronti nel sud-est della pianura siberiana occidentale. Tuttavia, non vi è alcuna chiara ragione per cui gli ultimi unicorni siberiani si siano estinti. I ricercatori hanno esaminato i fattori ambientali specifici che potrebbero aver causato l’estinzione di questa specie, poiché potrebbe portare a risposte all’estinzione che devono affrontare oggi varie specie.

Il leggendario unicorno

Le leggende dell’unicorno, o la bestia con un solo corno, sono in circolazione da millenni in Cina e in Europa orientale. Il cinese “K’i-lin”, riferito a una specie di creatura, è stato tradotto in lingue e tradizioni turche e mongole. Mentre gli scrittori in tutte queste lingue non sapevano come descriverla, un tema comune era il corno singolo, insieme alla loro vasta statura.

Una nave di bronzo del periodo degli Stati Combattenti mostra un animale molto simile a quello raffigurato nelle pitture rupestri che si dice essere Elasmotherium : testa in giù per il pascolo, corno che sporge dalla fronte e testa e spalle accasciate. Nel 1866, Vasily Radlov trovò una leggenda tra gli Yakut della Siberia di un “enorme toro nero” ucciso da una sola lancia. Si diceva che la bestia avesse un solo corno così grande che doveva essere trasportato su una slitta. Altre leggende circolano in questa regione, di solito riguardanti un grande toro lanoso bianco o blu con un grande corno nella sua fronte.

In alto: arte rupestre di Rouffignac, in Francia, pensata per rappresentare l'Elasmotherium estinto.  In basso: Elasmotherium sibiricum.
In alto: arte rupestre di Rouffignac, in Francia, pensata per rappresentare l’Elasmotherium estinto. 
Dominio pubblico ) In basso: Elasmotherium sibiricum. 
(DiBgd / 
CC BY SA 3.0 )

Dalla Russia settentrionale medievale proviene una collezione di ballate, chiamate “Golubinaia kniga” o “Il libro della colomba”, provenienti dallo zoroastrismo, ma con sfumature cristiane. Queste ballate mostrano un unicorno che combatte contro un leone. L’unicorno di queste storie viveva su una montagna sacra e si credeva fosse la madre e il padre di tutti gli animali. Questa creatura ha salvato il mondo dalla siccità scavando sorgenti di acqua pura e pulita con il suo corno. Di notte, vagava per le pianure e creava un sentiero con lo stesso corno.

Questa stessa creatura appare in altri testi religiosi, tuttavia è generalmente vista più come una creatura simbolica che come un’entità reale. La parola Arabo-Persiano per unicorno in realtà unisce unicorno e rinoceronte, guardando al rinoceronte come un portatore di verità e di bene nel mondo. Nel cristianesimo, il corno singolo è visto come un simbolo del monoteismo.

Fanciulla con unicorno, arazzo, XV secolo (Musée de Cluny, Parigi)
Fanciulla con unicorno , arazzo, XV secolo (Musée de Cluny, Parigi). 
Dominio pubblico )

Mentre la mitologia può indicare l’attualità di questa creatura, è semplicemente una prova circostanziale. Altre ricerche e più fossili devono essere trovati prima che possiamo sapere con certezza che aspetto avesse questa creatura e se gli unicorni fossero o meno reali.

Immagine in alto: una ricostruzione dell’aspetto dell’unicorno siberiano. Fonte: Hoy

Di  Veronica Parkes

Fonte: www.ancient-origins.net

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...