Le piante emettono urla ad ultrasuoni quando sono stressate e possiamo anche dire perché

Una nuova ricerca dell’Università di Tel Aviv in Israele ha scoperto che le piantagioni di pomodori e tabacco possono parlare. Sfortunatamente, non abbiamo potuto sentire.

Usando le registrazioni, gli scienziati hanno concluso che le piante emettono suoni ad ultrasuoni quando sono stressate, per mancanza di acqua o quando il loro stelo viene tagliato.

Questi suoni sono a frequenze che gli umani non possono sentire, ma gli insetti, altre piante e alcuni mammiferi possono farlo.

Loading...

Media sugli ultrasuoni emessi dalle piante

Ricerche precedenti hanno scoperto che le piante possono comunicare, sono brave in matematica , hanno ricordi , riconoscono rivali e amici .

Ora il nuovo studio ha scoperto che anche loro possono urlare. I ricercatori hanno posizionato i microfoni a dieci centimetri di distanza dalle piante e hanno raccolto suoni ad ultrasuoni nell’intervallo da 20 a 100 kilohertz.

“Questi risultati possono cambiare il modo in cui pensiamo al regno vegetale, che finora è stato considerato quasi silenzioso”, hanno scritto gli scienziati in un articolo non ancora pubblicato.

In media, i pomodori stressati dalla mancanza d’acqua producevano 35 suoni all’ora, mentre le piante di tabacco producevano 11. Senza lo stelo, i pomodori producevano 25 suoni all’ora e il tabacco 15. Le piante non sollecitate producevano meno di un suono all’ora, in media.

Gli scienziati sono stati anche in grado di differenziare la causa dello stress (acqua o fusto) utilizzando un modello computerizzato. I due suoni erano distinti da vento, pioggia e altri nella serra, oltre ad avere intensità e frequenza diverse.

Agricoltura di precisione

Sebbene gli scienziati abbiano studiato solo pomodori e tabacco, credono che anche altre piante possano emettere suoni quando sono stressate.

In esperimenti preliminari, i suoni ultrasonici sono stati registrati in un cactus spinoso ( Mammillaria spinosissima ) e in un’ortica ( Lamium amplexicaule ).

Secondo lo studio, i risultati potrebbero essere interessanti per gli agricoltori. Se esiste un modo economico ed efficace per “ascoltare” le piante, possono quindi rispondere di conseguenza, annaffiandole quando necessario, ad esempio.

“Il suggerimento che i suoni prodotti dalle piante stressate dalla siccità potrebbero essere utilizzati nell’agricoltura di precisione sembra praticabile se non è troppo costoso creare registrazioni in una situazione sul campo”, ha affermato Anne Visscher del Royal Botanic Gardens Kew presso UK.

Gli insetti possono sentire?

Ricercatori israeliani hanno suggerito che insetti come le tarme potrebbero sentire queste grida ultrasoniche e, ad esempio, decidere di non deporre le uova su piante stressate.

Altre piante potevano anche ascoltare e rispondere ai lamenti dei loro colleghi.

Dal momento che non ci sono stati esperimenti per dimostrare se un animale può sentire e rispondere a questi suoni, l’idea rimane per ora speculativa.

Edward Farmer dell’Università di Losanna in Svizzera ha dichiarato di essere scettico sui risultati del nuovo studio.

Lo scienziato ha detto che dovrebbero essere fatti più esperimenti con i controlli, come la registrazione dei suoni del suolo senza piante. [ NewScientist ]

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...